0

Wine tourism in Italy (Enoturismo in Italia con Officine Turistiche)

(ENG version   —   segue versione ITA)

I have always stated that traveling, for me, means living (at least temporarily) the lives of local people: those who live that place every day, as well as shopping at the supermarket, eat the REAL traditional dishes and drink all the local wines, going beyond any stereotype, legend, “hearsay”.

Then, I “met” in the Internet a slogan: “Eat local, drink local, with the locals,” the clear message of the touristic association Officine Turistiche which promotes wine&food tourism all around Italy!

And I also believe in the immense force of wine tourism, successfull phenomenon which is exploiding in Italy thanks to the complete offer made of history, art, nature, tradition, diversity and weather too and that I like to stress again and again!

And the words used by the association could not better express this concept which becomes exactly their philosophy: “Because we are convinced that even in the most popular places, something has not been told yet. Because in an era of mass tourism we are curious and interested in discovering places and things less celebrated but no less deserving”.

So, please find more details on Officine Turistiche website especially about their wonderful tours.

Officine_Turistiche

Officine_Turistiche_logo

(versione ITA)

Ho sempre sostenuto che, per me, viaggiare significa vivere (almeno parzialmente e temporaneamente) la vita delle persone del posto: frequentare chi vive lì tutti i giorni, così come fare la spesa al supermercato, mangiare i VERI piatti della tradizione e bere i vini locali, al di là di ogni stereotipo, leggenda, “sentito dire”.

Poi, ad un certo punto, “incontro” in rete uno slogan: “Eat Local, drink local, with the locals”, il messaggio chiaro dell’associazione Officine Turistiche che promuove il turismo… ENOsostenibile!

E credo anche nella forza immensa dell’enoturismo, fenomeno in larga espansione, che in Italia dovrebbe esplodere grazie alla completezza dell’offerta tra storia, arte, natura, tradizione, diversità e clima, che voglio sottolineare ancora una volta io stessa rischiando la retorica!

E le parole usate dall’associazione stessa non potrebbero esprimere meglio tutto questo, la loro stessa filosofia: “Perché siamo convinti che anche nei luoghi più frequentati non tutto sia stato visto e raccontato. Perché in un’epoca dominata dal turismo di massa siamo curiosi ed interessati a conoscere mete meno celebrate ma non per questo meno meritevoli”.

Rimando al sito stesso a questo punto, per scoprire di più e meglio degli itinerari a piedi o in bicicletta a stretto contatto con il territorio e i loro interessantissimi tour.

0

FOCUS: Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG in Veneto (region in north-east of Italy)

(ENG version   —   segue versione ITA)

veneto map

veneto map

What a great tour the one I recently organize in Conegliano-Valdobbiadene area where Prosecco is produced!

Maybe also thanks to the wonderful weather I found, the characteristic landscape, the towns: welcoming and refined, the visible history, not to mention the local cuisine. So I had fun: with the steering wheel of my car (for rent) in one hand and the GPS in the other, I went up and down the hills of the province of Treviso (Veneto region-north east of Italy) to try some Proseccos ..

I think it’s a wine beloved by many but not always understood by others; probably one of the reasons is that it is often mistakenly compared to the classic method sparkling wines (or, worse, to Champagne) but, instead, it is completely different with another collocation.

(As usual, I will start with some general information about communication and production and finally  I’ll note some comments about the companies I visited).

  • Curiosity and designation

“Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore” seems to be difficult to be pronounced even by Italians themselves. Not to imagine by foreigners, says some expert of international marketing. But there is a logical behind this “name-delimitation”.

We all know the success of Prosecco and because of such a popularity, many producers, even abroad, have tried to reproduce this wine; perhaps a bit as happened with the notorious red wine of Tuscany, “Chianti” (until they delimited the historical production area of the current “Chianti Classico”).

Prosecco, in general, is one of the symbols of Italian viticulture in the world, is an icon of the aperitif and has now decided to directly compete with Champagne’s number as I wrote recently (read here). This is because it is a light and pleasant wine that often does not require too many explanations, it’is immediate.So many wanted to take advantages of this positive trend until a regulation has been established.

The Pyramid represented here on the side can give a good idea:

  • at the base: Prosecco DOC, produced in 9 Italian districts located between 2 regions: Veneto and Friuli (north-east of Italy);

    pyramid

    pyramid

  • Then, we find a restriction with the 2 DOCG “Asolo” and our zone of interest located in the historic area of production for Prosecco called “Prosecco Superiore” and it is-just the area between the towns of Conegliano and Valdobbiadene;
  • At this point there is a further fragmentation, the denominations identified on the label with the name “Rive” which identify products from grapes coming from only one township or part of it, to enhance the characteristics that a territory gives to wine.
  • Finally, the top: the cru “Cartizze” produced where viticulture is defined heroic in many cases.

For the latter two, specific restrictions are foreseen in order to offer the highest quality when consimers find “Cartizze” or “Rive of … (name of the town)” on the label.

  • Territory
    • We are in the hilly area of the province of Treviso where the slopes become, in some cases, very steep and difficult to work.
    • there are 15 municipalities with 6,000 hectares of vineyards registered included the 100 located in the Cartizze.
    • The vine is grown only in the sunniest part of the hills, at an altitude between 50 and 500 meters above sea level. The climate is mild. The temperature changes along with exposure to the southeast and balanced rainfall combine themselves to soil composition that varies from area to area (usually there is limestone in the central area, and marl in Cartizze).

 

territory

territory

  • Grapes and wines
    • Prosecco is a white wine, fresh and light, specially produced in the sparkling version and made of 85% of the indigenous grape GLERA (for a maximum of 15%, it is possible to add local varieties such as Verdiso, Perera and Bianchetta and/or also Pinot and Chardonnay).
    • PRODUCTION METHOD: Charmat, so the second fermentation (the process that distinguishes a sparkling wine from the others because it generates carbon dioxide by the addition of yeast and sugar) takes place in the autoclave (and not in the bottle as for the classical method). I wrote about it recently, read here.
    • TASTE: it is often produced in softer versions, that is, with greater amounts of sugars, so “extra-dry” or, as for the Cartizze, in the version “Dry”; more and more manufacturers produce even the drier versions “Brut” or even “Extra-Brut”, i.e. versions in which the quantity of sugar is reduced;
    • PAIRINGS: is the king of the aperitif in the world but, please, do not mix as a base for other drinks, say enthusiasts. Versions Brut and Extra Brut match well with not too elaborate dishes;
    • SERVICE and STORAGE: serve it in a specific glass called “for prosecco” (specifically made by Riedel) or in a tulip glass (best of the classical flute imagined to appreciate the bubbles but not perfectly suited to tasting). Serve at 6-8 ° and consume quickly, basically within 18/24 months.
    • The concept “millesimato” is less relevant than other sparkling wines produced by classic method.

 

  • The consortium and communication

The consortium does a great job. Just think of all those simply ask for “a Prosecco” in a bar, as a symbol of the aperitif in Italy and beyond.

Today, the communication objectives are more aimed to help people understand the difference between the Conegliano-Valdobbiadene called “Superiore” as well as the chance to enjoy it in combination with different dishes and not just for special occasions. In this regard several initiatives have been made and very interesting  publications have been realized, for example a book has been realized in collaboration with some important chef too who used Prosecco even for the realization of their recipes, the goal is to raise awareness of the product and report its versatility.

consorzio

consorzio

The consortium is very close to the companies but especially to consumers and enthusiasts, guiding them with a great job of Public Relations (in the case of experts) and training, see for example the opportunity to study with the Academy and videos available on the site the Consortium.

 

  • The Cellars

As usual the choice of wineries is very difficult, I selected some with the aim to get a reasonable number for my week- tour and to have a general idea. But I will return to be surprised as happened this time!

CARPENÈ MALVOLTI

I can only begin with the historical company, protagonist of success and development of this wine, founded at the end of ‘800 by Antonio Carpenè and, still run by the family at its fifth generation now.

Carpenè family has worked on the production method and improved many of the production techniques over the years, founded the Wine School of Conegliano (The 1st wine school in Italy) and subsequently the Consortium along with some other producers. They are the only ones located in Conegliano downtown and remain a guarantee thanks to quality and numbers too (5.5 million bottles. per Year) that allows to easly find the product. I appreciate both the “classic” product “Conegliano-Valdobbiadene Prosecco Superiore Extra dry” with its excellent value for money, either the Brut  version! Moreover, it is always interesting to taste the products that recall the traditions as the Rosé (Brut) from Pinot Noir and 15% of Raboso, a little-known local red.

villa sandi from the inside

villa sandi from the inside

VILLA SANDI

Other prestigious name, other guarantee. A beautiful Villa that, in fact, gives the name to the company and dated back to the seventeenth century, not to mention the underground cellars, very fascinating. The family-Moretti Polegato is at the direction; they have developed  exceptional communication and hospitality. Not surprisingly, in addition to the Villa -often chosen by Americans and not only, for special events-there is a splendid “Locanda Sandi” from the more rustic tone but particularly refined. The wines are certainly pleasant and I’m not just talking about the Prosecco Valdobbiadene Superiore (Extra dry) or the elegant Cartizze “Vigna La Rivetta” that can be appreciated right away thanks to a beautiful packaging, but there are also interesting reds (I like to review separately). “Corpore” a Merlot made with the notorious winemaker mr. Cotarella, or, for example, “Marinali” (red version) to enhance the local variety, Raboso.

MALIBRAN

Shifted towards Conegliano area with hills less steep in some cases, is certainly one of my favorite companies of this tour, I have no doubts!

The visit with Maurizio Favrel, young owner, was very detailed and interesting: we analyzed the individual vineyards and then tasted the individual bases. I clearly perceived the great passion for the land first. I really loved all the company’s products: from Prosecco Superiore in its most classic version, Extra-dry, till the drier version (Brut) I generally prefer and which expresses the same balance, pleasantness and fruit you expect from Prosecco. And then the Prosecco with sediments (yeasts are visible, so the product is intentionally not perfecly clear) to remember the tradition when the sparkling wines were made so; an intense and direct product! Congratulations!

BELLENDA

Passion, pride, respect for the territory and tradition. All the ingredients of a company with a relay which I highly recommend “Alice”. With the owner I discussed a lot about the Italian nature of Prosecco, which -together with Asti-, is a real Italian sparkling wine, which does not try to copy any other production. They  believe so much in the classic method, on the other hand, at the very beginning, Prosecco foresaw the second fermentation in bottle too.

bellenda and alice relais

bellenda and alice relais

“Glera perfectly works in autoclave unlike some other grapes but there are no reasons why all wines have to be perfect, as long as they are good”: this is the philosophy I would define experimental but also traditional. Now, you just have to try these wines,  they all have personality.

PERLAGE WINES

Organic farm. I have been there in a sunny afternoon. The line is very wide and offers a lot of choice, among the others, the line produced for youngs with a very colorful packaging and an immediate product, “Perlapp” with its App. I also tasted the vegan Prosecco (during the process of clarification only vegetable proteins instead of animal ones are used).

TANORÈ

Just Wonderful! And what a nice interview: without emphasis, with respect, love and determination: real  people who do not care about popularity because they believe in what they do and their territory. They have received many awards this year for their classy products. Balanced, with a certain structure, complex, even long-lived in some cases. These are the wines I would suggest to

tanorè

tanorè

those who have not yet understood Prosecco, or believe it is a simple wine and nothing more. No reasons to write notes about the wines, pick anyone.

VAL D’OCA

Probably the largest in the area, with its 12 million bottles can offer a nice value for money and many different products with different packaging, to meet the different tastes. I wrote recently in this regard so I refer to the previous article.

WINE SCHOOL

I also like to mention such an institution, very important for the all area. Founded in 1876 by Carpenè is nowadays an important landmark. I took a tour with the Principal with her great kindness and personality at the same time who confessed registrations increased in recent years with still a low percentage of women.

It was here that the famous “cross Manzoni” which takes its name from the man who was the Principal of the School and implemented a genetic modification of different varieties to get best features, had been generated. The crossings are different and identified with codes, the best known is probably 6.0.13 (white).

But to teach how to make wine … they need to make it and then here we find about 13 hectares for a production of several thousand bottles; I was lucky enough to try a few and it is a fortune since these wines are available only at the school but, clearly, not distributed (as they do not have any commercial scope); there are several ones: whites, reds, rosè, sparkling ones and so on; I have been impressed by their Glera (which is generally the base for Prosecco) for an amazing price!

wine school

wine school

MISCELLANEOUS

Beyond the company I visited I’ve got to try some other wines, I limit myself to those I drank in the same week when the comparison between the products is more effective. Foss Marai is a beautiful product that never disappoints and even the bottles look good.

De Faveri is classy, refined, I highly recommend it!

Finally, Col Veltoraz, of which I often read different opinions but I appreciated the “Brut zero” that would essentially be a dosage zero (no sugar) I found balanced, pleasant and also suitable for the entire meal.

 

There will be new tour and new wine tastings and I will update and supplement this report with news.

I apologize for any shortcomings.

(versione ITA)

Ma che tour quello fatto nella zona Conegliano-Valdobbiadene!

Sarà stato il clima super con un sole splendente, il paesaggio caratteristico, i centri accoglienti e curati, pieni di storia, per non parlare della cucina tipica. Insomma mi sono tanto divertita: con il volante della mia auto in affitto in una mano e il navigatore nell’altra sono andata su e giù per le colline della provincia di Treviso a provare qualche Prosecco..

Penso che sia un vino amatissimo da alcuni, meno capito da altri; probabilmente una delle varie ragioni è che sia spesso erroneamente comparato agli spumanti Metodo Classico (peggio, allo Champagne) ma, invece, ha tutt’altra collocazione e se si chiarisce ciò, si può iniziare veramente a conoscerlo.

territorio

territorio

(Come al solito inizierò con un po’ di informazioni generali e alla fine lascerò qualche considerazione sulle aziende visitate).

Curiosità e denominazione

“Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore” pare essere difficile da pronunciare perfino dagli italiani. Figuriamoci dagli stranieri, sostiene qualche esperto di marketing ed export. Ma c’è una logica e c’è, soprattutto, un esigenza dietro questa “denominazione-delimitazione”.

Conosciamo tutti il successo del Prosecco ed è grazie alla sua popolarità che moltissime zone di produzione, perfino all’estero, hanno cercato di riprodurre questo vino così intrigante; forse un po’ come è accaduto con il Chianti (fino ad arrivare alla delimitazione della zona di produzione storica del Chianti Classico).

Il Prosecco, in generale, è -infatti- uno dei simboli della viticoltura italiana nel mondo, è icona dell’aperitivo e ha ormai deciso di competere direttamente con i numeri dello Champagne come scrivevo di recente (leggi qui).  Questo perché si tratta di un vino leggero e piacevole che, spesso, non richiede troppe spiegazioni, è immediato e conquista un po’ tutti. Ecco che si è cercato di approfittare di questo trend positivo finché non si è resa necessaria una regolamentazione.

La Piramide qui rappresentata può rendere bene l’idea:

  • alla base c’è il Prosecco DOC, prodotto in 9 province italiane situate tra il Veneto e il Friuli;
  • poi, a imbuto, iniziamo a restringere il campo alle 2 DOCG “Colli Asolani” e la nostra area di interesse collocata nella zona storica di produzione del Prosecco chiamata “Prosecco Superiore” ed è -appunto- la zona compresa tra le cittadine di Conegliano e Valdobbiadene;

    pyramid

    pyramid

  • A questo punto è prevista (da un po’ di tempo a questa parte) un’ulteriore parcellizzazione, le “Rive”: che individuano un prodotto da uve provenienti da un unico Comune o frazione di esso, per esaltare le caratteristiche che un territorio conferisce a quel vino;
  • Infine, il top: il cru “Cartizze” posto ancora più in alto dove la viticoltura è definita eroica.

Per questi ultimi 2 sono previste specifiche restrizioni (e diverse tra loro) al fine di offrire la massima qualità al consumatore attento a leggere sull’etichetta “Cartizze” o “Rive di… (nome del comune)”.

Territorio

  • Siamo nella zona collinare della provincia di Treviso dove i pendii diventano, in alcuni casi, veramente ripidi e difficili da lavorare.
  • 15 comuni con 6.000 ettari di vigneto iscritti all’albo e, di questi, poco più di 100 si trovano nel Cartizze.
  • La vite è coltivata solo nella parte più soleggiata dei colli, ad un’altitudine compresa tra i 50 e i 500 metri sul livello del mare. Il clima è mite. Le escursioni termiche, l’esposizione a sud-est e le precipitazioni si combinano alla composizione del terreno che varia di zona in zona (generalmente calcareo nella zona centrale, con marna in Cartizze)
carpenè malvolti

carpenè malvolti

Uve e vini

  • Il Prosecco è un vino bianco fresco e leggero, prodotto specialmente nella versione spumante e fatto per l’85% di uva GLERA (per il 15% è concesso l’uso di Verdiso, Perera e Bianchetta, varietà locali e poi Pinot e Chardonnay).
  • METODO DI PRODUZIONE: Charmat, quindi la seconda fermentazione (il processo che distingue un vino spumantizzato dagli altri perché genera l’anidride carbonica per mezzo dell’aggiunta di lieviti e zuccheri) avviene in autoclave (e non in bottiglia come previsto dal metodo classico). Ho già scritto a riguardo di recente, leggi qui.
  • GUSTO: è spesso prodotto nelle versioni più morbide, cioè con maggiore quantità di zuccheri “Extra –dry” o, come per il Cartizze, nella versione “Dry”; sempre più produttori producono anche la versione più secca “Brut” o addirittura “Extra-Brut” cioè versioni in cui la quantità di zuccheri si riduce sempre di più;
  • ABBINAMENTI: è il re dell’aperitivo nel mondo ma, per carità, non miscelare come base per altre bevande, direbbero gli appassionati. Le versioni Brut ed Extra Brut si abbinano bene anche a piatti non troppo elaborati:
  • SERVIZIO e CONSERVAZIONE: il Prosecco è da bere nel bicchiere “da prosecco” appositamente realizzato (dalla Riedel) oppure in un calice a tulipano (meglio della classica flute immaginata per apprezzare le bollicine ma non perfettamente adatta alla degustazione). Servire a 6-8° e consumare in tempi brevi, tendenzialmente non oltre i 18/24 mesi.
  • Relativo e meno rilevante il concetto di Millesimato per il Prosecco (rispetto, invece, agli spumanti Metodo classico in generale o allo Champagne)

Il consorzio e la comunicazione

Il consorzio svolge un ottimo lavoro, come non tutte le regioni in Italia devo ammettere, ed è anche suo il merito di tanto successo. Basti pensare a quanti recandosi in un bar chiedono “un Prosecco” come simbolo dell’aperitivo, in Italia e non solo.

Oggi, gli obiettivi di comunicazione sono ulteriori e finalizzati a far comprendere la differenza tra il Conegliano-Valdobbiadene denominato -appunto- superiore nonché la possibilità di goderselo anche in abbinamento a diversi piatti e non solo per le occasioni importanti. A tal proposito sono stati realizzati degli eventi e pubblicati dei testi molto interessanti, tra i quali uno in collaborazione con chef che hanno utilizzato il Prosecco addirittura per la realizzazione stessa di alcune ricette, il fine è quello di far conoscere meglio il prodotto e comunicarne la versatilità.

Il consorzio è molto vicino alle aziende ma soprattutto al consumatore e agli appassionati guidandoli con un ottimo lavoro di Pubbliche relazioni (nel caso degli addetti ai lavori) e di formazione addirittura, non ultima la possibilità di studiare con l’Academy e i video disponibili sul sito del Consorzio stesso.

 

Le cantine

Come sempre, la scelta delle cantine è molto difficile, mi sono avvalsa -anche in questa occasione- dell’aiuto del Consorzio con l’obiettivo di selezionare un numero di cantine ragionevole per la mia settimana di tour e che mi potesse dare un’idea generale. Ma tornerò più che volentieri per continuare ad essere sorpresa così come è accaduto questa volta!

CARPENÈ MALVOLTI

Non posso che iniziare con l’azienda storica, protagonista del successo e dello sviluppo stesso del vino, fondata a fine ‘800 da Antonio Carpenè e, ancora oggi, gestita dalla famiglia alla sua V generazione ormai.

carpenè malvolti

carpenè malvolti

I Carpenè hanno lavorato sul metodo di produzione e migliorato molte delle condizioni e delle tecniche produttive negli anni, hanno fondato la Scuola Enologica di Conegliano (I scuola enologica in Italia) e successivamente il Consorzio insieme a qualche altro produttore. Sono gli unici ad essere in Conegliano paese e restano una garanzia grazie alla qualità e ai numeri (5,5 mln di bott. l’anno) che consentono di trovare il prodotto senza troppe difficoltà. Apprezzo sia il “classico” della gamma: il Prosecco Conegliano-Valdobbiadene Prosecco Superiore nella sua versione Extra dry dall’eccellente rapporto qualità-prezzo, sia la versione Brut senza dubbio. Sempre interessante resta degustare anche i prodotti che richiamano, in qualche modo, la tradizioni come il Rosè (Brut) da uve Pinot nero e per il 15% di Raboso, un rosso locale poco noto.

VILLA SANDI

Altro nome prestigioso, altra garanzia. Bellissima la Villa che, appunto, dona il nome all’azienda e risale al XVII secolo, per non parlare delle cantine sotterranee, molto affascinanti. È la famiglia Moretti-Polegato alla direzione da più generazioni e, a mio avviso, ha sviluppato una comunicazione e un’ospitalità eccezionali. Non a caso, oltre alla Villa -spesso scelta da americani e non solo per eventi speciali- completa il quadro una splendida “Locanda Sandi” dal tono più rustico ma di particolare finezza. I vini sono piacevoli e attenzione, non sto parlando solo del Prosecco Valdobbiadene Superiore (Extra dry) o l’elegante Cartizze “Vigna La Rivetta” che si lascia apprezzare sin da subito grazie ad un bellissimo packaging ma ci sono anche dei rossi interessanti che mi piacerebbe recensire a parte. Ad esempio “Corpore” il Merlot realizzato con il noto Cotarella, o anche “Marinali” (rosso) per esaltare la varietà locale, il Raboso.

malibran

malibran

MALIBRAN

Più spostata verso la zona di Conegliano, è certamente una delle mie aziende preferite di questo tour, non ho dubbi!

La visita con Maurizio Favrel, giovane titolare, è stata dettagliata e particolarmente interessante, abbiamo analizzato i singoli vigneti e poi degustato le singole basi. Ho percepito con chiarezza la grande passione per il territorio prima di tutto. Poco da aggiungere se non che ho amato veramente tutti i prodotti dell’azienda: dal Prosecco Superiore nella sua versione più classica, Extra-dry, alla versione più secca (Brut) che io personalmente preferisco e che esprime lo stesso equilibrio, piacevolezza e frutto che ci si aspetta dal Prosecco. E poi il Prosecco con il fondo (cioè con i lieviti visibili, quindi il prodotto è volutamente non limpido) per ricordare la tradizione quando gli spumanti erano così, intenso e diretto! Complimenti davvero.

BELLENDA

Passione, orgoglio, rispetto per territorio e tradizione. Sono un po’ tutti gli ingredienti di un’azienda familiare con un relais che consiglio vivamente “Alice”. Con il titolare ho discusso a lungo circa l’italianità del Prosecco che -insieme all’Asti- è il vero spumante italiano e si distingue da qualsiasi altra produzione. Un’azienda un po’ in controtendenza che crede tantissimo nel metodo classico, d’altra parte inizialmente anche per il Prosecco si usava la rifermentazione in bottiglia. “La Glera sposa perfettamente la lavorazione in autoclave a differenza di altre uve ma non è detto che i vini debbano essere perfetti, sempre che siano buoni” è questa la filosofia… sperimentale ma, in realtà, anche tradizionale dell’azienda. E allora non resta che provarli, hanno tutti personalità, questo è certo.

PERLAGE WINES

Azienda biologica. Ci arrivo in un pomeriggio di sole magnifico e allora vi confesso che ci ho speso molto tempo per fare delle belle fotoperlage. La linea è molto ampia e offre moltissima scelta quindi serve fare attenzione, non ultima la linea pensata per i giovani con un packaging molto colorato e un prodotto immediato, anche il nome è originale “Perlapp” cn la relativa App e che si lascia bere senza complicazioni. Mi colpisce anche il Prosecco “vegano” (durante il processo di chiarifica vengono utilizzate proteine di origine vegetale anziché di origine animale). A voi la scelta.

TANORÈ

Che vini signori! E che bella visita: senza giri di parole, senza enfasi, senza “peli sulla lingua” ma con rispetto, amore e determinazione: agricoltori veri, appassionati, persone vere che fanno il proprio lavoro senza preoccuparsi di essere “simpatici”, perché ci credono ed è per questo che poi hanno successo. Tanti i premi anche quest’anno per vini di classe direi. Bilanciati, con una certa struttura, complessi, perfino longevi in alcuni casi. Che irriverenza verrebbe da dire ma in realtà questi sono i vini che farei provare a chi non conosce il Prosecco, o a chi lo ritiene un vino semplice e niente più. Inutile aggiungere note per i singoli vini, pescate a occhi chiusi.

VAL D’OCA

val d'ocaProbabilmente l’azienda più grande della zona, con i suoi 12 milioni di bottiglie riesce ad offrire un bel rapporto qualità prezzo e tanti prodotti diversi anche con packaging diversi, andando incontro ai diversi gusti. Ho scritto a tal proposito di recente quindi per non ripetermi rimando al precedente articolo.

SCUOLA ENOLOGICA

Non potevo tralasciare un istituzione così importante della zona. Fondata nel 1876 dai Carpenè è ormai punto di riferimento importante. Approfitto per un tour con la Preside di grande gentilezza e personalità al contempo che mi confessa un aumento delle iscrizioni negli ultimi anni con una percentuale bassa di donne.

È qui che nasce il famoso “incrocio Manzoni” che prende il nome da colui che fu Preside della scuola (Luigi) e che attuò una modifica genetica di varietà diverse per ottenere delle particolari e migliori caratteristiche. Gli incroci sono diversi ed indentificati con un codice, il più noto è probabilmente il 6.0.13 (bianco).

Ma per insegnare a fare il vino serve… farlo e allora qui troviamo ben 13 ettari per una produzione di diverse migliaia di bottiglie; ho avuto la fortuna di provarne alcuni e parlo proprio di fortuna dato che questi vini sono acquistabili solo presso la scuola ma, chiaramente, non distribuiti (non trattandosi di produzione ai fini commerciali) e sono tanti e diversi, da quelli fermi a quelli Presentazione standard2frizzanti, bianchi rossi, rosati e così via. Mi colpisce la Glera frizzante, cioè la “nostra” Glera (base del Prosecco) che, in questo caso, non diventa spumante ma  è usata per produrre un vino frizzante, un rapporto qualità-prezzo pazzesco!

VARIE

Al di là delle visite in azienda ho avuto modo di provare diversi altri vini, mi limito a quelli che ho bevuto in questa stessa settimana quando il confronto tra i prodotti è più efficace e il quadro più completo.

Foss Marai resta un bel prodotto che non delude e anche la bottiglia si presenta bene.

De Faveri è di classe, perlage fine, mi sento di consigliarlo vivamente.

Col Veltoraz di cui leggo spesso pareri discordanti ma di cui ho apprezzato il “Brut zero” che sarebbe un dosaggio zero in sostanza (senza zucchero) e che ho trovato equilibrato, piacevole e adatto anche a piatti purchè non troppo elaborati.

 

Non mancheranno nuovi tour e nuove degustazioni e non mancherò di aggiornare e integrare questo report con novità.

 

Mi scuso per eventuali mancanze.

1

FOCUS: Chianti Classico in Toscana region

(ENG version   —   segue versione ITA)

chianti classico in the heart of Toscana region

chianti classico in the heart of Toscana region

As I’ve recently communicated, some important wine events related to Chianti  (and much more actually) are going on in Toscana. And this is why I like to share a short report I wrote some months ago about this wonderful land.

The report published by napa newspape in california: Napa Valley Register.

Please read it here: http://napavalleyregister.com/lifestyles/food-and-cooking/wine/columnists/chiara-giorleo/chianti-a-wine-region-steeped-in-legend-and-tradition/article_788fdc4e-bb9f-11e3-a190-0019bb2963f4.html

napa register newspaper (USA)

napa register newspaper (USA)

 

 

 

 

(versione ITA)

Come già comunicato, in questi giorni si tengono le anteprime del Chianti classico (e non solo), ecco perchè mi fa piacere condividere un report pubblicato qualche mese fa e pubblicato dal quotidiano di Napa in California, sul quale ormai mi avete letto in diverse occasioni.

La Toscana è tra le regioni più popolari per la produzione vitivinicola, in particolare per quanto riguarda il Chianti.

Il Chianti è un famoso vino italiano molto apprezzato in tutto il mondo. Ma sapete la vera differenza tra Chianti e Chianti Classico?

  • Curiosità

La leggenda racconta che nel periodo medievale, le repubbliche di Firenze e Siena hanno combattuto aspramente per conquistare la zona di produzione del Chianti, compresa tra le due città. Per mettere fine a questa tremenda guerra e stabilire un confine definitivo, è stato adottato un sistema singolare. Si è convenuto che due cavalieri avrebbero lasciato le loro rispettive città (Firenze e Siena appunto) nello stesso momento. Il confine sarebbe stato fissato nel loro punto d’incontro, confidando nella velocità di ciascun cavaliere che avrebbe potuto conquistare maggiore spazio. La partenza dei due cavalieri sarebbe stata segnata dal canto di un gallo dato che i ritmi quotidiani erano scanditi da sistemi naturali. La scelta del gallo diventa, a questo punto cruciale. A Siena ne scelsero uno bianco, mentre a Firenze si è optato per uno nero, che era stato tenuto rinchiuso in una gabbia piccola e buia per causare uno stato di esasperazione.

Il giorno fatidico della partenza, non appena il gallo nero fu rimosso da questa gabbia, iniziò a cantare con forza, anche se l’alba era ancora lontana. Facile immaginare il risultato: il cavaliere di Firenze lasciò la sua città con grande anticipo guadagnandosi molto terreno. Quindi quasi tutto il Chianti passò sotto il controllo della Repubblica Fiorentina.

francesco ricasoli

francesco ricasoli

  • Territorio

Ora sappiamo che il Chianti è il nome di un territorio compreso tra Firenze e Siena; Chianti è anche il nome di un vino prodotto in tutta la regione Toscana.

Chianti Classico è un vino prodotto nella zona chiamata Chianti. Il suffisso “classico” è stato aggiunto agli inizi del 20 ° secolo per distinguere il Chianti prodotto entro i confini della regione e quello prodotto nella zona storica, centrale appunto e con le condizioni migliori.

Gallo Nero è il nome e il simbolo del consorzio fondato dai produttori del Chianti Classico per proteggere la denominazione di origine iniziale e la sua zona di produzione.

  • Vini

Qual è allora, la differenza tra i due tipi di vini, Chianti e Chianti Classico, oltre, quindi, la zona di produzione?

Innanzitutto le uve. Il Sangiovese, un vitigno autoctono tipico della Toscana, è il vitigno principale.

la famiglia antinori

la famiglia antinori

Chianti è composto per il 70% (e fino a 100%) si sangiovese più un 30% di altri vitigni a bacca rossa prodotto in Toscana, o anche uve bianche per un massimo del 10 per cento della produzione totale.

Chianti Classico è composto da un minimo di 80% di sangiovese e massimo del 20% di uve solo rosse, autoctone o varietà rosse internazionali autorizzate. (Si può facilmente identificare questi vini, cercando il gallo nero sulla bottiglia.)

Qualche mese fa, son stata in Chianti Classico, dove ho visitato alcune meravigliose cantine seppur difficilissimo fare una rosa di nomi….

  • Cantine
corti corsini

corti corsini

Alcune delle più importanti cantine del Chianti sono rappresentati da Barone Ricasoli e Antinori.

BARONE RICASOLI

una delle 4 aziende più antiche del mondo e la più antica d’Italia. Oggi l’azienda è diretta da Francesco Ricasoli, ex fotografo che ha deciso nel 1990 di tornare all’azienda di famiglia.

Il suo Brolio (Chianti Classico), le due “Gran Selezione”, Castello di Brolio e Colledilà, sono vini eleganti e intensi, complessi e di grande persistenza. Per questi non trovo una definizione migliore di “vini nobili”. Barone Ricasoli ha istituito non uno ma ben due club di vino, quello di base e il più esclusivo “Club 1141″, in modo da restare assolutamente aggiornati e accedere a particolari trattamenti, pratica non molto diffusa in Italia!

ANTINORI

è un nome importantissimo in Italia e non solo. La famiglia ha diverse proprietà sia in Europa sia in California, proprio in Napa Valley etc

Ma in questo caso sono stata nella loro recente e affascinante tenuta nel Chianti classico dove ho degustato quei vini: tra questi il Peppoli, dall’ottimo rapporto qualità-prezzo, il mio preferito è Badia a Passignano Gran Selezione.

La nuova cantina qui in Chianti classico, è un posto meraviglioso nato per la promozione del vino e del cibo, il patrimonio culturale e territoriale.

 

rocca delle macie

rocca delle macie

In Toscana, ci sono molte famiglie nobili, così ho anche avuto il piacere di visitare ad esempio tenuta Corsini e la loro proprietà, Villa le Corti, dove ho scoperto delle cantine antiche e veramente affascinanti, oltre ai vini ho anche provato un olio meraviglioso.

Un altro tour interessante è stato quello a Rocca delle Macie, fondata dal regista italiano Italo Zingarelli che ha deciso di investire nel vino nel 1970. L’azienda oggi offre non solo una vasta linea di buoni vini, ma anche una bellissima ospitalità. Vi è più di un ristorante con stili diversi per offrire l’opportunità di abbinare i vini con i piatti e i prodotti locali, così come corsi di cucina etc.

Castello di Volpaia è stata tra le mie visite preferite senza dubbio, che classe, complimenti ai titolari Giovanella e Carlo: energici, ambiziosi e dinamici, ecco capito il successo del loro marchio, in particolare dell loro “Il Puro”: Chianti Classico Gran Selezione

castello di volpaia, giovannella

castello di volpaia, giovannella

il migliore!

Ci sono molte altre aziende vinicole, altrettante famiglie nobili e, soprattutto, molti vini meravigliosi, considerando che in una piccola area (circa 25.000 ettari di vigneti), oggi il consorzio ha 560 membri.

 

Queste sono solo alcune delle aziende che mi hanno colpito. Tornerò molto presto per scoprire sempre di più!

Mi scuso per eventuali mancanze

The winery founded by the President of the italaian Republic (I vini di colui che fu Presidente della Repubblica)

(ENG version   —   segue versione ITA)

We all know about that but it is not always easy to find someone with the courage to admit so explicitly that the choice of using big casks or barrique depends on trend too. Thus began my tour at “Poderi Luigi Einaudi” estate in Piemonte region – north west of Italy- guided by Lorenzo Raimondi, responsible for the production of these wonderful wines.

vines at Poderi Luigi einaudi

vines at Poderi Luigi einaudi

Some tourists Joined us as interested in a wine tour and so Lorenzo explained that, for red wines, today, they combine use of both big casks and barrique but he admits that the old trend has been reversed  as in the past the use of barrique has been predominant: “Everything depends also on the media that influence trends and purchases!”.

(In these moments you can really get the importance of working seriously, and with great respect for all producers who work hard to get their products!).

Poderi Luigi Einaudi is in a historic winery, founded in 1897 by Mr. Luigi Einaudi that seems to have always been distinguished by determination, fairness and preparation. Luigi Einaudi passed way but he was also President of the Italian Republic, without, however, never lost a single appointment with the harvest!

tasting at Poderi Luigi Einaudi

tasting at Poderi Luigi Einaudi

Nowadays, they have 55 hectares of property (3 more rented) for a production of about 300,000 bottles. Exportations account for around 70/75%  and brings these wines in many countries even outside Europe.

The wines are different, whites (Chardonnay, Langhe and Moscato d’Asti) that along with the reds Barbera, Dolcetto and Dogliani are produced only in stainless steel. While all the other reds: Langhe Rosso, Nebbiolo Langhe and 3 Barolo are ages in

wood. Moreover there are a Dogliani superiore which, unlike the other one mentioned above, foreseen a passage in wood, but that this year will not be produced, yet, 2 grappa and a Barolo Chinato.

The property is just magic: with a relais of great class that photos can testify. I was lucky enough to be there at sunset ,then the charm has multiplied. So remember to book several months in advance if you like to spend some nights over.

Among the various wines, I got to taste Dogliani superiore “Vigna Tecc” 2011, very balanced, full and intense on the nose as well as in the mouth with a typical almond finish. And especially a Barolo “Cannubi” 2001: perfect, excellent, soft, complex with notes of fruits and sweet spices together, with a long finish that, along with everything else, demonstrates the exceptional nature of this vintage . And as you can imagine, this is a wine that could still wait.

logo einaudi

 

(versione ITA)

Tutti lo sappiamo ma non sempre si ha il coraggio di ammettere così esplicitamente che la scelta dell’uso di botti grandi o barrique per la lavorazione del vino in cantina è spesso frutto delle mode. Così inizia il mio tour presso Poderi Luigi Einaudi in Piemonte con Lorenzo Raimondi, responsabile della produzione di questi splendidi vini.

Si uniscono a noi alcuni turisti interessati ad un tour in cantina e così Lorenzo spiega che per i vini rossi oggi in cantina, loro combinano sia la botte grande sia la barrique ma ammette che è stata invertita la vecchia tendenza che in passato ha portato ad un uso notevole della barrique: “Tutto dipende anche dai media che influenzano tendenze, acquisti ”.

lorenzo raimondi

lorenzo raimondi

(È in questi momenti che si comprende l’importanza di lavorare in modo serio, serissimo e con il massimo rispetto per tutti i produttori che, sempre e comunque, lavorano sodo e a lungo per ottenere quel prodotto!).

Eppure siamo in una cantina storica, una cantina fondata nel 1897 da un appena ventitreenne Luigi Einaudi che pare si sia sempre distinto per determinazione, correttezza e preparazione. Luigi Einaudi, colui che fu anche Presidente della Repubblica italiana senza, però, mai perdersi un solo appuntamento con la vendemmia!

Sono 55 gli ettari di proprietà (più 3 in affitto da tantissimi anni ormai) per una produzione di circa 300.000 bottiglie. L’export incide per circa il 70/75% (eccetto per il Barolo che probabilmente raggiunge una percentuale di esportazione del 90% circa) e porta questi vini in tantissimi paesi anche fuori Europa.

the relais

the relais

I vini sono diversi, dai bianchi (Chardonnay, Langhe bianco e Moscato d’Asti) che insieme ai rossi Dolcetto, Barbera e Dogliani fanno solo acciaio. Mentre tutti gli altri rossi: Langhe Rosso, Nebbiolo Langhe, e i 3 Barolo fanno anche passaggio in legno.  A questi si aggiunge un Dogliani superiore che, a differenza dell’altro, prevede un passaggio in legno, ma che quest’anno non sarà prodotto, 2 grappe e il Barolo chinato.

Inutile dilungarmi sulla bellezza della proprietà, un relais di gran classe che le foto testimoniano abbondantemente. Ho avuto la fortuna di trovarmici al tramonto quindi il fascino si è moltiplicato e ricordatevi di prenotare con diversi mesi di anticipo per provare a soggiornare in questo gioiello!

Tra i vari vini, ho avuto modo di degustare il Dogliani superiore “Vigna Tecc” 2011, di grande equilibrio, pieno ed intenso sia al naso sia in bocca con un tipico finale ammandorlato. E soprattutto un Barolo “Cannubi” 2001: eccellente, morbido, complesso al naso e in bocca con note di frutti e spezie dolci insieme, con un finale lunghissimo che, insieme a tutto il resto, dimostra l’eccezionalità di questa annata. E come è facile immaginare, si tratta di un vino che avrebbe potuto attendere ancora e ancora.

 

1

Val d’Oca, a very big company in Prosecco DOCG area (I grandi numeri del Prosecco val d’Oca)

(ENG version   —   segue versione ITA)

With its 12 million bottles, Val d’Oca is recognized as a company that is able to maintain a good level of quality despite the widespread skepticism related to high numbers.decoraz

A brand with a wide line and also a good attention to the communication. First of all, there are many promotional activities – also visible on the web – which guarantee a good visibility to the brand and not only. Thanks to a recent tour in Conegliano-Valdobbiadene area I got to know the director, Aldo Franchi, extremely kind: we visited the company and tried some of the most interesting wines at the moment.

What I particularly liked is the charming tasting room. You can access to it from the store by stairs leading upstairs: a floor with modern decoration with wood decorations and a wide glass wall to capture the light. The stairs are decorated with wooden figures representing Bacchus, god of wine, all on a dark background to represent the night. The room is decorated with similar wooden figures but on a light background as to represent the day. Really original.

Also the packaging is very nice:there are bottles of different shapes and colors, for example the blue one for their Millesimato Extra-Dry and black satin glass for their Prosecco Valdobbiadene Brut Superioriore, which are very appreciated also val  d'ocaabroad. And yet, the label which represents an old pictures of the company for their Prosecco “Uvaggio storico”. A biological product is also available for those who look for it!

The day was very sunny and this has allowed us to “climb” on top of the numerous autoclaves that – among other things – face the surrounding vineyards, representing a perfect combination of nature and technology, which in the case of Prosecco plays a key role.

At this point we just have to taste it, stay tunned!

 

 

(versione ITA)
Val d’Oca è un’azienda dai grandi numeri che mantiene un livello qualitativo niente male!

vari viniSiamo in zona Prosecco DOCG, in Veneto.

Leggi l’intero articolo qui: http://www.wineverse.it/blog/tour-val-doca-suo-prosecco/

o scarica il PDF qui: val d’oca pdf da wlog

1

The event “Chianti Classico collection” is back (Pronti per “Chianti Classico collection” anche questo Febbraio)

(ENG version   —   segue versione ITA)

As usual in February, the event completely dedicated to Chianti Classico (notorious red wine of Tuscany region, in Italy) is back.

It will take place in Florence again, at Stazione Leopolda, on the 17th and the 18th, with:

  • 149 producers as shown in the new adv
  • 39 barrel samples (vintage 2014)
  • 56 Gran Selezione
  • tasting of 517 labels

And also with a new and very nice graphic, congrats to the Consorzio “Gallo Nero” for the effort.

Find more details here.

chianti classico collection 2015

chianti classico collection 2015

(versione ITA)

Anche quest’anno torna la Chianti Classico collection, appuntamento a Firenze (Stazione Leopolda) il 17 e il 18 Febbraio con il noto vino rosso toscano e questi numeri:

  • 149 produttori tutti rappresentati nella nuova immagine dell’evento
  • 39 anteprime da botte (vendemmia 2014)
  • 56 Gran Selezione in degustazione
  • 517 etichette in degustazione

tutto con una nuova e affascinante grafica.

Complimenti al Consorzio Gallo Nero.

Per maggiori dettagli scarica il comunicato qui: Chianti Classico Collection 2015.

Too many talent shows! (troppi talent show in cucina denuncia Gualtiero Marchesi)

(ENG version   —   segue versione ITA)

Mr. Gualtiero Marchesi is one of the most important italian chef. In view of Expo 2015 (a great fair which will take place in Milano-Italy from May 2015 with the theme “Feeding the planet”) denounces there are too many talent shows, chef should return to do their original job!

expo_2015

expo_2015

Stop to complicated dishes, improbable combinations and strange ingredients. It’s all about cooking well and make sure the dish arrives on the table with grace and style.

And when the journalist asks if he cooks, he answers that he has never cooked, others have always cooked for him: “I am a composer. I have had some ideas, and ideas are immortal”.

 

(Source: Expo Magazine)

 

(versione ITA)

gualtiero marchesi

gualtiero marchesi

Gualtiero Marchesi, il Maestro della cucina italiana che non richiede presentazioni, denuncia il fenomeno dei talent show che ci bombardano:  “Stop ai piatti complicati, agli abbinamenti improbabili e agli ingredienti strani. La vera arte è cuocere alla perfezione una costoletta e fare in modo che arrivi in tavola con grazia e stile”. Tutto in vista di Expo 2015.

E quando la giornalista chiede se lui cucina, la risposta è “Mai”, da non credere: gli altri cucinavano per me. Sono un compositore. Io ho avuto delle idee e le idee sono immortali”.

Leggi l’intero articolo qui: http://magazine.expo2015.org/cs/Exponet/it/gusto/gualtiero-marchesi.-basta-con-i-talent-show–che-i-cuochi-tornino-a-fare-il-loro-mestiere

 

0

Waiting for Radici del Sud: southern wines event (Aspettando l’evento sulle eccellenze meridionali “Radici del Sud”)

(ENG version)

Radici del Sud, the event completely dedicated to wines produced in southern Italy is coming again!

It will take place in June as already announced (read the previous post here) and it will be a special one being at its 10th edition.

As promised, numerous appointments will take place starting from now (February) already.

Please find the agenda here: http://ivinidiradici.com/index.php/comunicati-stampa/team/2015/352-sette-serate-indimenticabili-alla-scoperta-dei-vini-autoctoni-aspettando-radici-del-sud-2015.

radici del sud 2015

radici del sud 2015

 

(versione ITA)

 

Radici del Sud, l’evento completamente dedicato ai vini del Sud Italia è in arrivo. Come già annunciato nel precedente post (leggi qui) si terrà a Giugno e sarà, questa, un’edizione speciale in quanto X!

Intanto, come promesso, condivido la lista degli eventi organizzati in attesa dell’evento che partono già in questo mese di Febbraio: http://ivinidiradici.com/index.php/comunicati-stampa/team/2015/352-sette-serate-indimenticabili-alla-scoperta-dei-vini-autoctoni-aspettando-radici-del-sud-2015.

 

Prosecco conquers Champagne area (Il Prosecco conquista anche la Champagne)

(ENG version   —   segue versione ITA)

The already appreciated italian sparkling wine “Prosecco”produced in Veneto region (north-east of Italy) is conquering the most difficult wine market: Champagne!

La Maison Jacquart, reference name for champagne, has chosen “La Gioiosa” Prosecco for its distribution in France!

A great result for La Gioiosa brand, Prosecco and Italy as a brand as a whole!

prosecco la gioiosa

prosecco la gioiosa

(versione ITA)

Il successo del Prosecco lo conosciamo bene ma mi sembra rilevante sottolineare il risultato raggiunto da “La Gioiosa” che conquista l’area Champagne, in Francia, il mercato certamente più difficile per una evidente competizione.

La Maison Jacquart,  importante nome  per lo champagne, sceglie il Prosecco  La Gioiosa per la distribuzione in Francia.

Complimenti al gruppo e al Prosecco in generale che porta con sé il brand “Italia”.

 

Do you like kosher wine? (Conosci il vino Kosher?)

(ENG version   —   segue versione ITA)

Kosher wine is the wine which can be drunk by Jews basing on their philosophy and religion.

There is a very specific legislation that regulates all the food sector by establishing the rules to be followed basing on the nature of the product, in the case of animals, basing on the nature of the animal itself up to even the prohibition of certain foods.rabbino

With regard to the wine some of the most important rules to follow are:

  • First of all the prohibition of drinking wine or cooking with wine vinegar unsupervised by the Rabbi
  • any manual operation must be performed by observant Jews as well as the launch of the machines
  • plants in metal/fiberglass must be washed with water, soda, and water again
  • rubber parts must be new
  • Filters must not contain starch or derivatives from other cereals
  • etc

And so on with a series of related transactions, to be recognized by 3 elements:

  • the name of the rabbi who controls and issues the certificate must appear on the label
  • any back label or capsule
  • cap with the brand/symbol of the Rabbinate

ikuThere are many Italian companies (and not) which have started the production of kosher wines, for cultural reasons and clearly business. Among the various Italian wines there are wines produced in Campania region (south of Italy), Chianti, Barbera d’Alba, Valpolicella Classico etc., in 2016 also the first Amarone della Valpolicella Kosher should be launched.

In Italy the agency that deals with them is the Italy Kosher Union.

 

 

 

(versione ITA)

Conosci il vino Kosher, ti piace?

Ormai sono diverse le aziende, italiane e non che lo producono e per questo sono previste regole ben precisate affinchè questi vini siano atti a essere bevuti dagli ebrei per questioni religiose.

Leggi l’intero articolo qui: http://www.wineverse.it/blog/ti-piace-il-vino-kosher/

Oppure scarica il PDF qui: kosher da wlog