0

FOCUS: Champagne!

(ENG version   — segue versione ITA)

Curiosity

When I write a report regarding any production area, I often make specifications about the exact location or the type of wine for example; I am sure that in this case it is not necessary!

“Champagne” means bubbles at very high quality. Champagne is (also) a fascinating production areas where the father of any other classic method in the world was born (classic method consists in the second fermentation in bottle, see below).

maps

map

 

It is a tour one cannot miss with its fascinating territory and town, I recommend to everyone. Reims, in particular, is worth the trip, to visit for example the monumental and imposing Cathédrale Métropolitaine de Notre-Dame de Reims, extraordinary example of Gothic art in Europe where coronations of the kings of France took place. As well as the charming village of Hautvillers where you can access the church which hosts the tombs of Dom Perignon and Dom Ruinart, fathers of Champagne.

Once in Reims, accessible by (high speed) train from Paris, you can easily reach some notorious maison such as, for example, Taittinger, Ruinart, Veuve Clicquot also to visit the wonderful caves made of “craie”, nowadays become cathedrals of wine..

 

History

It seems that the origin of viticulture in this area has ancient roots and that between 1200 and 1300 they used to produce white wines by white grapes with excessive acidity, and then red wines often compared to some other French reds unsuccessfully. Everything changes when they start to produce white wines from black grapes (we are around the seventeenth century): naturally sparkling wines, especially if bottled in March (with spring temperatures a second fermentation used to start transforming sugars into alcohol and carbon dioxide). That is why the British try to arrogate Champagne discovery since, being faithful buyers of this wine, they bought and bottled it in more resistant bottles than those used in France, where in spring the bubbles used to come out being widely appreciated, giving the idea that the British had invented Champagne. But probably, the French version is more romantic: they thank Dom Pérignon for studies obout assemblages of different grapes, the cork that could better hold the bubbles, and so on. As well as Dom Ruinart who founded the first Maison in 1729. It seems then, the Widow Cliquot, obsessed by “dirty”  wines (given the presence of yeasts’residual added because of the typical process of production of sparkling wine) invented the pupitre (see pic) and experimented rosè wine, initially asking red grapes to the Romanée-Conti who refused!

 

Territory and grapes

paesaggioChampagne is located at about 140 km east from Paris, with about 34,000 hectares. Oceanic climate with continental influences enables the development of a high level of acidity, fundamental for this kind of wine. Champagne area is divided, however, in various production areas, each dedicated to the production of mainly one grape, the grapes are then used individually or assembled together for the production of Champagne:

  • Montagne De Reims: produces Pinot Noir
  • Vallée De la Marne: Pinot Meunier
  • Côte Des Blancs and Côte de Sézanne for Chardonnay
  • Aube: Pinot Noir

The soils are therefore different, but often characterized by the famous “craie”, chalk of Champagne which also characterizes the famous caves where today many big companies preciously guard bottles offering suggestive tour too.

Only the 10% of existing vineyards belongs to the big houses that tend to mix grapes from throughout the region; the rest belongs to small producers that are becoming increasingly popular.

But expansion plans are ongoing: the authorities are considering the proposal to welcome 40 new villages more. IN case those will not be available before 2017!

 

Champagne

Champagne is expensive because its costs are high. Its price has to be justified if you think that only the grapes needed to produce one bottle can cost €10!

pupitre

pupitre

It can be an assembly of several grapes (2 or 3 of the grapes mentioned above) or produced using only one of them; the color can be white or pink. The white is produced from white grapes or red grapes (in the last case the vinification process is runned avoiding contact with the skins which would leave the red color).

The pink version can be produced as rosé: basic white wines with the addition of a small amount of red wine (made from pinot menier or pinot noir). Otherwise it is obtained from another system that will define the product Rosé de saignée that involves the use of Pinot Menier and / or Pinot noir foreseeing macerations with their skins for a few hours.

The reputation of any company is often based on “non vintage” wines: mix of different grapes and also different vintages, the aim is to offer the same product year after year. The “non-vintage” wines are distinguished, evidently, by Millésimé, for grapes of a single year.

REGARDING THE PRODUCTION METHOD: Champagne is the father of what in other countries is called “Classic method” and foreseen a second fermentation (a process that distinguishes the sparkling wine from the classical one) in bottle: yeast and sugar are added in each bottle producing carbon dioxide and, therefore, our bubbles. At that point, it proceeds to the so-called “riddling”: operation which consists in rotation and pushing of the bottle from the (more or less) horizontal position to a vertical one, in order to deposit the remains of secondary fermentation in the bottle neck will be, then, frozen causing the formation a solid cap that will be expelled causing a loss of fluid -because of the pressure inside the bottle-, replaced with some more sparkling wine or from this + sugar (the amount of sugar will determine the type: from the driest to sweetest one: pas dose,

model of craie cave

model of craie cave

extra brut, brut, extra dry, sec, demi sec, doux). This operation is performed manually through “pupitre” (see photo) or, as more and more companies do, mechanically.

This process takes months as well as the entire production, it is not a very simple work!

Champagne is among the oldest and most versatile wines as only a few imagine!

 

Communication

As already mentioned in the focus about Burgundy, I find no need to stress the high level of communication that characterizes this product since it is obvious. Champagne is not just a type of wine, it is a status, an art and a culture’s element. But what I like to underline is the elegance of such communication: from labels to the general symbolism that convinced the world, all without falling in the excess as promotion can sometimes cause, communicating only a commercial interest.

Probably, the current communication goal is the penetration of the message that this is a product to drink throughout the meal and not just for special occasions. But I like to add that you do not, necessarily, need to pick big brands, there are small house with excellent and affordable products.

In terms of hospitality, appropriate distinctions are requested also because French sometimes seem more arrogant than nice, unless  you break the initial “wall”! So, an extreme is represented by big house where the hospitality is very structured even if touristic in many cases, wine experts should follow other ways. (However, in these cases, it is better to book your tour that will also include a tasting of some products). The small ones tend to welcome you in their living room very often!

–>  I would, instead, focus on HOW TO READ THE LABEL?!

  • DOSAGE AND SUGAR: “Brut nature / zero dosage” (no added sugar, total quantity of sugars <3 g / L); “Extra Brut” (very dry, from 0 to 6 g / L); “Brut” (dry, up to 12 g / L); “Extra sec” (quite dry, 12 to 17 g / L); “Sec” (little dry, 17 to 32 g / L); “Demi-sec” (almost sweet, from 32 to 50 g / L); “Doux” (slightly sweet,> 50g / L):

In any case, the first mentioned labels, the drier ones are the most representative.

  • INFO ON THE LABEL: “Blanc de Blancs” (Champagne produced only with white grapes, in this case Chardonnay); “Blanc de noirs” (produced only with red grapes); Cuvee (blend); NV-Non Vintage (blend of wines from different vintages); Vintage (Millésimé, wine of a single year); Réserve (does not have a specific meaning, generally the winery uses the term to refer to a special production for some reason).
  • SIGLE ON BOTTLES: NM-Négociants-manipulant (manufacturer who buys grapes); RM-récoltant-manipulant (winegrower which bottles his/her wine!); CM-Coopérative de manipulation (cooperative); RC-Récoltant-coopéerateur (grower who sells the wine produced by a cooperative); MA-Marquee d’acheteur (trademark of the buyer).

 

The cellars

The products are endless, but here I will focus on some of the wineries visited also to bring some impressions about the house

at jacquesson

at jacquesson

and the tour.

I will certainly go back there and integrate the report.

JACQUESSON

Superb hospitality, we spent quite time among vineyards, cellars and tasting. Jean-Herve Chiquet was so friendly, thus I take the opportunity to thank him again.

Among my favorite champagne, no doubts! Products with character and personality, they are not afraid to offer the market products different from year to year if the vintage gives different results, even if they appreciate and emphasize the unique style of Champagne which –in general- foreseen the cuvée (even from different vintages).

I have loved 733 Degorgement Tardif Extra Brut as well as the “single vineyard” of Pinot noir with ‘dark’ reflections (even if a white one), because of the Pinot noir which has released something during vinification and they did not want to correct a natural effect; finally a great rosé … that is no longer available as it seems that from 2012 the vinification in white (and not in pink) is giving better results!

Taittinger

The tour in this case is purely touristic. But you can get an interesting tour in the caves: you go down reaching different levels and one can meet people from all over the world. Visiting these caves you can quantify with your eyes the number of bottles processed and the tough work behind them, imaging all employees accompanied by its own echo while working.

ERNEST REMY

at ernest remy

at ernest remy

Here you can really feel the attention to details, the local traditions, the french know-how. Tarek Berrada, winemaker, works only grapes from Grand Cru areas, and being in Reims (where Pinot Noir is produced, see above) it means Pinot Noir 100% for 3 white (sans année Brut, a demi sec so with greater amounts of sugar, a vintage and a rosé de saignée). Elegant, persistent and recognizable. The non vintage Brut expresses a special minerality, the Millésimé (2005) still very young despite his 10 years with great personality and the rosé de saignée is a perfect expression of Pinot noir, you recognize immediately!

MERCIER

Also this tour is “touristically-structured somehow” but ot is very interesting and informative; I really wanted to visit them as they do not export here in Italy. At the entrance, a giant barrel welcomes you (see photo), the one that Mr. Mercier showed at the Universal Exhibition in Paris in the end of the XIX century and built to ensure the Champagne to all. The tour took place, then, in the train that goes through the caves decorated with reliefs aimed at making nice to work there. Great value for money for the non vintage Brut, interesting the rosé which would be fine for some desserts, not too sweet ones like some of the typical biscuits Fossier.

RUINART

Historical company of great importance with wonderful caves! The tour is quite long and truly interesting with historical traits as

ruinart

ruinart

during the wars the caves became shelters and blessed by the Church but, unfortunately robbed because, unlike other houses, the wines were not hidden behind false walls, so, the most historical company has not old bottles anymore!

Needless to mention the quality, I am referring to the white Dom Ruinart 2004, smooth and mineral with notes of citrus and fresh bread, and also the rosé Dom Ruinart 2002 is intense and complex with notes of citrus, but also a slight touch of exotic fruits, in the mouth is precise with floral and spicy notes together!

Beautiful and unique bottles.

FABRICE Bertemes

Among my favorite tasting without any doubt.

Friendly and helpful, Fabrice dedicated me a beautiful morning to discover all secrets and showing me his disgorgement à la volée (Usually this is done by freezing the neck of the bottle to be ejected-see “production method” above); Fabrice instead does it on his own: gently pushing the bubble located at the base of the bottle as long as this does not come to the neck where the deposits are, coordinates well and uncorks at the right time. Fantastic to see him live! I loved all of his products: the “basic” Brut is direct, sround and mineral; the zero dosage, with citrus notes, powerful; finally the Blanc de Blancs and a really wonderful Rosé de saignée.

 

(versione ITA)

maps

maps

Curiosità

Spesso quando scrivo qualche recensione su zone di produzione, faccio diverse specifiche: già nel titolo inizio a chiarire l’esatta posizione o il tipo di vino se, questo, è più noto. Mi sa che in questo caso non è necessario!

“Champagne” è bollicine di altissima qualità. Champagne è l’area di produzione dello stesso, padre di ogni altro Metodo Classico nel mondo (per metodo classico intendiamo seconda rifermentazione in bottiglia che chiariremo in seguito).

È una tappa da non perdere, un territorio e dei paesi affascinanti e coinvolgenti con pezzi di storia e visite da non perdere. Lo consiglio a tutti, anche i non “addetti ai lavori… del vino”. Reims, in particolare, merita il viaggio, quantomeno per visitare la monumentale e imponente Cattedrale Cathédrale Métropolitaine de Notre-Dame de Reims, esempio straordinario di arte gotica in Europa. Qui si sono svolte le incoronazioni di tutti i re di Francia. Così come il delizioso paesino di Hautvillers dove si può accedere alla chiesa che custodisce le tombe di Dom Perignon e Dom Ruinart, padri celebri dello Champagne.

Una volta a Reims, raggiungibile in treno (alta velocità) da Parigi, è possibile raggiungere facilmente e a pochi passi alcune note maison come ad esempio Taittinger, Ruinart, Veuve Clicquot anche per visitare le fascinose cave di craie, cave scavate per recuperare il materiale con cui costruite le strutture sovrastanti e divenute cattedrali del vino come mostrato nelle foto.

Storia

  • Pare che l’origine della viticoltura nella nota zona Champagne sia antica e che tra il 1200 e il 1300 si producessero bianchi (da uve bianche) che risultavano spesso con eccessiva acidità, e poi vini rossi spesso confrontati con altri rossi francesi senza riuscire a reggere il confronto.
  • Tutto cambia quando si inizia a produrre vini bianchi dalle uve nere (siamo intorno al XVII secolo): vini frizzanti naturali soprattutto se imbottigliati a marzo (con la primavera le temperature si alzavano e ripartiva la fermentazione che trasformava gli zuccheri in alcool e anidride carbonica). È per questo che gli inglesi cercano di attribuirsene la scoperta dato che, essendo fedeli acquirenti di questo vino, usavano acquistarlo e imbottigliarlo in bottiglie più resistenti di quelle usate in Francia, le bottiglie in Primavera rifermentavano e scoppiavano dando l’idea agli inglesi di aver inventato lo Champagne. Ma probabilmente, è più romantica la versione dei francesi che ringraziano Dom Pérignon per gli studi sugli assemblaggi delle diverse uve (le famose cuvée che si usa fare ancora oggi), sul tappo di sughero che potesse meglio trattenere la spuma e così via.

    tour in champagne

    tour in champagne

  • Così come Dom Ruinart che fonda la prima Maison nel 1729.
  • Pare sia stata poi la Vedova Cliquot, ossessionata dai vini “sporchi” (cioè non limpidi, data la presenza di lieviti aggiunti per il tipico processo di produzione del vino spumante) ad inventare la pupitre (una sorta di cavalletto in legno con buchi per contenere le bottiglie, al fine di raccogliere i residui dell’operazione in bottiglia nel collo e poi eliminarli). È sempre lei a sperimentare i vini rosati, pare abbia inizialmente chiesto le uve alla Romanée-Conti che si rifiutò!

Territorio e uve

pupitre

pupitre

Siamo a circa 140 Km a est di Parigi, con circa 34.000 ettari coltivati. Il clima è oceanico con influenze continentali che consente lo sviluppo di un alto livello di acidità, fondamentale per questo genere di vino. Tutta la Champagne si suddivide però in diverse aree di produzione, ciascuna dedita alla produzione di una sola uva tendenzialmente, le uve utilizzate singolarmente o assemblate tra loro per la produzione di Champagne:

  • Montagne de Reims:dove si produce Pinot Noir
  • Vallée de la Marne : Pinot Meunier
  • Côte des Blancs e Côte de Sézanne per Chardonnay
  • Aube : Pinot Noir

I terreni sono, quindi, diversi, ma spesso caratterizzati dalla famosa “craie”, il gesso della Champagne che caratterizza anche le famose cave in cui oggi molte delle grandi aziende custodiscono preziosamente le bottiglie offrendo tour suggestivi.

Dei vigneti esistenti solo il 10% appartiene alle grandi maison che tendono a mescolare uve di tutta la regione per i propri vini; la restante parte appartiene a piccoli produttori che sono sempre più apprezzati.

Ma udite, udite, sono in corso piani di espansione: le autorità stanno valutando la proposta di accogliere 40 nuovi villaggi nella denominazione. Nel caso, le aree non saranno disponibili prima del 2017.

 

Lo Champagne

Lo Champagne non è caro ma è costoso! Il prezzo è da giustificare se si pensa che solo le uve necessarie per produrre una

cattedrale reims

cattedrale reims

bottiglia possono costare anche 10€!

Si tratta di un assemblaggio di più uve (2 o 3 delle uve sopra menzionate) o prodotto da una sola di queste e può essere bianco o rosato. Il bianco viene prodotto da uve bianche o anche da uve rosse (attuando una vinificazione in bianco, evitando il contatto del mosto con le bucce queste non rilasceranno colore).

Il rosato può essere prodotto come rosè: vini di base bianchi a cui si aggiunge una piccola quantità di vino rosso (ottenuto da pinot menier o da pinot nero). Oppure il rosato si ottiene da un altro sistema che li definirà Rosé de saignée che prevede l’utilizzo di Pinot Menier e/o Pinot noir che però vengono fatti macerare a contatto con le bucce per poche ore, le quali rilasceranno il proprio colore.

La reputazione di ogni azienda si basa sui vini “senza annata”, la miscela si fa non solo con uve diverse ma anche di annate diverse, lo scopo è quello di offrire sempre lo stesso prodotto anno dopo anno. I vini “non-vintage” si distinguono, evidentemente, dai millesimati, per i quali invece si prediligono le uve di una sola annata (quindi indicata in etichetta) in quanto di particolare valore.

IL METODO DI PRODUZIONE, in molti, lo conosciamo già: lo Champagne è il padre di quello che in Italia chiamiamo Metodo Classico e che prevede la rifermentazione del vino in bottiglia (processo che, semplificando, distingue il vino spumante da quello fermo, classico): si aggiungono lieviti e zuccheri in ogni singola bottiglia che produrranno anidride carbonica e, quindi, le nostre bollicine. Dopo un certo periodo, si procede al cosiddetto “remuage”: operazione di rotazione e spinta della bottiglia da una posizione più o meno orizzontale ad una verticale al fine di far depositare i residui della rifermentazione nel collo della bottiglia che sarà, quindi, ghiacciato determinando la formazione di un tappo solido che sarà espulso causando –data la

cave at ruinart

cave at ruinart

pressione interna alla bottiglia- una perdita di liquido poi rimpiazzato da altro spumante base o da questo + zuccheri (la quantità di zuccheri determinerà la tipologia dal più secco al più dolce: pas dosé, extra brut, brut, extra dry, sec, demi sec, doux). Questa processo si realizza a mano per mezzo delle “pupitre” (vedi foto) oppure, come sempre più aziende fanno, meccanicamente.

Lo Champagne è tra i vini più longevi e versatili come non tutti immaginano. Basta sapere scegliere.

 

Comunicazione

Anche nel caso dello Champagne (come accennavo nel focus relativo alla Borgogna) trovo superfluo sottolineare l’alto livello di comunicazione e l’immagine che caratterizza questo prodotto. Lo Champagne non è solo una tipologia di vino, è uno status, è arte ed elemento culturale. Ciò che però mi piace portare alla luce è l’eleganza della comunicazione: dalle bottiglie al simbolismo intrinseco che ha convinto il mondo, tutto senza cadere (quasi) mai nell’eccesso e, quindi, nella caduta di stile che un eccesso di promozione a volte può causare, comunicando un messaggio più spinto verso l’interesse commerciale che altro.

Forse gli obiettivi della comunicazione di oggi si rivolgono al lancio di un messaggio solo apparentemente semplice: lo Champagne è un prodotto da bere a tutto pasto e non solo per le occasioni speciali. Ma mi piace aggiungere che non serve, per forza, andare su grandi nomi, scegliendo bene ci sono piccole maison con prezzi abbordabili che offrono dei prodotti ottimi.

In termini di accoglienza, c’è da fare opportune distinzioni anche a causa del fatto che  non sempre i francesi godono della massima simpatia rischiando di apparire arroganti, salvo rompere quel muro iniziale che ti porta di fronte a tutte le bottiglie della casa aperte di fronte a te! Quindi da un lato ci sono le grandi maison dove l’accoglienza è assolutamente strutturata ma il tour diventa turistico quindi, per gli addetti ai lavori, serve ricorrere ad altre strade. Ad ogni modo, in questi casi, è consigliabile prenotare un tour che includerà anche la degustazione di qualche prodotto.

chiara giorleo in champagne

chiara giorleo in champagne

Detto questo vorrei, invece, soffermarmi sulla corretta lettura dell’etichetta:

  • DOSAGGIO E ZUCCHERI: “Brut nature/zero dosage” (senza zuccheri aggiunti, quantità, totale <3g/L); “Extra Brut (molto secco, da 0 a 6 g/L); “Brut” (secco, fino a 12 g/L); “Extra sec” (abbastanza secco, da 12 a 17 g/L); “Sec” (poco secco, da 17 a 32 g/L); “Demi-sec” (Abboccato, da 32 a 50 g/L); “Doux” (tendente al dolce, >50g/L):

In ogni caso le versioni più secche dal nature al brut sono quelle più rappresentative.

  • INFO SULL’ETICHETTA: “Blanc de Blancs” (Champagne prodotto solo con uve bianche, quindi Chardonnay); “Blanc de noirs” (prodotto solo con uve rosse); Cuvée (miscela); NV-Non Vintage (vini di diverse annate); Vintage (millesimato, vino di una singola annata); Réserve (non ha un significato specifico, in genere la cantina utilizza l’espressione per indicare una produzione speciale).
  • SIGLE SULLE BOTTIGLIE: NM-Négociants-manipulant (produttore che acquista uve all’ingresso); RM-récoltant-manipulant (viticoltore che imbottiglia il suo vino!); CM-Coopérative de manipulation (cooperativa); RC-Récoltant-coopéerateur (viticoltore che vende il vino prodotto da una cooperativa); MA-Marquee d’acheteur (marchio del compratore).

 

Le cantine

I prodotti sono infiniti, tanti degustati in occasione di degustazioni guidate, eventi e così via, ma qui mi soffermerò su alcune delle cantine visitate anche per riportare qualche impressione sulla casa e il tour.

Non mancherò di tornare ed integrare il report.

JACQUESSON

Accoglienza superba, abbiamo speso qualche ora tra vigne, cantine e degustazione. Jean-Hervè Chiquet è stato tremendamente gentile ed esaustivo, colgo quindi l’occasione per ringraziarlo ancora. Si tratta di un marchio prima di grandi numeri ma che di recente ha cambiato rotta a beneficio di una maggiore finezza.

Tra i miei champagne preferiti, non c’è dubbio. Di carattere e personalità; qui non hanno paura di offrire al mercato prodotti diversi di anno in anno se l’annata cambia pur apprezzando e sottolineando l’unicità di stile dello Champagne in generale che prevede una bottiglia “classica”, la cuvée, che garantisce lo stesso prodotto ogni anno.

Strepitosi i 733 Degorgement Tardif Extra Brut così come il “single vineyard” di Pinot noir di colore carico, con riflessi quasi bronzo, perché il Pinot noir ha rilasciato qualcosa nel corso della lavorazione e non hanno voluto correggerlo (nonostante taittingerstessero producendo uno Champagne bianco), infine il rosato… che non fanno più: non lo hanno voluto loro ma l’ambiente, pare che dal 2012 la vinificazione in bianco stia dando risultati migliori!

TAITTINGER

Uno dei marchi più noti anche all’estero. Il tour in questo caso è prettamente turistico. Interessante il giro nelle cave, si scende a diversi livelli e si incontrano persone provenienti da tutto il mondo. Visitando queste realtà vedi con i tuoi occhi i numeri di bottiglie lavorate e con esse il lavoro che c’è dietro, puoi immaginare tutti gli addetti al lavoro in queste cave a luce contenuta a discutere sulle prossime annate accompagnati dalla propria stessa eco.

ERNEST REMY

Un produttore dalle dimensioni decisamente inferiori rispetto ai nomi più noti. Qui puoi davvero percepire l’attenzione ai dettagli, il “savoir faire” francese, le tradizioni locali. Tarek Berrada, maitre de cave, lavora solo uve provenienti da aree Grand Cru e, essendo queste a Reims (dove si produce Pinot Noir), produce solo vini da Pinot Noir al 100%, 3 bianchi (Brut sans annè, un demi sec quindi con maggiore quantità di zuccheri, un millesimato e rosato de Saignee). Eleganti, persistenti e riconoscibili. Il Brut senza annata esprime una speciale mineralità, il Millesimato (2005) ancora giovanissimo nonostante i suoi 10 anni e il rosato, perfetta espressione del Pinot noir, si riconosce immediatamente!

MERCIER

at mercier

at mercier

Un altro grande marchio anche se meno conosciuto in Italia rispetto ad altri nomi. Anche questo tour è in parte turistico ma molto interessante e informativo; ci tenevo molto considerando che l’azienda non esporta in tutti i paesi e non si trova in Italia facilmente. All’ingresso ti accoglie una botte gigante (vedi foto) che il signor Mercier mostrò all’esposizione universale di Parigi di fine ‘800 e che costruì per garantire lo Champagne a tutti. Il tour si è svolto, poi, in trenino che ha attraversato le cave decorate con basso rilievi volti a rendere piacevole il lavoro agli operai. Altamente professionali tutti i membri dello staff, ciascuno con il suo ruolo dall’ospitalità alla degustazione con sommelier professionisti. Ottimo rapporto qualità-prezzo per il Brut senza annata o il rosè che andrebbe bene anche per alcuni dessert non troppo dolci come alcuni dei tipici biscotti Fossier.

RUINART

Azienda storica, di grande rilevanza con cave tra le più belle che si possano visitare. Il tour è ammantato dalla magia dello Champagme, sembra di entrare ed essere in un’altra dimensione. Mi chiedo come riescono a creare questo effetto o se, è ancora il nostro champagne, ad evocarlo: forse il silenzio, i toni controllati, l’eleganza nella semplicità della struttura, la storia che racchiude. Il tour è interessante con cenni storici alle guerre quando queste cave divennero rifugi e non a caso benedette dalla Chiesa ma ahimè anche derubate in quanto, a differenza di altre maison, i vini non vennero murati e, così, l’azienda storica per eccellenza ha uno storico molto limitato rispetto al potenziale.

Inutile parlare della bontà dei vini, mi riferisco ai Dom Ruinart bianco 2004, vellutato e minerale con note di agrumi e pane fresco, sia Dom Ruinart rosato 2002 intenso e complesso con note di agrumi ma anche un leggero tocco esotico, in bocca è preciso con note floreali e speziate insieme!

Bellissime e inconfondibili le bottiglie.

con fabrice bertemes

con fabrice bertemes

FABRICE BERTEMES

Tra i miei assaggi preferiti senza alcun dubbio. Piccolo produttore.

Gentile e disponibile Fabrice mi dedica una bella mattinata per scoprire tutti i segreti produttivi e mi mostra il suo dégorgement à la volée: generalmente questa operazione si fa congelando il collo della bottiglia per espellerlo; Fabrice invece fa tutto da solo: spinge dolcemente la bolla d’aria che si trova alla base della bottiglia finchè questa non arriva al collo dove si sono depositati i residui della rifermentazione, si coordina bene e stappa al momento giusto. Fantastico vederlo dal vivo! Ho appezzato tutti i suoi prodotti: dal Brut base, diretto morbido e sapido al non dosato: più fresco, con note agrumate, potente, infine il Blanc de Blancs e un ottimo Rosè de saignee.

 

 

 

0

The club of the chef of the world leaders (Il club degli chef dei Capi di Stato)

(ENG version   —   segue versione ITA)

It’s called “Le Club des Chefs des Chefs” and it is the club of the chef of the world leaders including Obama or Queen Elizabeth along with the President of the Italian Republic for example. This is the world’s most prestigious culinary association  founded in 1977. Only 1 chef for each country is admitted … except for China which has two locations!

They meet to exchange culinary curiosities and secrets maybe! The purpose is to safeguard the national traditions and become familiar with each other will help when their leaders will meet for an official meal and the chef of the nation which hosts the meeting will need information to make a good meal.

For some it might seem secondary, instead, a mismanaged lunch could affect the success of the meeting, the power of food is immense, nobody would question that.

It is all true as the chef do not get special instructions when their leader is going to meet another one. Thus, in these cases, it seems that the chef are likely to have a short phone call with the chef of the leader who is coming to discover preferences about products, portions, any diets or ongoing needs based on the moment, for example, because of long trips or whatever. This is a common practice already, but a club with an annual meeting can certainly improve these relations.

Needless to specify that confidentiality is a must!

The ex President of the Italian Republic, Giorgio Napolitano, in 2009, when the meeting was held in Italy, claimed to appreciate the initiative a lot as “a new dimension of international cooperation”.

I am sure that no one will be surprised regarding the centrality of food especially in view of Expo 2015.

 

(versione ITA)

Si chiama “Club des Chefs des Chefs” ed è il club degli chef dei leader mondiali che si scambiano informazioni circa le preferenze culinarie dei propri capi di Stato, re o regine o quel che sia, in occasione di incontri e pasti formali.

Ecco perchè si è pensato ad un incontro annuale che potesse consentire a tutti questi chef di conoscersi e, in questo modo, confrontarsi anche sulle tradizioni locali.

D’altra parte pare che il successo del pranzo o della cena siano determinanti per la trattativa!

Ancora una volta il cibo e la tavola assumono un ruolo centrale.

Leggi l’intero articolo qui: http://www.wineverse.it/blog/gli-chef-dei-leader-mondiali-e-la-loro-influenza-sulle-trattative/

Oppure scarica il PDF qui: chef leader mondiali -pdf da wlog

 

1

FOCUS: Burgundy in France (Borgogna in Francia!)

 (ENG version   —   segue versione ITA)

Curiosities

In the wine world some tours have to be intended as due. Due to understand the success of certain wines, the communicative approach, because those wines are known in every corner of the world; wines which becomes a reference point for many producers all over the globe.

So during my stay in Torino (In Piemonte region, north of Italy, very close to France) I could not think of taking the car and go to

MAPPA

MAPPA

burgundy map

burgundy map

Burgundy. I do not deny my interest in Champagne, so the plan became clear: I left Turin, making a first stop in Burgundy for some days and then leaving to Champagne to tour it afterwards.

I went there recently, in February as in this period there are not tourists for sure and producers are not busy with the harvest and staff.  The problem was that we had -6 C degrees plus wind! Not too bad anyway, I had fun!

History

In this case I like to point out some historical traits that I find relevant and which can offer relevant insights in order to understand the path and especially the roots of an art.

  • The history of wine in Burgundy has ancient origins but the religious played a crucial role, as often happens, as in the seventh century they left a trace: the “clos”, vineyards surrounded by stone walls, symbol of quality;
  • An important step occurs in the seventeenth century, when Burgundy was a Duchy far away for rivers to export wine. So they decided to produce a very high quality to justify a higher price that would have covered the costs of transport too;
  • The French Revolution, then, changes the perspective since the extended properties was confiscated and sold in small plots. That’s why, even today, the properties are still very small: the average size is about 17 acres (this implies a considerable unpredictability, which is the reason why 60% of Burgundy wine is purchased in barrels, then mixed with wines of the same type in order to get a sort of standard year after year, the wine is aged and sold by negociants).
  • in the ‘800 already, they start to distinguish first, second and third lines but with the arrival of phylloxera (insect that hit the vineyards all over the world) the whole system changed and the vines are reduced to four: Chardonnay Pinot Noir and also Gamay (red) and Aligoté (white).

soilTerritory and wines

Burgundy is the region located in the very north of Europe, the last one which can give red wines of high quality. It is a symbol of French viticulture and beyond.

The grapes and, therefore, the most important wines are the white Chardonnay and red Pinot Noir (which together represent the 85% of total production), reference point for winemaker of almost all the world. Anyway, different styles are available along the all territory of Burgundy itself. For instance in the north, in Chablis, stainless steel is often preferred getting fresh and fruity notes as well as vegetable and floral ones; while in Côte d’Or, wood is often preferred giving more complex notes.

Burgundy is narrow and long about 220km from the north where Chablis is down to Beaujolais in the south.

So, soil and climate change significantly! Anyway a continental climate prevails. Our “strip” is located slightly south and east of Paris and can be divided into five sub-areas (from the north to the south: Chablis then, separately, Côte d’Or, Chalonnais, Mâconnais, Beaujolais).  Côte d’Or is definitely the most renown, still in the north and about 50km long, divided into Côte de Nuits in the northern part, famous for Pinot Noir and Côte de Beaune in the southern part, known for whites and more precisely the fateful Chardonnay.

I decided to start from here and I stopped at Nuits-Saint-Georges, a town in the heart of the Côte d’Or trying to enjoy this noble Pinot Noir, then pushing me a little to the south in search of Chardonnay, see some brief notes below.varie

 

The communication

France, and in this case Burgundy, enjoy an aura of charm hard to explain and translate in terms of strategies and communication plans. Certainly, though, this is the result of years of history and much more effort in terms of communication of a very simple message: “quality and uniqueness”. What I can confirm is the good organization in terms of hospitality for tourists or wine lovers, often runned by specific organizations and bodies that leave the cellars do their job. At the same time, then, the territory and producers maintain the rural touch you expect from what is a sector of the more general agricultural field. Not to mention the beauty of the stone walls that surround the vineyards as well as the ancient stone columns at the entrance.

Indeed, I like to focus on the labels, to read it better and get the appellations:

  • the most general appellation is the “règionale” one, wines from grapes harvested throughout the region. Es. ” Bourgogne Pinot, Bourgogne Chardonnay”;
  • then there is the appellation communale which identifies a more limited area: wines from grapes of a single municipality, these wines are also named “village”;
  • then the famous Premier Cru. The vineyards of the municipalities are divided into smaller parcels called “climat“, the best climat are identified as Premier cru;
  • Finally the top of the range, that reaches prices often inaccessible: the Grand Cru, the excellence. (Among the best ones, for example: La Tâche, Echezeaux, Grand Echezeaux, Richebourg).

Among the best-known companies, the fateful Romanée-Conti is among the most important wineries in the world!

The cellars

terres de velle

terres de velle

A few months earlier I had met, in Paris, Loic Aubert, owner of a wine shop in the center of Paris, which makes a very interesting work trying to raise awareness of the territories and individual producers thanks, for instance, to well organized tasting which often engage producers in his own shop.

Loic gave me great suggestions and an important support.

TERRES DE VELLE

I have really enjoyed the tour with Sophie, she has been very very kind since the beginning, helpful and gentle, I liked her wines and appreciated her manners a lot. Sophie and her husband have started their dream recently, in the 2009, running the estate which has been bought by an investor. They work on about 6 hectares (15 acres) for 30.000 bottles (60% of whites, 40% reds) for several appellation (regional, village and premier cru).

They are in Côte de Beaune, the region known for whites. All wines are elegant and immediate.

 

PHILIPPE COLIN

One of my favorite for sure, especially looking at their value for money! I am talking about both the whites and the reds, moreover the tour has been hilarious!  They are in Côte de Beaune too so they mainly produce whites (70%, 30% of reds). They work on 12 hectares (29 acres) all of them in this area. I have loved their Chassagne-Montrachet– Le Verges Premier Cru 2011 and Chassagne- Montrachet – Le Chenevottes Premier Cru 2011 for their balance, elegance and persistence. Here you can learn 2 very important lessons: how to use wood for whites without feeling it and how much important drinking whites with some year more is!

 

DOMAINE JEROME GALEYRANDgaleyrand

We are in Gevrey Chambertin, maybe the most important production area for Pinot Noir! In Burgundy, very often, producers make you try barrel sample to see the difference and the real character of the wines even before bottling it and it’s unbelievable how much it works! With Jerome we tried mostly the all of his wines in barrels! He started his adventure in 2002 renting vineyards and proper rooms for wine making. I have loved his Pinot Noir Le Croissette 2013, a “simple” village: roots of liquorice, dark fruits, fresh but structured, smooth and elegant.

He is learning about biodynamic and seriously thinking about it!

 

ANNE GROS

She is a very well know producer with 6,5 hectares (16 acres), 30.000 bottles. She started in 1988 when she was something like 20 years old and one of the very first women in the wine business. After a hard work she has become famous and now her shy daughter gives a big hand too.

We are in Côte de Nuits this time, where the reds are fabulous so they produce a couple of whites and several reds including Premier cru as well as Grand cru such as the notorious Echezeaux or Richebourg, I mentioned above.

I have tried the both: Echezeaux is really intense with notes of black fruits and also spices; it is absolutely smooth and round, deep and with a very long touch of small red and dark fruits and a touch of  liquorice. On the other hand Richebourg is silky and structured, you can find both floreal notes and fruity ones, as well as lather and a touch of prunes jam and liquorice in the finish. A great personality, it changes at each sip!

 

clos de vougeot

clos de vougeot

CHATEAUX CLOS DE VOUGEOT

It’s a more “touristic” place nowadays but really fascinating and I was curious to take pictures and discover more about it.

A wine farm, built in the 12th century by monks. In the 16th century, a Renaissance style château was added to the existing buildings. Chateau du Clos de Vougeot does not produce wine anymore, but is the symbol of the millenary Burgundy’s History. The Confrérie des Chevaliers du Tastevin acquired the Château in 1945, and started to restore it, turning it into the seat of the Order.

Nowadays you can visit it along with a museum, the ancient vinification spaces and the big tools.

Clos de Vougeot, (or Clos Vougeot), is a wall-enclosed vineyard of 50 hectares (123 acres), so, it is the largest single vineyard in Côte de Nuits entitled to the grand cru designation; nowadays those hectares have been divided and runned by different producers all around the area, you can go and taste their wines.

I apologize for any shortcomings

 

(versione ITA)

Curiosità

Nel mondo del vino ci sono delle tappe obbligate. Obbligate per capire il successo di certi vini, l’approccio comunicativo di quei vini conosciuti in ogni angolo del mondo, vini divenuti punto di riferimento per molte produzioni del globo terrestre.

Così nel corso della mia permanenza a Torino non potevo non pensare di prendere l’auto e partire. Non nego il mio interesse

clos

clos

per la Champagne e allora il piano è subito fatto: parto da Torino, arrivo in Borgogna in meno di 4 ore, mi fermo per qualche giorno e poi riparto per Champagne, altra tappa di un po’ di giorni e si rientra.

“Peccato” che fosse Febbraio con picchi di meno 6 gradi + vento: si congelava! Ma la scelta è voluta: a febbraio non ci sono turisti (e ci credo!) e le cantine non sono prese dalla vendemmia ad esempio, periodo sempre delicato.

Procederò, come sempre, per brevi paragrafi concludendo con qualche nota di degustazione.

Storia

In questo caso, trovo necessario sottolineare alcuni tratti storici che trovo rilevanti e credo possano fornire diversi spunti di riflessione al fine di capire il percorso e soprattutto le radici di un’arte di fare vino e spiegano il motivo di tanto clamore. Procederò per punti:

  • La storia del vino in Borgogna ha origini molto antiche ma si deve molto ai religiosi -come spesso accade in questo settore- che nel VII sec lasciano una traccia inconfondibile: i “clos”, vigneti circondati da muretti e simbolo di qualità.
  • Un passaggio importante nella cultura commerciale direi, si verifica nel XVII sec, quando la Borgogna era un Ducato senza sbocco fluviale. Così, si decise di produrre una qualità veramente alta tale da giustificare un prezzo superiore che potesse coprire anche le spese di trasporto;
  • La rivoluzione francese cambia la prospettiva in quanto le estese proprietà vengono confiscate e vendute in piccoli appezzamenti. Ecco perché, ancora oggi, le tenute sono tutte piccole: la dimensione media è di circa 7 ettari (questo comporta una notevole imprevedibilità, ecco perché il 60% del vino Borgogna viene acquistato in botti, mescolato con vini dello stesso tipo al fine di ottenere una certa continuità anno dopo anno; il vino è affinato e venduto dai nogociants).
  • già nell’800 si inizia a parlare di classificazione parlando già di vini di prima, seconda e terza linea ma con l’arrivo della filossera (insetto che colpì i vigneti di mezzo mondo) cambia tutto il sistema e i vitigni si riducono a 4:oltre ai celebri Chardonnay e Pinot Nero troviamo Aligotè (bianco) e Gamay (rosso).

Territorio e vini

burgundy map

burgundy map

MAPPA

MAPPA

La Borgogna è la zona più settentrionale d’Europa in grado di dare vini (rossi) di qualità. È un simbolo della viticoltura francese e non solo.

Le uve e, quindi, i vini più importanti sono il bianco Chardonnay e il rosso Pinot nero (che insieme rappresentano l’85% della produzione totale), punto di riferimento per i produttori di mezzo mondo. In realtà essi assumono “forme” diverse nella propria stessa zona di produzione qui in Borgogna stessa anche in base allo stile di produzione. Tutti abbiamo sentito parlare del fatidico “Chablis”, ebbene si tratta di uno Chardonnay prodotto nella zona più a nord della Borgogna che tendenzialmente prevede solo una lavorazione in acciaio donando note fresche e fruttate, vegetali e floreali; mentre nella Côte d’Or, leggermente più a sud, spesso è prevista una lavorazione in legno che dona caratteri più complessi. Si tratta solo di un esempio per semplificare al massimo, ma procediamo con ordine.

La Borgogna è una striscia stretta e lunga circa 220km tra lo Chablis a nord e il Beaujolais a sud, considerando -tra l’altro- che lo Chablis si distacca da tutta la striscia sottostante.

Facile immaginare che clima e terreni cambiano notevolmente ed è questa una caratteristica propria della Borgogna “il terreno cambia a ogni passo”. In ogni caso, si tratta di un clima prevalentemente continentale. La nostra “striscia” è collocata leggermente a sud e ad est di Parigi e si può suddividere in 5 sottozone (da nord verso sud: Chablis, Côte d’Or, Chalonnais, Mâconnais, Beaujolais). Oltre allo Chablis, la zona principe è sicuramente la Côte d’Or, sempre a nord e di circa 50km che si divide a sua volta in Côte de Nuits a nord, famosa per il Pinot Nero e la Côte de Beaune a sud, nota per i bianchi e più precisamente il fatidico Chardonnay.

clos de vougeot

clos de vougeot

Ecco io mi son piazzata lì, a Nuits-Saint-Georges, cittadina nel cuore della Côte d’Or provando a gustare un po’ questo blasonato Pinot nero e spingendomi un po’ verso il sud alla ricerca dello Chardonnay, seguono alcune brevi note.

La comunicazione

La Francia, e in questo caso la Borgogna, godono di un alone di fascino difficili da spiegare e tradurre in termini di strategie e piani di comunicazione. Certamente, però, questo è il frutto di molti più anni di storia e investimento nella trasmissione di un messaggio molto semplice: “qualità e unicità”. Inutile tesserne le lodi, il fenomeno è sotto gli occhi di tutti. Nonostante una simpatia non sempre scontata dei transalpini, ciò che posso confermare è la buona organizzazione in termini di ospitalità per turista o amatore, spesso a cura di organizzazioni ed enti specifici che lasciano le cantine fare il proprio lavoro anche date -spesso- le dimensioni ridotte. Al contempo, quindi, il territorio e i produttori conservano quel tocco di ruralità, artigianalità che ci si aspetta da quello che è solo uno dei settori, seppur così ricco e fascinoso, dell’agricoltura. Per non parlare della bellezza dei muretti che circondano i vigneti, gli ingressi in pietra.

Ciò su cui mi soffermerei -invece- è la lettura dell’etichetta e quindi delle denominazioni:

  • la più generale è l’appelation régionale, vini da uve raccolte su tutto il territorio. Es. “Bourgogne Pinot, Bourgogne Chardonnay”;
  • il campo si restringe e la qualità inizia a differenziarsi con l’appellation communale: vini con uve provenienti da un singolo territorio comunale, detti vini del “village”;
  • fino ad arrivare ai noti Premier Cru. I vigneti dei comuni sono divisi in piccole parcelle dette “climat”, i migliori climat danno origine ai premier cru;
  • infine, i top di gamma che raggiungono prezzi spesso inaccessibili: i Grand Cru, l’eccellenza. (Tra i più conosciuti si ricordano La Tâche, Echézeaux, Grand Echézeaux, Richebourg ad esempio).

Tra le aziende più note, la fatidica Romanée-Conti tra le aziende più importanti nel mondo!

 

Le cantine

Qualche mese prima a Parigi avevo conosciuto Loic Aubert, titolare di un’enoteca al centro di Parigi, il quale svolge un lavoro

da philippe colin

da philippe colin

interessante cercando di far conoscere i territori e i singoli produttori grazie ad eventi di degustazione ben studiati e coinvolgenti, che si tengono con regolarità in enoteca.

Loic e qualche altro contatto, mi hanno dato una serie di suggerimenti utilissimi.Non mancherò di tornare e approfondire sempre di più. Ecco alcune note dei vini che ho preferito:

DOMAINE TERRES DE VELLE

Ho apprezzato molto il tour con Sophie, lei è stato molto, molto gentile fin dall’inizio, disponibile e informativa; ho apprezzato molto i suoi vini. Sophie e suo marito hanno iniziato il loro sogno di recente, nel 2009, gestendo in affitto la proprietà acquistata da un investitore dati i prezzi della zona! Lavorano su circa 6 ettari per 30.000 bottiglie (60% bianchi, 40% rossi) per diversE denominazione (suddivise tra regionale, villaggio e il premier cru).

Sono a Côte de Beaune, regione conosciuta per i bianchi. Tutti i vini sono eleganti e immediati.

DOMAINE PHILIPPE COLIN

Uno dei miei preferiti di sicuro, soprattutto se si pensa al rapporto qualità-prezzo! Sto parlando sia dei bianchi sia dei rossi. Ottima l’ospitalità, il tour è stato veramente piacevole! Anche loro sono a Côte de Beaune, quindi producono principalmente bianchi (70%, 30% di rossi). Lavorano su 12 ettari. Che vini i loro Chassagne-Montrachet- Le Vergers Premier Cru 2011 e Chassagne- Montrachet – Le Chenevottes Premier Cru 2011 per equilibrio, eleganza e persistenza. Qui si possono imparare due lezioni importanti: come lavorare  con il legno con sapienza soprattutto per i bianchi e quanto è importante bere bianchi con qualche anno in più!

galeyrand

galeyrand

DOMAINE JEROME GALEYRAND

Siamo a Gevrey Chambertin, forse la zona di produzione più importante per Pinot Noir! Spesso, qui in Borgogna, si procede prima con la degustazione dei campione di botte per capire la differenza e i caratteri di ciascun vino prima ancora dell’imbottigliamento ed è incredibile quanto funzioni!

Jerome inizia la sua avventura nel 2002, affittando vigneti e appositi locali per la vinificazione. Ho amato il suo Pinot Noir Le Croisette 2013, un “semplice” village: note di radici di liquirizia e frutti di bosco, fresco e strutturato, morbido ed elegante.

Sta studiando e pensando seriamente alla produzione biodinamica!

ANNE GROS

Una produttrice molto conosciuta nel mondo con 6,5 ettari per 30.000 bottiglie. Inizia nel 1988, quando aveva qualcosa come 20 anni, diventando una delle prime donne del vino in zona. Solo dopo un duro lavoro diventata famosa e ora la figlia le dà una grande mano.

Siamo in Côte de Nuits, dove i rossi sono favolosi, infatti Anne produce un paio di bianchi e poi diversi rossi, tra cui Premier Cru e Grand cru come i famigerati Echezeaux e Richebourg, resi gloriosi dalla Romanèe-Conti, di cui sopra.

Ho provato entrambi: Echezeaux è davvero intenso, con note di frutti neri, spezie; è assolutamente morbido e rotondo, profondo e persistente con retro di piccoli frutti rossi e neri e un tocco di liquirizia, sin dai campioni di botte. Richebourg è letteralmente

anne gros

anne gros

setoso, strutturato, si possono trovare sia le note floreali e fruttate così come quelle di cuoio e un tocco di prugne in confettura e liquirizia nel finale. Una grande personalità, cambia ad ogni sorso!

CHATEAUX CLOS DE VOUGEOT

È un posto più “turistico” oggi, ma davvero affascinante ed ero curiosa di scattare qualche foto e scoprirne di più.

Una azienda vitivinicola fondata nel 12° secolo da monaci. Nel 16° secolo, un castello in stile rinascimentale è stato aggiunto agli edifici esistenti. Anche se Chateau du Clos de Vougeot non produce più vino, rimane il simbolo della millenaria storia della Borgogna. La Confraternita dei Cavalieri del Tastevin acquisì il Castello nel 1945 trasformandolo in sede dell’Ordine.

Oggi si può visitare con il caveau, gli antichi spazi di vinificazione, imponenti strumenti di lavorazione. Clos de Vougeot (o Clos Vougeot) è un vigneto -racchiuso dai famosi muretti- di 50 ettari, il più grande vigneto Gran Cru a Côte de Nuits; oggi questi

ettari sono stati divisi e gestiti da diversi produttori nei dintorni per chi volesse scoprirli e provare i vini.

 

Mi scuso per eventuali mancanze

 

 

0

Wine and art – part2 (Vino e arte – parte2)

(ENG version   —   segue versione ITA)

I have already published an article regarding wine and art (read it here), imaging it would have been the first and last one. But it has had a great success, yet, the ideas are numerous so here I am with a second part…

Yes, because it seems that the number of wine-design combinations are endless, arousing great curiosity!

The idea is… to give ideas, in my opinion, as well as to inform on a phenomena so intriguing.

tramin winery

tramin winery

Within the initiative “Cathedrals of Wine”, the award “Spazio diVino” has been intented for designers and /or wineries to support the successfull combination ‘Wine & architecture’, promoted by the Association of Architects of Rome along with Consorzio Vino Chianti and the media partnership of the notorious Gambero Rosso magazine as well as Artribune. In 2014 the second edition has taken place with issues concerning planning of facilities for wine tourism routes, wine store, and desing components.

In this regard, I remember the cellar Tramin in South Tyrol which I recently visited: it has been created in order to blend in the landscape somehow.

piscina bott einaudi2Another nice idea is the swimming pool shaped as a bottle available to the clients of the fascinating relais of Poderi Einaudi in Piedmont – north west of Italy.

The French in Champagne have instead launched a simple idea: the paintings made of capsules selling at about 100/150 euro … well, actually if you sum the prices of the bottles you need…

Yet, the bike with the laces to tie a bottle to carry as well as the mega corkscrew to park bikes (one for each circle of the “worm” as it is colloquially called the … giant spiral in our case) have been recently popularized by some well-known magazines.

Many ideas for wine lovers, designer and much more, have fun!spirale per bici

 

(versione ITA)

Non è il primo articolo che scrivo su vino e arte, vino e design, perchè questi si ispirano al vino con combinazioni sempre nuove e che quadri capsule2suscitano grande curiosità.

Magari alcune di queste idee riusciamo a riprodurle a casa, ma è interessante -in ogni caso- saperne di più. L’ordine degli architetti di Roma ha indetto un premio  per designer e cantine addirittura!

Leggi tutto su: http://www.wineverse.it/blog/arte-e-architettura-si-ispirano-al-vino-parte-2/.

Oppure scarica il PDF qui: arte e vino2- pdf da wlog

 

1

Italian whites fo aging! (Lacryma Christi bianco 2005, non aggiungo altro!)

(ENG version   —   segue versione ITA)

For those who do not know whites for aging well.

For those who still do not know the excellences of Campania region, for those who always look for the last vintage especially when choose whites.

front

front

Today, in 2015, I have tasted a wonderful Lacryma Christi (white), by Villa Dora winery located in Vesuvio area, Campania region (southern Italy, next to Napoli), vintage 2005!

The wine seems incredibly young; intense and elegant at the nose, with notes of candied citrus and aromatic herbs. On the palate is still vibrant and very mineral as we absolutely expect thinking of the production area influenced by the volcano and the relative volcanic soil composition for instance.

Vesuvio zone is a truly fascinating area from any point of view, this notorious wine is just a proof.

 

 

(versione ITA)

Per coloro che sono ancora scettici circa il potenziale di invecchiamento dei bianchi, coloro che cercano l’ultimissima annata soprattutto nei bianchi. E per coloro che ancora non conoscono a fondo le eccellenze campane e suoi bianchi straordinari con longevità impensabili per molti.

Oggi, nel 2015, ho bevuto uno splendido Lacryma Christi (bianco), dell’azienda Villa Dora, che si trova nell’area vesuviana in Campania… vendemmia 2005, un dono graditissimo per il quale ho atteso il momento più giusto per godermelo in massima retrotranquillità e se a “cavallo donato non si guarda in bocca” figuriamoci quando il donante è un professionista esperto!

Con i suoi riflessi oro, il vino è intenso ed elegante al naso, con note di agrumi canditi ed erbe aromatiche. Una volta degustato si mostra fine, incredibilmente fresco e molto minerale come ci si aspetta da questo territorio data l’influenza del vulcano appunto.

La zona vesuviana in Campania è davvero ricchissima sono tutti i punti di vista, questo vino ne è la prova schiacciante.

0

Intriguing sweet wines in southern Italy (Mastro Terenzio passito, in Calabria)

(ENG version   —   segue versione ITA)

A rich dessert wine for several pairing ranging from cheese, maybe served with jams or compotes, to dry pastries but also chocolate.

Feudo dei San Severino  is a small Calabrian winery (south of Italy) in Cosenza district which works only with native grapes: Gaglioppo, Guarnaccia, Malvasia and Moscato.

the label

the label (etichetta)

On this occasion I like to write about “Mastro Terenzio” dessert wine made of Malvasia, Guarnaccia, Odoraca, Moscato, the grapes are harvested and left to dry in rooms at controlled temperature to give aromas of honey, dried fruit and, somehow, a touch of exotic fruits .

Feudo dei San Severino has about 5 hectars and it is certified as bio. Its production also includes a red “Donna Marianna” a blend as well as the red “Lacrima nera” from the omonimous grape 100%; last but not least, their notorious “Moscato Passito al Governo di Saracena”: a production that includes the boiling of the must and so on wth the following production phase but this practice had risked to be abolished by modern regulations and which has been saved by those brave producers!

A niche production I highly reccomend!

 

 

(versione ITA)

Un passito ricco e aromatico per abbinamenti che spaziano dai formaggi stagionati, magari abbinati a confetture e mostarde, alla pasticceria secca ma anche al cioccolato.

Feudo dei Sanseverino è una piccola azienda calabrese, della provincia di Cosenza, a ridosso del monte Pollino che alleva solo vitigni autoctoni a circa 300 metri d’altezza:  Gaglioppo (chiamato dai vecchi aglianico e/o lacrima), la Guarnaccia, la Malvasia e il Moscato.

the winery (la cantina)

the winery (la cantina)

Ma in questa occasione dedico le mie note al “Mastro Terenzio”: fatto di Malvasia, Guarnaccia, Odoraca, Moscato, le uve sono raccolte e lasciate appassire su graticci in locali controllati per regalare aromi di miele, frutta secca e, in qualche modo, frutti esotici.

Feudo dei Sanseverino conta circa 5 ettari ed è certificata a biologico. Ha una produzione  composta dal Mastro Terenzio, il rosso “Donna Marianna” un blend e un altro rosso, il “Lacrima Nera” in purezza dall’omonima uva; poi c’è il loro decantato “Moscato Passito al Governo di Saracena”, veramente ottimo! Si tratta di una produzione antica che prevede la bollitura del mosto di primo fiore (fatto poi schiumare per ridurlo di un terzo, aggiungendo poi al mosto cotto degli acini appassiti di uva Moscato e così via con le altre fasi). Un procedimento che ha richiesto battaglie dure prima di essere approvato nonostante si trattasse di antiche usanze che non possono essere in nessun modo cancellate.

Un’azienda tradizionale insomma, che garantisce un prodotto di nicchia come pochi.

0

Street food a Bari: non leggere se sei affamato! (in italian)

Lo street food italiano lo conosciamo bene e diverse regioni ci offrono dei cibi fantastici e introvabili altrove …purtroppo e per fortuna!street food bari2

Si pensi alla pizza al taglio, panelle e arancini in Sicilia, Gofri a Torino, tanto per fare degli esempi semplicissimi.

La Puglia non è certamente da meno e dato che questa settimana sono proprio a Bari e dintorni mi sono… documentata!

Ecco una bel video che mi ha fatto venire l’acquolina in bocca ma attenzione: ho commesso l’errore di vederlo prima di pranzo, non fatelo, soprattutto se non avete nulla di altrettanto buono a portata di mano!street food bari1

http://www.dmax.it/video/programmi/unti-e-bisunti/unti-e-bisunti-2-episodio-1/

0

Sagrantino presentation, unique wine in central Italy, 1st edition (la prima edizione dell’anteprima Sagrantino in Umbria)

(ENG version   —   segue versione ITA)

On february 23 and 24 a complete event dedicated to Sagrantino, rich, concentrated and intense red wine produced in Umbria region-central Italy, took place. This wine is absolutely unique, loved by many, not understood by others but which is conquering everybody all over the world.

I have been there sharing pictures and short comments li

sagrantino anteprima

sagrantino anteprima

ve as you may followed, I will write a more detailed report soon but in the meanwhile I like to share some notes.

You can recognize it by its tannins (it’s the richest wine grape in polyphenols in the world): this has been one of the most emphasized concepts during these two days when producers as well as international journalists have taken place:

Many different appointments:

  • The tasting tables to try the current vintages and in particular the 2011 one along with the producers
  • Blind tasting of vintages 2011 but also the old vintages of Sagrantino, dry and sweet going back to 1999
  • Competitions regarding different themes: food, graphics and sommelier
  • Theoretical meetings, including one with the famous winemaker mr. Cotarella who illustrated the trend of the difficult 2014 vintage in comparison to the 2011 one, clear and incisive as usual
  • Yet, personalized tours for journalists have been organizaed to visit the wineries of the area thanks to shuttles purposely activated.
tenute lunelli

tenute lunelli

I like to underline the dedication of the Consortium of Montefalco wines. Pretty good the communication which is helping to collect several stories all over the world, something to improve in terms of hospitality, a better coordination will make the event perfect in the next years.

Waiting for the complete report, I leave some notes about some of the wines I have preferred: Montefalco red and Sagrantino (both red wines) by Tenuta Castelbuono winery, the one owned by the notorious family Lunelli (they also produce the famous “Ferrari” sparkling wine in Trentino region-north of Italy), Perticaia winery which impressed me for both the Sagrantino even sweet one and the white Trebbiano Spoletino also with its older vintages (up to 2007). And yet the notorious Antonelli winery, with the current vintage of Sagrantino and even the vintage 1996! Congratulations to Fattoria Colleallodole: one of the best dated Sagrantino (1999) I’ve tried. Sagrantino Passito (sweet version) is very interesting in general and I loved even the old

passito and cookies at Antonelli winery

passito and cookies at Antonelli winery

vintages (1999, 2003, 2004, which seems still very young), in particular I loved Sagrantino Passito 2003 by Tenuta Rocca di Fabbri winery with great balance.

Yet, it’s interesting the bottle patented by Terre de la Custodia, to retain sediments that often this wine leaves and intriguing the idea of making sparkling wine from Sagrantino: only Scacciadiavoli, historical winery, does it! Last but not least, I emphasize the fundamental role of the company Arnaldo-

arnaldo caprai winery

arnaldo caprai winery

Caprai, which made the history of this wine and that carries new innovative projects on.

(versione ITA)

23 e 24 Febbraio sono stati i giorni dedicati alla prima edizione dell’Anteprima Sagrantino, il ricchissimo, concentrato e intenso vino rosso Umbro. Un vino irriproducibile, amato ma anche non capito che, però, si sta facendo conoscere nel mondo e che sta migliorando il suo stile anno dopo anno, data la complessità di lavorazione richiesta per domare quei

terre de la custodia

terre de la custodia

tannini che lo caratterizzano e lo distinguono da qualsiasi altro vino (è il più ricco di polifenoli al mondo).

Ed è stato questo uno dei concetti maggiormente sottolineati in occasione della 2 giorni che ha visto la partecipazione attiva dei produttori e di operatori del settore da tutto il mondo.

Numerosi e diversi gli appuntamenti:

  • i banchi di assaggio con le annate correnti e in particolare la 2011 in compagnia degli stessi produttori
  • degustazione alla cieca delle annate 2011 ma anche delle annate vintage di Sagrantino (secco e passito) con le quali si è andato indietro fino al 1999
  • concorsi: gastronomici, di grafica e per sommelier
  • incontri teorici, tra i quali quello con il noto enologo Cotarella che ha illustrato l’andamento della difficile annata scorsa, la 2014, a confronto con la 2011, incisivo e chiaro come sempre.
  • Non solo, per tutti gli operatori di settore non sono mancati tour personalizzati alle cantine della zona grazie a navette attivate appositamente.
blind tasting (degustazione alla cieca)

blind tasting (degustazione alla cieca)

Al di là di tutto mi piace sottolineare le ottime premesse e la dedizione del Consorzio dei vini di Montefalco in particolare, fautore della kermesse. Tutto sommato buona la comunicazione che infatti sta consentendo di raccogliere numerosi articoli in diversi paesi; qualcosa da migliorare in termini di ospitalità probabilmente: un migliore coordinamento e migliore sinergia tra le cantine farà fare sempre meglio negli ottimi anni.

Scriverò a breve un report approfondito ma, nel frattempo, lascio alcuni degli assaggi che ho apprezzato particolarmente: Montefalco rosso e Sagrantino di Tenuta Castelbuono della famiglia Lunelli (produttori del noto spumante Ferrari in Trentino), Perticaia, realtà meno sfarzosa ma di impatto sia per il Sagrantino soprattutto secco sia il bianco Trebbiano Spoletino di cui ho provato anche annate più vecchie fino alla 2007, degne di nota. E ancora la più nota Antonelli, con il Sagrantino annata corrente e perfino il 1996 e complimenti a Fattoria Colleallodole: uno dei migliori Sagrantino datati (1999) che ho

Guido, owner of Perticaia

Guido, owner of Perticaia

provato in questi giorni. Interessantissimo il passito di Sagrantino in generale e gli assaggi datati tra i quali ho appezzato particolarmente quello di tenuta Rocca di Fabbri 2003 di grande equilibrio. Interessantissima la bottiglia brevettata da Terre de la Custodia, per trattenere i sedimenti che spesso questo vino lascia e intrigante l’idea di spumantizzarlo: solo Scacciadiavoli, azienda storica, lo fa! Dulcis in fundo, sottolineo il ruolo fondamentale dell’azienda Arnaldo-Caprai, senza la quale non staremmo qui a parlare di questi vini e che porta avanti ulteriori

lunvh at Scacciadiavoli (pranzo da Scacciadiavoli)

lunvh at Scacciadiavoli (pranzo da Scacciadiavoli)

progetti innovativi di grande respiro.

2

Wine tourism in Italy (Enoturismo in Italia con Officine Turistiche)

(ENG version   —   segue versione ITA)

I have always stated that traveling, for me, means living (at least temporarily) the lives of local people: those who live that place every day, as well as shopping at the supermarket, eat the REAL traditional dishes and drink all the local wines, going beyond any stereotype, legend, “hearsay”.

Then, I “met” in the Internet a slogan: “Eat local, drink local, with the locals,” the clear message of the touristic association Officine Turistiche which promotes wine&food tourism all around Italy!

And I also believe in the immense force of wine tourism, successfull phenomenon which is exploiding in Italy thanks to the complete offer made of history, art, nature, tradition, diversity and weather too and that I like to stress again and again!

And the words used by the association could not better express this concept which becomes exactly their philosophy: “Because we are convinced that even in the most popular places, something has not been told yet. Because in an era of mass tourism we are curious and interested in discovering places and things less celebrated but no less deserving”.

So, please find more details on Officine Turistiche website especially about their wonderful tours.

Officine_Turistiche

Officine_Turistiche_logo

(versione ITA)

Ho sempre sostenuto che, per me, viaggiare significa vivere (almeno parzialmente e temporaneamente) la vita delle persone del posto: frequentare chi vive lì tutti i giorni, così come fare la spesa al supermercato, mangiare i VERI piatti della tradizione e bere i vini locali, al di là di ogni stereotipo, leggenda, “sentito dire”.

Poi, ad un certo punto, “incontro” in rete uno slogan: “Eat Local, drink local, with the locals”, il messaggio chiaro dell’associazione Officine Turistiche che promuove il turismo… ENOsostenibile!

E credo anche nella forza immensa dell’enoturismo, fenomeno in larga espansione, che in Italia dovrebbe esplodere grazie alla completezza dell’offerta tra storia, arte, natura, tradizione, diversità e clima, che voglio sottolineare ancora una volta io stessa rischiando la retorica!

E le parole usate dall’associazione stessa non potrebbero esprimere meglio tutto questo, la loro stessa filosofia: “Perché siamo convinti che anche nei luoghi più frequentati non tutto sia stato visto e raccontato. Perché in un’epoca dominata dal turismo di massa siamo curiosi ed interessati a conoscere mete meno celebrate ma non per questo meno meritevoli”.

Rimando al sito stesso a questo punto, per scoprire di più e meglio degli itinerari a piedi o in bicicletta a stretto contatto con il territorio e i loro interessantissimi tour.

0

FOCUS: Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG in Veneto (region in north-east of Italy)

(ENG version   —   segue versione ITA)

veneto map

veneto map

What a great tour the one I recently organize in Conegliano-Valdobbiadene area where Prosecco is produced!

Maybe also thanks to the wonderful weather I found, the characteristic landscape, the towns: welcoming and refined, the visible history, not to mention the local cuisine. So I had fun: with the steering wheel of my car (for rent) in one hand and the GPS in the other, I went up and down the hills of the province of Treviso (Veneto region-north east of Italy) to try some Proseccos ..

I think it’s a wine beloved by many but not always understood by others; probably one of the reasons is that it is often mistakenly compared to the classic method sparkling wines (or, worse, to Champagne) but, instead, it is completely different with another collocation.

(As usual, I will start with some general information about communication and production and finally  I’ll note some comments about the companies I visited).

  • Curiosity and designation

“Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore” seems to be difficult to be pronounced even by Italians themselves. Not to imagine by foreigners, says some expert of international marketing. But there is a logical behind this “name-delimitation”.

We all know the success of Prosecco and because of such a popularity, many producers, even abroad, have tried to reproduce this wine; perhaps a bit as happened with the notorious red wine of Tuscany, “Chianti” (until they delimited the historical production area of the current “Chianti Classico”).

Prosecco, in general, is one of the symbols of Italian viticulture in the world, is an icon of the aperitif and has now decided to directly compete with Champagne’s number as I wrote recently (read here). This is because it is a light and pleasant wine that often does not require too many explanations, it’is immediate.So many wanted to take advantages of this positive trend until a regulation has been established.

The Pyramid represented here on the side can give a good idea:

  • at the base: Prosecco DOC, produced in 9 Italian districts located between 2 regions: Veneto and Friuli (north-east of Italy);

    pyramid

    pyramid

  • Then, we find a restriction with the 2 DOCG “Asolo” and our zone of interest located in the historic area of production for Prosecco called “Prosecco Superiore” and it is-just the area between the towns of Conegliano and Valdobbiadene;
  • At this point there is a further fragmentation, the denominations identified on the label with the name “Rive” which identify products from grapes coming from only one township or part of it, to enhance the characteristics that a territory gives to wine.
  • Finally, the top: the cru “Cartizze” produced where viticulture is defined heroic in many cases.

For the latter two, specific restrictions are foreseen in order to offer the highest quality when consimers find “Cartizze” or “Rive of … (name of the town)” on the label.

  • Territory
    • We are in the hilly area of the province of Treviso where the slopes become, in some cases, very steep and difficult to work.
    • there are 15 municipalities with 6,000 hectares of vineyards registered included the 100 located in the Cartizze.
    • The vine is grown only in the sunniest part of the hills, at an altitude between 50 and 500 meters above sea level. The climate is mild. The temperature changes along with exposure to the southeast and balanced rainfall combine themselves to soil composition that varies from area to area (usually there is limestone in the central area, and marl in Cartizze).

 

territory

territory

  • Grapes and wines
    • Prosecco is a white wine, fresh and light, specially produced in the sparkling version and made of 85% of the indigenous grape GLERA (for a maximum of 15%, it is possible to add local varieties such as Verdiso, Perera and Bianchetta and/or also Pinot and Chardonnay).
    • PRODUCTION METHOD: Charmat, so the second fermentation (the process that distinguishes a sparkling wine from the others because it generates carbon dioxide by the addition of yeast and sugar) takes place in the autoclave (and not in the bottle as for the classical method). I wrote about it recently, read here.
    • TASTE: it is often produced in softer versions, that is, with greater amounts of sugars, so “extra-dry” or, as for the Cartizze, in the version “Dry”; more and more manufacturers produce even the drier versions “Brut” or even “Extra-Brut”, i.e. versions in which the quantity of sugar is reduced;
    • PAIRINGS: is the king of the aperitif in the world but, please, do not mix as a base for other drinks, say enthusiasts. Versions Brut and Extra Brut match well with not too elaborate dishes;
    • SERVICE and STORAGE: serve it in a specific glass called “for prosecco” (specifically made by Riedel) or in a tulip glass (best of the classical flute imagined to appreciate the bubbles but not perfectly suited to tasting). Serve at 6-8 ° and consume quickly, basically within 18/24 months.
    • The concept “millesimato” is less relevant than other sparkling wines produced by classic method.

 

  • The consortium and communication

The consortium does a great job. Just think of all those simply ask for “a Prosecco” in a bar, as a symbol of the aperitif in Italy and beyond.

Today, the communication objectives are more aimed to help people understand the difference between the Conegliano-Valdobbiadene called “Superiore” as well as the chance to enjoy it in combination with different dishes and not just for special occasions. In this regard several initiatives have been made and very interesting  publications have been realized, for example a book has been realized in collaboration with some important chef too who used Prosecco even for the realization of their recipes, the goal is to raise awareness of the product and report its versatility.

consorzio

consorzio

The consortium is very close to the companies but especially to consumers and enthusiasts, guiding them with a great job of Public Relations (in the case of experts) and training, see for example the opportunity to study with the Academy and videos available on the site the Consortium.

 

  • The Cellars

As usual the choice of wineries is very difficult, I selected some with the aim to get a reasonable number for my week- tour and to have a general idea. But I will return to be surprised as happened this time!

CARPENÈ MALVOLTI

I can only begin with the historical company, protagonist of success and development of this wine, founded at the end of ‘800 by Antonio Carpenè and, still run by the family at its fifth generation now.

Carpenè family has worked on the production method and improved many of the production techniques over the years, founded the Wine School of Conegliano (The 1st wine school in Italy) and subsequently the Consortium along with some other producers. They are the only ones located in Conegliano downtown and remain a guarantee thanks to quality and numbers too (5.5 million bottles. per Year) that allows to easly find the product. I appreciate both the “classic” product “Conegliano-Valdobbiadene Prosecco Superiore Extra dry” with its excellent value for money, either the Brut  version! Moreover, it is always interesting to taste the products that recall the traditions as the Rosé (Brut) from Pinot Noir and 15% of Raboso, a little-known local red.

villa sandi from the inside

villa sandi from the inside

VILLA SANDI

Other prestigious name, other guarantee. A beautiful Villa that, in fact, gives the name to the company and dated back to the seventeenth century, not to mention the underground cellars, very fascinating. The family-Moretti Polegato is at the direction; they have developed  exceptional communication and hospitality. Not surprisingly, in addition to the Villa -often chosen by Americans and not only, for special events-there is a splendid “Locanda Sandi” from the more rustic tone but particularly refined. The wines are certainly pleasant and I’m not just talking about the Prosecco Valdobbiadene Superiore (Extra dry) or the elegant Cartizze “Vigna La Rivetta” that can be appreciated right away thanks to a beautiful packaging, but there are also interesting reds (I like to review separately). “Corpore” a Merlot made with the notorious winemaker mr. Cotarella, or, for example, “Marinali” (red version) to enhance the local variety, Raboso.

MALIBRAN

Shifted towards Conegliano area with hills less steep in some cases, is certainly one of my favorite companies of this tour, I have no doubts!

The visit with Maurizio Favrel, young owner, was very detailed and interesting: we analyzed the individual vineyards and then tasted the individual bases. I clearly perceived the great passion for the land first. I really loved all the company’s products: from Prosecco Superiore in its most classic version, Extra-dry, till the drier version (Brut) I generally prefer and which expresses the same balance, pleasantness and fruit you expect from Prosecco. And then the Prosecco with sediments (yeasts are visible, so the product is intentionally not perfecly clear) to remember the tradition when the sparkling wines were made so; an intense and direct product! Congratulations!

BELLENDA

Passion, pride, respect for the territory and tradition. All the ingredients of a company with a relay which I highly recommend “Alice”. With the owner I discussed a lot about the Italian nature of Prosecco, which -together with Asti-, is a real Italian sparkling wine, which does not try to copy any other production. They  believe so much in the classic method, on the other hand, at the very beginning, Prosecco foresaw the second fermentation in bottle too.

bellenda and alice relais

bellenda and alice relais

“Glera perfectly works in autoclave unlike some other grapes but there are no reasons why all wines have to be perfect, as long as they are good”: this is the philosophy I would define experimental but also traditional. Now, you just have to try these wines,  they all have personality.

PERLAGE WINES

Organic farm. I have been there in a sunny afternoon. The line is very wide and offers a lot of choice, among the others, the line produced for youngs with a very colorful packaging and an immediate product, “Perlapp” with its App. I also tasted the vegan Prosecco (during the process of clarification only vegetable proteins instead of animal ones are used).

TANORÈ

Just Wonderful! And what a nice interview: without emphasis, with respect, love and determination: real  people who do not care about popularity because they believe in what they do and their territory. They have received many awards this year for their classy products. Balanced, with a certain structure, complex, even long-lived in some cases. These are the wines I would suggest to

tanorè

tanorè

those who have not yet understood Prosecco, or believe it is a simple wine and nothing more. No reasons to write notes about the wines, pick anyone.

VAL D’OCA

Probably the largest in the area, with its 12 million bottles can offer a nice value for money and many different products with different packaging, to meet the different tastes. I wrote recently in this regard so I refer to the previous article.

WINE SCHOOL

I also like to mention such an institution, very important for the all area. Founded in 1876 by Carpenè is nowadays an important landmark. I took a tour with the Principal with her great kindness and personality at the same time who confessed registrations increased in recent years with still a low percentage of women.

It was here that the famous “cross Manzoni” which takes its name from the man who was the Principal of the School and implemented a genetic modification of different varieties to get best features, had been generated. The crossings are different and identified with codes, the best known is probably 6.0.13 (white).

But to teach how to make wine … they need to make it and then here we find about 13 hectares for a production of several thousand bottles; I was lucky enough to try a few and it is a fortune since these wines are available only at the school but, clearly, not distributed (as they do not have any commercial scope); there are several ones: whites, reds, rosè, sparkling ones and so on; I have been impressed by their Glera (which is generally the base for Prosecco) for an amazing price!

wine school

wine school

MISCELLANEOUS

Beyond the company I visited I’ve got to try some other wines, I limit myself to those I drank in the same week when the comparison between the products is more effective. Foss Marai is a beautiful product that never disappoints and even the bottles look good.

De Faveri is classy, refined, I highly recommend it!

Finally, Col Veltoraz, of which I often read different opinions but I appreciated the “Brut zero” that would essentially be a dosage zero (no sugar) I found balanced, pleasant and also suitable for the entire meal.

 

There will be new tour and new wine tastings and I will update and supplement this report with news.

I apologize for any shortcomings.

(versione ITA)

Ma che tour quello fatto nella zona Conegliano-Valdobbiadene!

Sarà stato il clima super con un sole splendente, il paesaggio caratteristico, i centri accoglienti e curati, pieni di storia, per non parlare della cucina tipica. Insomma mi sono tanto divertita: con il volante della mia auto in affitto in una mano e il navigatore nell’altra sono andata su e giù per le colline della provincia di Treviso a provare qualche Prosecco..

Penso che sia un vino amatissimo da alcuni, meno capito da altri; probabilmente una delle varie ragioni è che sia spesso erroneamente comparato agli spumanti Metodo Classico (peggio, allo Champagne) ma, invece, ha tutt’altra collocazione e se si chiarisce ciò, si può iniziare veramente a conoscerlo.

territorio

territorio

(Come al solito inizierò con un po’ di informazioni generali e alla fine lascerò qualche considerazione sulle aziende visitate).

Curiosità e denominazione

“Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore” pare essere difficile da pronunciare perfino dagli italiani. Figuriamoci dagli stranieri, sostiene qualche esperto di marketing ed export. Ma c’è una logica e c’è, soprattutto, un esigenza dietro questa “denominazione-delimitazione”.

Conosciamo tutti il successo del Prosecco ed è grazie alla sua popolarità che moltissime zone di produzione, perfino all’estero, hanno cercato di riprodurre questo vino così intrigante; forse un po’ come è accaduto con il Chianti (fino ad arrivare alla delimitazione della zona di produzione storica del Chianti Classico).

Il Prosecco, in generale, è -infatti- uno dei simboli della viticoltura italiana nel mondo, è icona dell’aperitivo e ha ormai deciso di competere direttamente con i numeri dello Champagne come scrivevo di recente (leggi qui).  Questo perché si tratta di un vino leggero e piacevole che, spesso, non richiede troppe spiegazioni, è immediato e conquista un po’ tutti. Ecco che si è cercato di approfittare di questo trend positivo finché non si è resa necessaria una regolamentazione.

La Piramide qui rappresentata può rendere bene l’idea:

  • alla base c’è il Prosecco DOC, prodotto in 9 province italiane situate tra il Veneto e il Friuli;
  • poi, a imbuto, iniziamo a restringere il campo alle 2 DOCG “Colli Asolani” e la nostra area di interesse collocata nella zona storica di produzione del Prosecco chiamata “Prosecco Superiore” ed è -appunto- la zona compresa tra le cittadine di Conegliano e Valdobbiadene;

    pyramid

    pyramid

  • A questo punto è prevista (da un po’ di tempo a questa parte) un’ulteriore parcellizzazione, le “Rive”: che individuano un prodotto da uve provenienti da un unico Comune o frazione di esso, per esaltare le caratteristiche che un territorio conferisce a quel vino;
  • Infine, il top: il cru “Cartizze” posto ancora più in alto dove la viticoltura è definita eroica.

Per questi ultimi 2 sono previste specifiche restrizioni (e diverse tra loro) al fine di offrire la massima qualità al consumatore attento a leggere sull’etichetta “Cartizze” o “Rive di… (nome del comune)”.

Territorio

  • Siamo nella zona collinare della provincia di Treviso dove i pendii diventano, in alcuni casi, veramente ripidi e difficili da lavorare.
  • 15 comuni con 6.000 ettari di vigneto iscritti all’albo e, di questi, poco più di 100 si trovano nel Cartizze.
  • La vite è coltivata solo nella parte più soleggiata dei colli, ad un’altitudine compresa tra i 50 e i 500 metri sul livello del mare. Il clima è mite. Le escursioni termiche, l’esposizione a sud-est e le precipitazioni si combinano alla composizione del terreno che varia di zona in zona (generalmente calcareo nella zona centrale, con marna in Cartizze)
carpenè malvolti

carpenè malvolti

Uve e vini

  • Il Prosecco è un vino bianco fresco e leggero, prodotto specialmente nella versione spumante e fatto per l’85% di uva GLERA (per il 15% è concesso l’uso di Verdiso, Perera e Bianchetta, varietà locali e poi Pinot e Chardonnay).
  • METODO DI PRODUZIONE: Charmat, quindi la seconda fermentazione (il processo che distingue un vino spumantizzato dagli altri perché genera l’anidride carbonica per mezzo dell’aggiunta di lieviti e zuccheri) avviene in autoclave (e non in bottiglia come previsto dal metodo classico). Ho già scritto a riguardo di recente, leggi qui.
  • GUSTO: è spesso prodotto nelle versioni più morbide, cioè con maggiore quantità di zuccheri “Extra –dry” o, come per il Cartizze, nella versione “Dry”; sempre più produttori producono anche la versione più secca “Brut” o addirittura “Extra-Brut” cioè versioni in cui la quantità di zuccheri si riduce sempre di più;
  • ABBINAMENTI: è il re dell’aperitivo nel mondo ma, per carità, non miscelare come base per altre bevande, direbbero gli appassionati. Le versioni Brut ed Extra Brut si abbinano bene anche a piatti non troppo elaborati:
  • SERVIZIO e CONSERVAZIONE: il Prosecco è da bere nel bicchiere “da prosecco” appositamente realizzato (dalla Riedel) oppure in un calice a tulipano (meglio della classica flute immaginata per apprezzare le bollicine ma non perfettamente adatta alla degustazione). Servire a 6-8° e consumare in tempi brevi, tendenzialmente non oltre i 18/24 mesi.
  • Relativo e meno rilevante il concetto di Millesimato per il Prosecco (rispetto, invece, agli spumanti Metodo classico in generale o allo Champagne)

Il consorzio e la comunicazione

Il consorzio svolge un ottimo lavoro, come non tutte le regioni in Italia devo ammettere, ed è anche suo il merito di tanto successo. Basti pensare a quanti recandosi in un bar chiedono “un Prosecco” come simbolo dell’aperitivo, in Italia e non solo.

Oggi, gli obiettivi di comunicazione sono ulteriori e finalizzati a far comprendere la differenza tra il Conegliano-Valdobbiadene denominato -appunto- superiore nonché la possibilità di goderselo anche in abbinamento a diversi piatti e non solo per le occasioni importanti. A tal proposito sono stati realizzati degli eventi e pubblicati dei testi molto interessanti, tra i quali uno in collaborazione con chef che hanno utilizzato il Prosecco addirittura per la realizzazione stessa di alcune ricette, il fine è quello di far conoscere meglio il prodotto e comunicarne la versatilità.

Il consorzio è molto vicino alle aziende ma soprattutto al consumatore e agli appassionati guidandoli con un ottimo lavoro di Pubbliche relazioni (nel caso degli addetti ai lavori) e di formazione addirittura, non ultima la possibilità di studiare con l’Academy e i video disponibili sul sito del Consorzio stesso.

 

Le cantine

Come sempre, la scelta delle cantine è molto difficile, mi sono avvalsa -anche in questa occasione- dell’aiuto del Consorzio con l’obiettivo di selezionare un numero di cantine ragionevole per la mia settimana di tour e che mi potesse dare un’idea generale. Ma tornerò più che volentieri per continuare ad essere sorpresa così come è accaduto questa volta!

CARPENÈ MALVOLTI

Non posso che iniziare con l’azienda storica, protagonista del successo e dello sviluppo stesso del vino, fondata a fine ‘800 da Antonio Carpenè e, ancora oggi, gestita dalla famiglia alla sua V generazione ormai.

carpenè malvolti

carpenè malvolti

I Carpenè hanno lavorato sul metodo di produzione e migliorato molte delle condizioni e delle tecniche produttive negli anni, hanno fondato la Scuola Enologica di Conegliano (I scuola enologica in Italia) e successivamente il Consorzio insieme a qualche altro produttore. Sono gli unici ad essere in Conegliano paese e restano una garanzia grazie alla qualità e ai numeri (5,5 mln di bott. l’anno) che consentono di trovare il prodotto senza troppe difficoltà. Apprezzo sia il “classico” della gamma: il Prosecco Conegliano-Valdobbiadene Prosecco Superiore nella sua versione Extra dry dall’eccellente rapporto qualità-prezzo, sia la versione Brut senza dubbio. Sempre interessante resta degustare anche i prodotti che richiamano, in qualche modo, la tradizioni come il Rosè (Brut) da uve Pinot nero e per il 15% di Raboso, un rosso locale poco noto.

VILLA SANDI

Altro nome prestigioso, altra garanzia. Bellissima la Villa che, appunto, dona il nome all’azienda e risale al XVII secolo, per non parlare delle cantine sotterranee, molto affascinanti. È la famiglia Moretti-Polegato alla direzione da più generazioni e, a mio avviso, ha sviluppato una comunicazione e un’ospitalità eccezionali. Non a caso, oltre alla Villa -spesso scelta da americani e non solo per eventi speciali- completa il quadro una splendida “Locanda Sandi” dal tono più rustico ma di particolare finezza. I vini sono piacevoli e attenzione, non sto parlando solo del Prosecco Valdobbiadene Superiore (Extra dry) o l’elegante Cartizze “Vigna La Rivetta” che si lascia apprezzare sin da subito grazie ad un bellissimo packaging ma ci sono anche dei rossi interessanti che mi piacerebbe recensire a parte. Ad esempio “Corpore” il Merlot realizzato con il noto Cotarella, o anche “Marinali” (rosso) per esaltare la varietà locale, il Raboso.

malibran

malibran

MALIBRAN

Più spostata verso la zona di Conegliano, è certamente una delle mie aziende preferite di questo tour, non ho dubbi!

La visita con Maurizio Favrel, giovane titolare, è stata dettagliata e particolarmente interessante, abbiamo analizzato i singoli vigneti e poi degustato le singole basi. Ho percepito con chiarezza la grande passione per il territorio prima di tutto. Poco da aggiungere se non che ho amato veramente tutti i prodotti dell’azienda: dal Prosecco Superiore nella sua versione più classica, Extra-dry, alla versione più secca (Brut) che io personalmente preferisco e che esprime lo stesso equilibrio, piacevolezza e frutto che ci si aspetta dal Prosecco. E poi il Prosecco con il fondo (cioè con i lieviti visibili, quindi il prodotto è volutamente non limpido) per ricordare la tradizione quando gli spumanti erano così, intenso e diretto! Complimenti davvero.

BELLENDA

Passione, orgoglio, rispetto per territorio e tradizione. Sono un po’ tutti gli ingredienti di un’azienda familiare con un relais che consiglio vivamente “Alice”. Con il titolare ho discusso a lungo circa l’italianità del Prosecco che -insieme all’Asti- è il vero spumante italiano e si distingue da qualsiasi altra produzione. Un’azienda un po’ in controtendenza che crede tantissimo nel metodo classico, d’altra parte inizialmente anche per il Prosecco si usava la rifermentazione in bottiglia. “La Glera sposa perfettamente la lavorazione in autoclave a differenza di altre uve ma non è detto che i vini debbano essere perfetti, sempre che siano buoni” è questa la filosofia… sperimentale ma, in realtà, anche tradizionale dell’azienda. E allora non resta che provarli, hanno tutti personalità, questo è certo.

PERLAGE WINES

Azienda biologica. Ci arrivo in un pomeriggio di sole magnifico e allora vi confesso che ci ho speso molto tempo per fare delle belle fotoperlage. La linea è molto ampia e offre moltissima scelta quindi serve fare attenzione, non ultima la linea pensata per i giovani con un packaging molto colorato e un prodotto immediato, anche il nome è originale “Perlapp” cn la relativa App e che si lascia bere senza complicazioni. Mi colpisce anche il Prosecco “vegano” (durante il processo di chiarifica vengono utilizzate proteine di origine vegetale anziché di origine animale). A voi la scelta.

TANORÈ

Che vini signori! E che bella visita: senza giri di parole, senza enfasi, senza “peli sulla lingua” ma con rispetto, amore e determinazione: agricoltori veri, appassionati, persone vere che fanno il proprio lavoro senza preoccuparsi di essere “simpatici”, perché ci credono ed è per questo che poi hanno successo. Tanti i premi anche quest’anno per vini di classe direi. Bilanciati, con una certa struttura, complessi, perfino longevi in alcuni casi. Che irriverenza verrebbe da dire ma in realtà questi sono i vini che farei provare a chi non conosce il Prosecco, o a chi lo ritiene un vino semplice e niente più. Inutile aggiungere note per i singoli vini, pescate a occhi chiusi.

VAL D’OCA

val d'ocaProbabilmente l’azienda più grande della zona, con i suoi 12 milioni di bottiglie riesce ad offrire un bel rapporto qualità prezzo e tanti prodotti diversi anche con packaging diversi, andando incontro ai diversi gusti. Ho scritto a tal proposito di recente quindi per non ripetermi rimando al precedente articolo.

SCUOLA ENOLOGICA

Non potevo tralasciare un istituzione così importante della zona. Fondata nel 1876 dai Carpenè è ormai punto di riferimento importante. Approfitto per un tour con la Preside di grande gentilezza e personalità al contempo che mi confessa un aumento delle iscrizioni negli ultimi anni con una percentuale bassa di donne.

È qui che nasce il famoso “incrocio Manzoni” che prende il nome da colui che fu Preside della scuola (Luigi) e che attuò una modifica genetica di varietà diverse per ottenere delle particolari e migliori caratteristiche. Gli incroci sono diversi ed indentificati con un codice, il più noto è probabilmente il 6.0.13 (bianco).

Ma per insegnare a fare il vino serve… farlo e allora qui troviamo ben 13 ettari per una produzione di diverse migliaia di bottiglie; ho avuto la fortuna di provarne alcuni e parlo proprio di fortuna dato che questi vini sono acquistabili solo presso la scuola ma, chiaramente, non distribuiti (non trattandosi di produzione ai fini commerciali) e sono tanti e diversi, da quelli fermi a quelli Presentazione standard2frizzanti, bianchi rossi, rosati e così via. Mi colpisce la Glera frizzante, cioè la “nostra” Glera (base del Prosecco) che, in questo caso, non diventa spumante ma  è usata per produrre un vino frizzante, un rapporto qualità-prezzo pazzesco!

VARIE

Al di là delle visite in azienda ho avuto modo di provare diversi altri vini, mi limito a quelli che ho bevuto in questa stessa settimana quando il confronto tra i prodotti è più efficace e il quadro più completo.

Foss Marai resta un bel prodotto che non delude e anche la bottiglia si presenta bene.

De Faveri è di classe, perlage fine, mi sento di consigliarlo vivamente.

Col Veltoraz di cui leggo spesso pareri discordanti ma di cui ho apprezzato il “Brut zero” che sarebbe un dosaggio zero in sostanza (senza zucchero) e che ho trovato equilibrato, piacevole e adatto anche a piatti purchè non troppo elaborati.

 

Non mancheranno nuovi tour e nuove degustazioni e non mancherò di aggiornare e integrare questo report con novità.

 

Mi scuso per eventuali mancanze.