Prosecco conquers Champagne area (Il Prosecco conquista anche la Champagne)

(ENG version   —   segue versione ITA)

The already appreciated italian sparkling wine “Prosecco”produced in Veneto region (north-east of Italy) is conquering the most difficult wine market: Champagne!

La Maison Jacquart, reference name for champagne, has chosen “La Gioiosa” Prosecco for its distribution in France!

A great result for La Gioiosa brand, Prosecco and Italy as a brand as a whole!

prosecco la gioiosa

prosecco la gioiosa

(versione ITA)

Il successo del Prosecco lo conosciamo bene ma mi sembra rilevante sottolineare il risultato raggiunto da “La Gioiosa” che conquista l’area Champagne, in Francia, il mercato certamente più difficile per una evidente competizione.

La Maison Jacquart,  importante nome  per lo champagne, sceglie il Prosecco  La Gioiosa per la distribuzione in Francia.

Complimenti al gruppo e al Prosecco in generale che porta con sé il brand “Italia”.

 

Do you like kosher wine? (Conosci il vino Kosher?)

(ENG version   —   segue versione ITA)

Kosher wine is the wine which can be drunk by Jews basing on their philosophy and religion.

There is a very specific legislation that regulates all the food sector by establishing the rules to be followed basing on the nature of the product, in the case of animals, basing on the nature of the animal itself up to even the prohibition of certain foods.rabbino

With regard to the wine some of the most important rules to follow are:

  • First of all the prohibition of drinking wine or cooking with wine vinegar unsupervised by the Rabbi
  • any manual operation must be performed by observant Jews as well as the launch of the machines
  • plants in metal/fiberglass must be washed with water, soda, and water again
  • rubber parts must be new
  • Filters must not contain starch or derivatives from other cereals
  • etc

And so on with a series of related transactions, to be recognized by 3 elements:

  • the name of the rabbi who controls and issues the certificate must appear on the label
  • any back label or capsule
  • cap with the brand/symbol of the Rabbinate

ikuThere are many Italian companies (and not) which have started the production of kosher wines, for cultural reasons and clearly business. Among the various Italian wines there are wines produced in Campania region (south of Italy), Chianti, Barbera d’Alba, Valpolicella Classico etc., in 2016 also the first Amarone della Valpolicella Kosher should be launched.

In Italy the agency that deals with them is the Italy Kosher Union.

 

 

 

(versione ITA)

Conosci il vino Kosher, ti piace?

Ormai sono diverse le aziende, italiane e non che lo producono e per questo sono previste regole ben precisate affinchè questi vini siano atti a essere bevuti dagli ebrei per questioni religiose.

Leggi l’intero articolo qui: http://www.wineverse.it/blog/ti-piace-il-vino-kosher/

Oppure scarica il PDF qui: kosher da wlog

 

Wine in Czech Republic   (Il vino in Repubblica Ceca)

(ENG version   —   segue versione ITA)

NOTE: the dates of the fair have been changed. The organization has informed that it will be held from the 22nd to the 24th and not from the 21st to the 23rd) 

 

Wine is conquering the world and, for sure, it’s a great meeting point.

wine&delicacies in Prague

wine&delicacies in Prague

Gastronomy, in general, plays a crucial role nowadays and, wine is also conquering the east of the world where it does not represent a tradition for sure.

A good example is represented by Wine & Delicacies, the gastronomy fair which take place in Prague in April and this year (2015) it will be the 18th edition which will be held from the 22nd to the 24th (ex 21st-23rd).

With more than 200 exhibitors every year and about  15.000 visitors in 3 days it is probably the biggest Fair in east EU countries and, above all, a great opportunity to penetrate the eastern markets and the Czech one in particular.

A delicious location, full of tastings, press conferences and events which involve celebrities to give numerous and different opportunities to companies from abroad too.

I’ll be happy to share also the results of the wine competition which will be held within the fair.

 

wine &delicacies 2015

wine & delicacies 2015

(versione ITA)

NOTA: le date della fiera sono state modificate dall’organizzazione, mi informano che la fiera si terrà dal 22 al 24 di Aprile e non più dal 21 al 23).

 

Il vino alla conquista del mondo, il vino come collante e punto di incontro.

La Gastronomia assume oggi un ruolo più importante di quanto si possa immaginare.

E così si arriva a conquistare anche i paesi dell’Est dove il vino non rappresenta un fondamento culturale o un prodotto tipico.

th wine fair in prague

the wine fair in prague

Un esempio è la fiera Wine & Delicacies, la fiera enogastronomica che si tiene a Praga ad Aprile, quest’anno (2015) dal 22 al 24 (non più dal 21 al 23) ed è ormai già alla XVIII edizione!

Con più di 200 espositori e circa 15.000 visitatori in 3 giorni, questa è probabilmente la fiera più importante dell’Est e, soprattutto, un’enorme opportunità per chi cerca di penetrare i mercati dell’est e quello ceco in particolare.

Una città incantevole, Praga, ospita un fiera ricca di degustazioni ma anche conferenze ed eventi con celebrità, offrendo -così- spazi e opportunità per tutti i gusti.

Sarò lieta di condividere i risultati a seguito della manifestazione e il relativo concorso di vini interno alla stessa.

 

The 10th edition of the wine event from southern Italy (La X edizione di Radici del Sud e i grandi vini del sud)

(ENG version   —   segue versione ITA)

“Radici del Sud”, the wine event completely dedicated to the excellent wines produced in the south of Italy, is back again.

It will take place in Bari city in June from the 9th till the 15th with several and smart appointments for the wineries thanks to the presence of important buyers coming also for Asia; yet, for journalists thanks to the wine tours organized to get them know the wineries of the area and so on..

Numerous appointments will take place starting from February already.

We look forward to reading the complete program soon.

radici del sud 2015

radici del sud 2015

(versione ITA)

A giugno torna “Radici del Sud” con la sua X edizione e quindi con un piglio nuovo e ancora più deciso. La rassegna dedicata ai vini del Sud Italia si svolgerà a Bari dal 9 al 15 Giugno con incontri e iniziative ancora più importanti per i produttori che avranno modo di interagire con buyers provenienti perfino dall’Asia; o per i giornalisti che potranno partecipare a tour in cantine della zona e non solo.

Eventi ed appuntamenti si susseguiranno già a partire da Febbraio.

Restiamo in trepida attesa!

Leggi maggiori info qui: http://ivinidiradici.com/index.php/comunicati-stampa/team/2014/349-di-scena-a-bari-radici-del-sud-2015-alla-sua-decima-edizion

Wine lesson by Quintodecimo italian winery and its white Fiano (A lezione da Quintodecimo e il suo Fiano Exultet)

(ENG versione   —   segue versione ITA)

In Campania, Luigi Moio is known as “The Professor”.

He is often considered one of the main wine experts as well as a great interpreter of the well-known production areas in Campania; he wants to produce only “great wines” does not matter if reds or whites!

tasting at Moio's winery (degustazione a casa di luigi e laura)

degustazione a casa di luigi e laura

He seems to have clear ideas and a solid project that needs time, of course. It is because, Luigi Moio aspires to a kind of revolution in his territory, Campania region (south of Italy): it should overcome the title of  “excellent value for money wine region”, he says: “Why do not we produce the Grand Cru as in France, or Supertuscans as in Tuscany”. It possible starting from the excellent and widely appreciated native grapes of Campania region.

Quintodecimo is a winery founded in 2001 by Mr. Luigi Moio and Ms. Laura Di Marzio located in the hilly inland of Campania, more specifically in Irpinia area, near Taurasi (district of Avellino). Three white wines and three reds crown the dream of a lifetime after his studies in France and the desire to express his creativity considering the territory was ready for the excellence!

Exultet is a white made from 100% Fiano di Avellino grape: there are no traces of other white grapes even if the local

casse e vini

regulations would allow some in small percentages. A wine well known by those who love the whites, especially those from aging. Yes, this wine can be enjoyed even after 10, probably 20 years. Exultet ferments for a short period in small barrels and is extremely elegant. The nose conquers you immediately  with notes of citrus and honey and it’s lightly toasted. The palate is smooth, fresh and fruity in the early years but also persistent and certainly balanced!

 

(versione ITA)

luigi moio

luigi moio

Un professore in cantina fa la differenza. La storia di un’azienda campana di nobili intenti: Quintodecimo è un riferimento per la Campania e non solo. Ecco alcune brevi note e la degustazione del Fiano di Avellino Exultet.

Leggi l’intero articolo qui: http://www.wineverse.it/blog/quintodecimo-fiano-avellino-exultet-2013-titolo-autosufficiente/

Oppure scarica il PDF qui: quintodecimo 1- pdf da wlog

…coffee on canvas! (L’artista Carucci dipinge col caffè per i suoi 40 anni di attività)

(ENG version   —   segue versione ITA)

a painting?

a painting?

The Italian artist Vincenzo Carucci celebrates its 40 years of activity by paintings with coffee on canvas!

It seems very simplistic but it’s true somehow: we have “created” this special evening together, it will be held in the middle of his exhibit at the Town Hallof the city of Battipaglia (near Napoli in Campania region-south of Italy) which will celebrate an artist who is well known even at international level.

coffee art

coffee art

Vincenzo Carucci is a religious and intimate symbol of the town, nowadays.

Vincenzo Carucci represents a civic sense and the pride of Battipaglia city with its wonderful public works (the door of the central church and of the Town Hall for instance) and there are some more creations requested by other Italian cities or abroad such as the bust of Pope Giovanni Paolo the second in Rome, the bust of the notorious business man Giovanni Agnelli in Torino as well as the “Risen Christ” in Manila (Philippines) or the “Deposition” in Brussels (Belgium), for example.

So from January the 10th to the 18th (2015), some of the most beautiful works are at the Town Hall of Battipaglia city for a personal exhibit; but Wednesday the 14th will be an original day: mr. Vincenzo will paint directly with coffee on canvas and he will do it live!

sculpture

sculpture

(The evening will be sponsored by Café “Artè” that will offer a gift to all participants).

 

 

(versione ITA)

Vincenzo Carucci celebra i suoi 40 anni di attività artistica con dipinti al caffè!

Raccontato così sarebbe molto riduttivo in effetti. Ma un po’ è vero: abbiamo ideato insieme questa serata speciale che si terrà nel corso della sua personale esposizione presso il Comune di Battipaglia (provincia di Salerno, Campania) che non poteva che celebrare un artista ben noto sul territorio nazionale e internazionale.

Vincenzo Carucci è simbolo dell’arte cittadina, religiosa e intimista.

Vincenzo Carucci è orgoglio di un senso civico e artistico che riguarda innanzitutto Battipaglia con le sue meravigliose opere pubbliche (dalla porta del Santuario a quella del Municipio alle Foibe Istriane nell’omonima piazza) e ancora di più sono le creazioni richieste in altre città italiane ed estere, incluso il busto di Papa Giovanni Paolo II conservato presso la Prefettura Vaticana, il busto di Giovanni Agnelli a Torino, il “Cristo Risorto” a Manila (Filippine) o la “Deposizione” a segni_violenzaBruxelles (Belgio) ad esempio.

Così dal 10 e fino al 18 gennaio 2015 molte delle su opere più belle sono in bella mostra, ed è proprio il caso di dirlo; ma mercoledì 14 sarà originale: Vincenzo, Enzo per gli amici, dipingerà direttamente col caffè e lo farà dal vivo in modo che tutti possano ammirarlo.

(La serata sarà sponsorizzata dal Cafè letterario Artè di Battipaglia che offrirà un omaggio a tutti i partecipanti).

 

 

FOCUS: wine production in Langhe-Piedmont (Le Langhe in Piemonte)

(ENG version   —   segue versione ITA)

Another italian story has been published by Napa Valley Register, newpaper of Napa in California (USA).

napa register logo

napa register logo

This time I have focused on Langhe area in Piedmont (north- west of Italy) and my beloved Barolo and Barbaresco wines.

You can download the entire article here: My beloved Barolo-text

 

 

 (versione ITA)

 

  • Territorio e curiosità generali

Questa volta siamo in Piemonte che conta circa 51.000 ettari e 30.000 aziende. Una regione nota per i vini rossi “importanti” e strutturati che costituiscono il 68% di tutta la produzione. Ottimi bianchi profumati hanno il loro posto nella lista, ad ogni modo. Tutto anche grazie alla varietà di terroir che consente di produrre vini diversi.

In particolare, però, questo focus è incentrato sulla nota area delle Langhe dove si producono i rinomati vini Barolo e Barbaresco.

Un famoso scrittore italiano (Mario Soldati), qualche anno fa ha scritto: “non sono gli abitanti della zona che hanno monopolizzano il loro prodotto (il vino), è il prodotto che ha monopolizzato loro”. Dopo la crisi degli inizi del XX secolo e la conseguente industrializzazione, che ha portato la gente di città, dagli anni ’70 la produzione di vino è una delle attività più prestigiose.

Molti conoscono Barolo e Barbaresco, pochi sanno che la zona di produzione è piuttosto piccola eppure spostandosi di pochi metri si degustano vini diversi e speciali! Le Langhe si trovano sul lato destro del fiume Tanaro con un clima secco che dona alta concentrazione di zuccheri e grande qualità.

wine reserve

wine reserve

Forse l’unica osservazione che si potrebbe sollevare è relativa alla mancanza di una vero lavoro di squadra per ottenere una sinergia territoriale! Come ammette il Consorzio per la difesa e la promozione del territorio stesso, ma sono diverse le attività programmate e si fa leva sulle nuove generazioni. Anche l’Ente del Turismo, che son andata visitare ad Alba, sta lavorando molto sulla comunicazione di un territorio così ricco che attira turisti da tutto il mondo. Una nuova interessante idea è la figura del “wine teller”: una guida che può fornire storie di vino senza essere troppo tecnici come spesso accade.

  • I vini: Qual è la differenza tra barolo e barbaresco?

L’uva più importante della zona è il “Nebbiolo” per la produzione di “Nebbiolo” (il vino, generalmente giovane) così come per la produzione dei 2 miti: “Barolo” e “Barbaresco” sempre a base Nebbiolo ma più invecchiati, in genere prodotti da vigneti selezionati.

BAROLO è definito come “maschio” per il suo carattere e i tannini forti. Matura in botti grandi in genere, ma ci sono anche produttori che preferiscono le più “moderne” barriques (ne hanno fatto un film a riguardo);  invecchia 38 mesi (di cui almeno 18 in legno); la versione Riserva addirittura 62 mesi (almeno 18 in legno). BARBARESCO è definito come “femminile” perché è più elegante in qualche modo; si tratta comunque di un vino molto complesso e strutturato dato che fatto comunque da Nebbiolo, ma rispetto al Barolo è diverso. Matura 26 mesi (di cui almeno 9 in legno), 50 per la versione Riserva (almeno 9 in legno). Entrambi possono durare per decenni.

La cultura del vino locale si basa sul concetto di “cru”, qui chiamate MeGa (Menzioni geografiche aggiuntive): è facile trovare sulle etichette il nome del vigneto specifico in cui l’uva è stata coltivata. Tra gli altri, la zona “Cannubi” per esempio, è considerata una delle migliori con costi che si aggirano intorno a 1 milione di euro per 1 ettaro.

  • Le cantine

E’ difficile scegliere quali aziende citare, ma iniziamo con alcuni nomi. Prometto di scrivere ancora di queste zone, di queste cantine e di questi vini considerati tra i migliori in Italia.

FONTANAFREDDA – Alba (CN)

frase in osteria a Barolo

frase in osteria a Barolo

Inizio con un nome noto come quello di “Fontanafredda”, con una storia romantica tra l’altro: il sovrano, innamoratosi di Rosa, popolana, le fece dono delle sue proprietà nelle Langhe e poi la insignì del titolo di Contessa di Mirafiore e Fontanafredda. Andando avanti di generazione in generazione, l’azienda è oggi uno dei più marchi più noti con un ruolo fondamentale in termini di comunicazione del territorio.

GAJA – (Barbaresco) senza sito

Un altro rinomato e prestigioso produttore della zona è Angelo Gaja, i suoi vini possono costare anche più di 300 € (in base alla linea e/o la vendemmia). Non è nemmeno facile ottenere un appuntamento. La visita presso “Gaja” è stata “religiosa”, tenuta a voce bassa in segno di rispetto per il luogo e per il vino che insegna a dimenticarsi del tempo che passa e ad aspettare. Tra gli altri, ho avuto la possibilità di provare un meraviglioso Langhe Nebbiolo DOC 1999 “Sperss” con aromi maturi ma ancora giovane, incredibile!

RATTI (La Morra) – ODDERO (La Morra)  – CERETTO (Alba- CN)

Come potrei dimenticare “Renato Ratti” con la sua affascinante cantina con una splendida vista sulla zona circostante, una cantina di riferimento per la produzione di Barolo anche grazie all’innovazione delle tecniche di produzione. Non a caso oggi l’attuale Presidente è anche alla Presidenza del Consorzio. Altro nome importante è “Oddero”, una storica cantina che mostra chiaramente grande passione e attenzione al dettaglio in ogni singola bottiglia. In particolare, ad esempio, producono un Barolo speciale che matura per oltre 10 anni nella loro cantina prima di essere immesso sul mercato! E ancora “Ceretto” cantina molto interessante. Collaborano con importanti architetti che hanno realizzato edifici sorprendenti, ad esempio, una grande bolla con una magnifica vista sui vigneti. Sono tra quelli che hanno spinto anche gli ottimi bianchi della zona, il loro “Blangè” è molto apprezzato da italiani e stranieri anche grazie alla loro efficace strategia di comunicazione.

PIO CESARE (Alba) – MARCHESI DI BAROLO (Barolo)

the bubble

the bubble

Un altro pioniere della zona è “Pio Cesare”, che produce dalla fine del XIX secolo con cantina nel centro della città, cosa insolita oggi. Lo stesso vale per “Marchesi di Barolo”, con una grande storia che è possibile percepire visitando la loro antica cantina; si trovano proprio a Barolo e mi hanno colpito per la loro ospitalità in stile californiano: sala degustazione disponibile tutti i giorni, eventi interessanti, enoteca fornita anche di simpatici gadget e così via.

GIACOMO BREZZA – Barolo

Un altro noto produttore di Barolo è “Giacomo Brezza”, con uno stile tradizionale: preferiscono botti grandi per i loro rossi che amo moltissimo!

BEPPE RINALDI (Barolo)

Questa è stata un’esperienza particolare che mi piace citare: il tour da Beppe Rinaldi. Un uomo saggio che non ama parlare di vino così abbiamo chiacchierato di tutt’altro, ma quando ho provato il suo Barolo ho capito quanto non fosse necessario parlarne!

CONTERNO FANTINO (Monforte d’Alba)

Facile da trovare grande qualità in zona, così anche “Conterno Fantino” è un’azienda che mi ha colpito particolarmente: per i vini innanzitutto, tutti e poi per l’ospitalità, per l’edilizia e le iniziative “verdi”: questo è il motivo per cui alcuni dei loro vini sono piuttosto costosi, c’è molto di più dietro!

BRUNO ROCCA (Barbaresco) –  PRODUTTORI DEL BARBARESCO (Barbaresco) -PAITIN (Neive)

me in langhe area

me in langhe area

Alcuni produttori con numeri inferiori stanno raggiungendo un grande successo. Bruno Rocca (come il nome della cantina stessa) è ben supportato dai figli e la qualità è notevole, qui si produce Barbaresco . Ho apprezzato tantissimo anche il Barbaresco dei “Produttori di Barbaresco”, cooperativa di circa 56 viticoltori, il 2007 è stato recentemente premiato da Wine Spectator, un vino meraviglioso: complesso, di corpo, piacevole, lungo. Ma non basta, uno dei miei preferiti è sicuramente il Barbaresco “Sorì Paitin” di cantina “Paitin”, a conduzione familiare, assolutamente e completamente dediti alla qualità. Che vino!

DAMILANO (La Morra/Barolo)

landscape

landscape

Se la comunicazione non è sempre una priorità in certe zone, “Damilano” rappresenta un’eccezione, investono molto bene in comunicazione e Pubbliche Relazioni.

CARLO GIACOSA (Barbaresco) – ERALDO VIBERTI (La Morra)

Quello che mi piace in Italia è la possibilità di trovare tanti meravigliosi piccoli produttori, aziende vinicole a conduzione familiare che ti fanno sentire “a casa” e che ti portano in un’altra dimensione, quella vera probabilmente: la semplicità e la natura. Da “Carlo Giacosa” ho avuto l’impressione di essere in casa loro e Sara, la piccola, ha insistito per servirmi il vino personalmente ma tutto senza trascurare un bel livello qualitativo. Stessa sensazione con “Eraldo Viberti”, cantina di cui ho già scritto, amo i suoi vini e ho avuto la possibilità di provare il suo Barolo di una delle migliori annate: 1999, cosa vuoi di più?!

For those who’ll choose Prosecco to celebrate the New Year’s Eve (Per chi sceglie il Prosecco in queste feste)

(ENG version   —   segue versione ITA)

Beyond the personal tastes, we should recognize the great success gained by Prosecco in general.

Asking for a “Prosecco” in a wine bar (a term that identifies a sparkling italian wine produced in north-east of Italy) as a product which often represents the italian aperitif, is a result that many Wine Associations, Entities and cellars would like to achieve.varie

The numbers are consistent with that too: in 2013 Prosecco exceeded Champagne in terms of number of bottles sold worldwide. Of course we should also check the profits considering that average price of Prosecco is much lower. However its success is evident and this is demonstrated by the fact that, before regulations have been (recently) introduced, Prosecco was produced everywhere in Italy and even abroad! That’s why regulations became indispensable.

So, today, Prosecco DOC is produced in 9 italian districts located in Veneto and Friuli regions. Then, in the heart of this appellation, there is Treviso district which icludes, the two DOCG appellations: “Asolo” and “Conegliano Valdobbiadene“.

Conegliano-Valdobbiadene is, in particular, the historic area of production that makes the product “Superior(e)” according to the name of the appellation itself:” Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG” (hard to pronounce but important). Yet, on the highest point of the hills of Prosecco, a cru is produced: “Cartizze”.

Same story for Chianti in Tuscany somehow, which brough to the current distinction between Chianti and Chianti Classico.

Several manufacturing companies: from the historic Carpenè Malvolti, to the notorious Villa Sandi for example, make a great job along with smaller wineries which are gaining a good success also experimenting new products and different sugar content. paesaggio prosecco docgGetting closer to Conegliano there is also the first Italian Wine School (founded in the 1876), in Valdobbiadene area -instead- there are impressive slopes that impose “heroic”  job, also because use of machines becomes impossibile.

In pills:

  • What is Prosecco?

Italian white wine, light and with a very nice bouquet, which is produced mainly in the sparkling version. Prosecco is the name of the wine, the grape is called “Glera” (white).

 

  • What is the difference between Prosecco and Champagne or Franciacorta?

– Production area evidently (Champagne is produced in Champagne – in France, Franciacorta in the area Franciacorta, in Lombardy, north west of Italy);
– Grapes (Champagne: mainly Chardonnay and Pinot Noir; Franciacorta: mainly Chardonnay, Pinot Blanc, Pinot Noir)
– Production method: sparkling wines -in general- require a second fermentation in order to obtail bubbles by adding sugar and yeast. Now, for Champagne and Franciacorta the socalled “Classic Method” is used so the second fermentation  happens in each bottle; for Prosecco “Martinotti method” (or “Charmat”) is used, realizing the re-fermentation in big containers to speed up the process, keep freshness and the typical notes of this grape/wine and obtain uniformity.

io a val docaStay tunned for more and more wine notes.

 

(versione ITA)

Il successo del Prosecco, in Italia e nel mondo, è indiscutibile. E questo va al di là dei gusti e delle scelte personali.

In tantissimi ci divideremo in queste feste, preferendo spumante italiano piuttosto che Champagne o “el cava“, lo spumante spagnolo, soprattutto a Capodanno. In molti sceglieranno il Prosecco per Brindare e perché non pasteggiare direi!

Ecco qualche elemento in più sul prosecco: http://www.wineverse.it/blog/conegliano-valdobbiadene-prosecco-superiore-docg-limite-caratteri-titolo-sforati/

Oppure scarica il PDF qui: prosecco generale- pdf da wlog

The new tasting room of Salerno – part 2 (Sala degustazione in enoteca a Salerno-parte 2)

(ENG version   —   segue versione ITA)

 

I’m back in the wine shop “San Pietro” in Salerno (Campania region, south of Italy) which opened a tasting room last summer. You can access and use a tasting card to taste wines choosing among 48 ones starting from just 50 cents in some cases. The machines can guarantee a perfect preservation of each wine served at the right temperature.

I talked about it then, in July, here is the article for those who missed it ..e tasting card - enoteca san pietro SA

As promised on that occasion, I would have written a few months later to check the progress of the project, the possible implication on sales, the type of audience and so on.  So, waiting for the interview I used my personal card to try some of the special wines Pino had chosen at the moment.

List numbers and statistics would be absolutely premature after a few months but I collected some interesting information.

So, we can say that -at the moment there is not a direct relationship between tasting room and sales, in quantitative terms. I’m sure there will be but at the moment there is already a strong relationships in terms of quality: I am talking about the perception by customer and so the relationship with it! This phenomenon becomes possible also thanks to the tasting opportunity: it becomes easier to recommend a wine for a dinner or a gift while, in the past, it was more complicated to interpret the needs and especially tastes of the customer.

Beyond this, the project of the tasting room has its own life and it might be an excellent opportunity of business diversification. So I’m curious to understand how to proceed, who are the most loyal customers, and so on.

Well, Mr. Giuseppe explains me that after an initial influx of experts, today’s customers are mainly curious one who, in such a context, have a great opportunity of tasting without pressure or suggestions. And it is at this point that I ask Giuseppe a provocative question “why should I come here instead of going to taste in a wine bar that offers me snacks and chairs at the counter or at the table?!”. Giuseppe is sure about the answer: “for the unquestionable quality of the service: service temperatures, perfect preservation of the  wine thanks to special machines; however”, emphasizes Giuseppe: “anyway, this is a completely different experience and I am not sure that the food is necessarily a plus! If you pair the wrong  appetizer, for example, you can think that it is the wine to be bad!”insegna

(versione ITA)

Eccomi di nuovo in enoteca San Pietro a Salerno che l’estate scorsa ha inaugurato una sala degustazione adiacente al negozio. Si accede con una card, appositamente ricaricata della quota prescelta, e si sceglie tra i 48 vini in degustazione a partire da soli 50 cent in alcuni casi. I vini sono erogati da macchinari dosatori e consentono una perfetta conservazione del vino servito alla giusta temperatura.

Ne ho parlato allora, a luglio per l’esattezza, ecco l’articolo introduttivo per chi se lo fosse perso..

Come promesso in quella occasione, avrei scritto a distanza di qualche mese per verificare l’andamento del progetto, l’eventuale risvolto sulle vendite, la tipologia di pubblico e così via. Mi ponevo questi quesiti sin da subito. Così ho approfittato di Pino e nell’attendere che sbrigasse alcuni clienti per l’intervista, ho sfoderato la mia amata card per godermi alcuni dei vini in degustazione.

Elencare numeri e statistiche sarebbe assolutamente prematuro dopo pochi mesi ma alcune osservazioni, per capire l’andamento del progetto, ci sono.

Così, possiamo affermare che -al momento- non si verifica una relazione “direttamente proporzionale” tra degustazione e vendite, in termini quantitativi. Sicuramente è presto, sono sicura che ci saranno ma si è constatata una relazione in termini qualitativi: mi riferisco alla percezione da parte del cliente e quindi al rapporto con esso, scusate se è poco! Questo fenomeno si rende palese e possibile anche grazie all’opportunità che offre la degustazione: diventa più facile consigliare un vino per una cena o un regalo mentre in passato era più complicato interpretare le esigenze e -ancora peggio- i gusti del cliente.

Al di là di questo, il progetto della sala degustazione gode di vita propria e penso possa essere un’ottima arma di diversificazione tra l’altro. Per cui sono curiosa di capire come procede, chi sono i clienti più assidui e se ci sono state evoluzione dell’idea business iniziale.vini

Ebbene, Pino mi spiega che dopo un’iniziale afflusso di appassionati, oggi i clienti della sala degustazione sono prevalentemente curiosi i quali, in un contesto del genere, hanno una grande opportunità di degustazione senza pressione o suggerimenti. Ed è a questo punto che mi sorge spontanea la domanda-provocazione che ho posto a Pino “perché dovrei venire qui a degustare invece di recarmi in un wine-bar che mi offre stuzzichini e postazioni al bancone o ai tavoli?!”. Pino è sicuro, come al solito: “per la qualità indiscutibile del servizio: temperature di servizio, certezza di preservare la bontà del vino nei giorni grazie alle apposite macchine; ad ogni modo”, sottolinea Pino: “si tratta di due cose molto diverse e poi chi lo ha detto che il cibo sia per forza un plus? Se sbagli stuzzichino e -quindi- abbinamento, puoi pensare che sia il vino ad essere cattivo!”

 

Serracavallo winery in Calabria-south of Italy (che bel tour vinicolo presso Serracavallo, in Calabria)

(ENG version   —   segue versione ITA)

The proactive attitude, enthusiasm and optimism of Demetrio Stancati and Flaviana Bilotti (partner in life and in business), are the first notes you take visiting Serracavallo winery in Calabria region, south of Italy.

We are, specifically, in the district of Cosenza city, in a charming estate I visited on a clear afternoon, at sunset. We took the advantage of this beautiful weather to sit down on the terrace overlooking the vineyards and then take a long talk together, enjoying some wine. More precisely we are a few steps from Sila (the mountain) and so a good altitude (about 600 meters a.s.l.) is combined with the sea breeze that cools and gives minerality.logo

Demetrio family was not used to drink wine, but the fate brought him to Monferrato (in Piedmont, famous wine region in the north of Italy) to perform military service and he fallen in love with the great wines of the area. So once finished the military service he went to France in search of secrets and even before, production notes. Then he started an initial production and when the president of the notorious “Slow Food Association” in the 90s stated to be enthusiastic about his wines, Demetrio realized that wine production was going to become his job.

Here is the story of a really interesting company beyond numbers, scores and technical notes that, maybe, together, we will face anyway but with a different premise and a positive spirit such as the one of the affable owners.

They work on about 30 hectares of vines, at least for now! The bottles are about 80,000 and about 75% of red wines, mainly for the local market, regional (but also for some European countries, Russia and recently USA and Canada).

Demetrio is full of ideas, for example the consortium created with other manufacturers to make a team and be stronger, yet,  the fruitful relationship with the institutions that after a sort of initial skepticism “today institutions compete to support initiatives that can only bring value to the entire territory” says Demetrio satisfied also of the activities of Sommelier association in Calabria for their effort in terms of wine education. And he is also running some experiments in the cellar as -for example- the desire of sparkling wines, with an initial support of Franciacorta for the ‘remuage’ (notorious wine area in the north of Italy for the production of sparkling wines).scorcio

But, at this point the wisdom of Flaviana mixed with her expertise in marketing, become crucial; she restrains him -when needed- to avoid confusion on the markets, good job!

There are different wines, I like to mention “Settechiese” (fantasy name meaning “seven churches”) which takes its name from the tradition of the past to make wine for churches and whereas in Bisignano there are seven districts with 7 churches … A tradition that reminds me a bit the path of Californians who -because of Prohibition at the beginning of the XX century- stopped wine production, except for some companies that continued to produce exclusively for the churches.

Yet, it’s very nice the vintage 2013 of their rosé, recently awarded by “Radici del Sud” “Don Filì” with the vintage 2011. I find intriguing “Besidiae” (2013), made from the whites Pecorello (native grape, 40%), Chardonnay (30%) and Riesling 30%, which is still too young to be completed with the aromas of hydrocarbons, for example, and so I am going to try it in a few years. I find particularly pleasing also the reds such as the cru “Terraccia” (2011) with an intense nose of red fruits but also a hint of incense and in the mouth is smooth and structured, suggesting a good longevity. This was the top wine until -a few years ago- when a magnificent “Savuco” was born: we tasted the vintage 2010 with notes of black fruits and especially blackberries and then in the mouth is full with fine tannins, herbaceous note and chocolate allowing a usually difficult combination with chocolate! Some other wines complete the range and there will be other opportunities for tasting.

Stay tunned.bicchiere

 

(versione ITA)

L’atteggiamento propositivo, l’entusiasmo e l’ottimismo di Demetrio Stancati e Flaviana Bilotti (partner nella vita e in azienda), sono i primi elementi che ti conquistano andando in visita presso Serracavallo, azienda vitivinicola calabrese.

Siamo a Bisignano in provincia di Cosenza in una tenuta affascinante dove mi sono trattenuta volentieri per qualche foto in più in un pomeriggio limpido, al tramonto. Abbiamo approfittato di questo splendido clima per accomodarci sul terrazzo con vista sui vigneti, fare una lunga chiacchierata tutti insieme e goderci qualche vino. Più precisamente siamo nella Valle del Crati a pochissimi passi dalla Sila e così una buona altitudine (circa 600 mt) si combina alla brezza marina calabrese che rinfresca e dona mineralità.

A casa di Demetrio non si beveva vino, perfino i genitori erano astemi nonostante le tradizioni meridionali ma il destino lo portò a Monferrato (Piemonte) a svolgere il servizio militare. Come non innamorarsi di quei vini. Insomma, il servizio militare si rivela estremamente proficuo e Demetrio parte per la Francia a caccia di segreti e ancor prima, note di produzione. Così inizia con una prima produzione e quando il presidente di Slow Food negli anni 90 resta entusiasta dei suoi vini, allora, Demetrio capisce che quello sarebbe diventato il suo lavoro.

Ecco la storia di una gran bella azienda al di là di numeri, punteggi e note tecniche che, magari, insieme, affronteremo comunque ma con una premessa  diversa e uno spirito positivo come quello degli affabili proprietari.io con sfondo settechiese

Parliamo di circa 30 ettari vitati, almeno per ora! Le bottiglie sono circa 80.000 e per circa il 75% di vini rossi, principalmente destinati al mercato locale, quello regionale (non mancano contatti con alcuni paesi europei, la Russia e da poco USA e Canada).

È un vulcano di idee Demetrio, basti pensare al Consorzio creato con altri produttori, per fare squadra ed essere più forti, o al rapporto proficuo con le istituzioni che dopo un primissimo iniziale scetticismo “oggi fanno a gara a supportare iniziative che possono solo portare valore a tutto il territorio” dice Demetrio, contento anche del lavoro dell’AIS Calabria per lo sforzo in termini di educazione al vino. E non mancano, naturalmente, le sperimentazioni in cantina, come -ad esempio- la voglia di spumante con un iniziale supporto della Franciacorta per il remuage.

Ma è a questo punto che interviene la saggezza di Flaviana mista alla sua competenza sulla gestione del marketing, la quale lo frena -opportunamente- per non creare confusione sui mercati!

I vini sono tanti, mi piace ricordare il “Settechiese” che prende il nome dalla tradizione di un tempo di fare il vino (buono!) per le chiese e considerando che a Bisignano ci sono 7 quartieri con altrettante chiese…  Una tradizione che mi ricorda un po’ il percorso dei californiani che a causa del proibizionismo interruppero qualsiasi produzione, fatta eccezione per qualche azienda che continuava a produrre esclusivamente per le messe.  Un’ottima conferma l’annata 2013 del rosato premiato in occasione del concorso Radici del Sud lo scorso giugno (2014) il “Don Filì, allora con l’annata 2011”. Intrigante il “Besidiae” 2013, il bianco di Pecorello (autoctono, 40%), Chardonnay (30%) e Riesling renano (30%) che è ancora troppo giovane per completarsi con aromi di paesaggioidrocarburi ad esempio e che quindi voglio provare tra qualche anno.

Particolarmente piacevoli i rossi come ad esempio i cru “Terraccia 2011” con un naso intenso di frutti rossi ma anche una nota di incenso e che in bocca è rotondo e morbido, suggerendo una buone longevità. Questo era il vino di punta fino a qualche anno fa quando è arrivato un magnifico “Savuco”: degustiamo il 2010 con note di frutti neri e more in particolare, e anche viola e poi in bocca è pieno con tannini da ‘masticare’, nota erbacea e di cioccolato che consente quello che è riconosciuto come difficile abbinamento: il cioccolato che scegliamo -però- ai frutti rossi! Qualche altro vino completa la gamma e non mancheranno altre occasioni di degustazione anche per me.