The “dark” version of the Wine Museum of Paris (Tour al museo del vino di Parigi… al buio!)

(ENG version   —   segue versione ITA)

It is the only wine museum in Paris, if you want to visit others, in France, you should reach Bordeaux.

I hope to visit some there too as soon as possible but it is unlikely I will relive the experience of the visit to a museum in the dark! The managers, in fact, that afternoon, told me it was the first time in which the whole neighborhood remained dark suddenly. But please find more details below to get where I was.

the dining room

the dining room

The wine museum in Paris is located below the street level and exactly in the caves created between the thirteenth and eighteenth century when it was digging to retrieve the stone necessary for the construction of the city of Paris just above.

Between the sixteenth and seventeenth century these caves were anyway used to store wine which had quite a reputation already. But the Italians have a role in this: the caves were used by the convent founded in Passy in the XIII century by St. Francesco of Paola (Paola is a town in Calabria region, southern Italy); the convent was surrounded by orchards and vineyards. In fact, it was common at that time, to find vineyards in the city. The vineyards within the city were explanted due to zoning requirements but one is still there: “Clos Montmartre”, just behind the Basilica.

The museum is housed in these caves with a trail of suggestion that the French are good to promote. There also is a source of water in its interior.

Well, perhaps now you can get better what I mean: when you start the tour at the wine museum of Paris, you get an audio-guide supplied with the torch… just for emergency. And my case became a sort of emergency! All the lights turned off while I was in the cave. I was with a few visitors, we could not do anything, we stopped, we were silent and we were… waiting for light! We did not wait very long fortunately so no panic, just fun.

some old tools

some old tools

The museum is a symbol in my opinion, to visit for the location or -maybe- for super-fans who can find old tools, corkscrew and some old piece of history about consumption and so on.

What is also interesting is the wine tasting held in a more modern part of the museum but same style: you can choose a red or a white paired to fine french cheeses. In this fascinating Dining room it is also possible to have lunch, they also organize some monthly events generally.

Furthermore the rooms are available for private or corporate events after 6 PM, when the museum is closed to the public.

 

 

(versione ITA)

Il Museo di Parigi è un luogo suggestivo che si trova nella città sotterranea dove un tempo i monaci conservavano il vino. Si tratta delle cave createsi per recuperare la pietra che servì a costruire la città di Parigi. Trovarsi in grotte al buio a causa di un black out nel quartiere è un’altra storia.

tasting

tasting

Leggi l’intero articolo qui: http://www.wineverse.it/blog/museo-vino-parigi-buio/

Oppure scarica il PDF qui: museo paris – pdf da wlog

In attesa del Congresso Nazionale AIS (in italian)

E’ ancora il prisma, mitizzato grazie alla famosa copertina dei Pink Floyd per “The dark side of the moon”, simbolo della magia. Stavolta però attraversa un bicchiere, o meglio un calice.

Siamo alla 48ma edizione del Congresso Nazionale dell’AIS (Associazione Italiana Sommelier) che si terrà a Torino dal 22 al 24 Novembre (2014).

“Wine To Magic” recita la copertina che avvia ad un programma veramente interessante con appuntamenti unici, eleganti presentazioni, anterprime e degustazioni verticali (degustazioni di uno stesso vino ma di annate diverse) e non.

In trepida attesa, seguitemi a fine novembre per saperne di più.

A presto

Per maggiori info, clicca qui: http://www.congressoaistorino2014.it/programma/ 

My night harvest (Vendemmia notturna con Nicola Venditti)

(ENG version   —   segue versione ITA)
There may be several stages to discover a winery and its style. The first is clearly the tasting of its wines, the main element of course, but it’s not enough.

It is important to discover the production areas, to see the vineyards and talk to people who work them. If you then get the chance to really know the producer-and not with the only through a handshake- then you can understand more because you can read all the information not included on the label!

nicola venditti

nicola venditti

That’s what I try to do with my tours, my interviews and so on and last weekend I have been lucky to fully realize it with Nicola Venditti at his “Antica Masseria Venditti” in Benevento area in Campania region (south of Italy) where he produces about  65.000 bottles. Among his main wines: “Falanghina”, typical white of this area, the red “Barbera of Sannio area” different from the “Barbera” variety produced in Piedmont and “Aglianico”.

Nicola has organized its night harvest, the eighth edition, for a few people to manage it better.

The attention to detail, the hospitality of Nicola and his family, represent a few simple concepts. The usual passion and dedication. Trivial but fundamental, but not the ones declared on posters and websites by many wineries nowadays, I mean the real and proven ones.

We are less than 20 and we are greeted outside the farm for a presentation of the event and a tasting of a new line named “Assenza”, wine without sulfites. I was impressed, you can find online the several awards they got but today I want to tell you something behind the scenes.

nicola venditti

nicola venditti

The evening continues with an excellent dinner combined with different wines as well as an excellent oil. All the wines are truly good, clean, rich, with fine bouquet and full palate! My favorite ones were probably the whites and in particular the Blend named “Bacalàt” with its incredible complexity, the acidity typical of the “Falanghina” grape is softened by the other two grapes. And then the white “Assenza” (made of Falanghina grape which lives of its own personality! Its aromas varies glass by glass. We go on with “Game of the grape” after dinner. We have to play with dices and answer questions about wine and Venditti winery, brilliant! The prizes? The numbered bottles obtained from the harvest of the previous night harvest: 140 bottles  that Nicola has packaged with old bags and equipped with a mini brochure containing the thoughts of the participants of the previous edition. The evening is over since we are going to wake up at 4.00 AM for the night harvest! And so it was: before 5.00 we are in the vineyard. Nicola turns the spotlight and we all -already armed with gloves, scissors, aprons and bandanas- are followed by the attentive staff of Nicola.

We picked white first and red then and we observed how they begin the process of each one in the cellar.

Around 7 AM we are ready for breakfast but the “farmer” one: prosciutto, cheeses, salads and wines of course, no pastry, no coffee! At this point Nicola gives us paper to leave our impressions.

Everything is perfect, everything has a logic, professionalism leaves space to fun, the game becomes instructive. But Nicola is not alone, there are his wife ‘Donna Lorenza’ a wonderful chef and an artist who realized the wine labels. And then his gays Andrea and Serena, thanks everybody for this wonderful experience.

breakfast

breakfast

(versione ITA)

Ci possono essere diversi step di conoscenza di una cantina, di un produttore. Il primo è chiaramente la degustazione dei suoi vini, l’elemento principale “sine qua non” chiaramente, ma non basta.

È importante scoprire il luoghi di produzione, le vigne e la cantina e naturalmente le persone. Se poi hai modo di conoscere, veramente, il produttore -e non con la sola stretta di mano- allora puoi capirci di più perché puoi leggere tutte le informazioni che l’etichetta non può contenere ma in molti casi sono le più importanti.

the bottles of the previous edition

the bottles of the previous edition

È ciò che cerco di fare con i miei tour, le mie visite, le interviste, le intrusioni e questo week end ho avuto la fortuna di realizzarlo appieno con Nicola Venditti presso la sua “Antica Masseria Venditti” a Castelvenere in provincia di Benevento: 11 ettari di proprietà, 65000 bottiglie in totale. Tra i vini principali: Falanghina, tipico bianco della zona, la Barbera del Sannio da non confondere -evidentemente- con quella piemontese, l’Aglianico.

Nicola ha organizzato la sua vendemmia notturna, l’ottava edizione di “Raccolta e Racconti di Vino notturno da Venditti” a numero chiuso per gestirlo al meglio.

La cura dei dettagli, l’accoglienza di Nicola e della sua famiglia, la completezza dell’evento -dall’arrivo al sabato sera fino al saluto della domenica mattina successiva- trasudano pochi semplici concetti. Parlo dei soliti, d’altra parte: passione e dedizione. Banali, potrebbe dire qualcuno, però fondamentali, ma io non mi riferisco a quelli urlati su locandine e siti internet ormai da molte cantine, intendo quelli veri, quelli dimostrati appunto.

Siamo in meno di 20 e siamo accolti all’esterno della Masseria per una presentazione dell’evento ed una degustazione di una novità: la sua ultima linea “Assenza” di cui avevo letto tanto ma che non avevo ancora provato e mi hanno colpito molto. Si tratta di vini senza solfiti aggiunti. I premi non a caso sono arrivati numerosi ma quelli li trovate sulle guide. Oggi vorrei raccontarvi qualcosa del dietro le quinte.

grape game

grape game

La serata continua con un’ottima cena in abbinamento ai vini dell’azienda nonché un ottimo olio. Tutti molto buoni, davvero: vini di territorio, puliti, ricchi con ottimi bouquet e palati pieni! I miei preferiti sono stati probabilmente i bianchi ed in particolare il Blend “Bacalàt”: la Falaghina mista a Grieco e Cerretto acquisisce una complessità incredibile e un’aromaticità ulteriore, l’acidità tipica della Falanghina sostiene il vino ma viene ammorbidita dalle altre 2 uve. E poi c’è “Assenza” (di Falanghina) che vive di… personalità propria: un’aromaticità che varia ad ogni bicchiere, intensa, diversa; non caso lo scelgo come pedina per il “Gioco dell’uva” che segue la cena. Siamo divisi in squadre per accaparrarci la bottiglia numero 1 della vendemmia notturna dell’anno precedente. Si tratta sostanzialmente del gioco dell’oca tutto reinventato da Nicola: i dadi giganti con chicchi d’uva al posto dei pallini neri, un funzionamento simile al “gioco dell’oca” con i “resta fermo, rilancia etc” e domande incentrate sulla sua azienda e i suoi vini, geniale! I premi? Le bottiglie numerate ottenute dalla vendemmia notturna dell’anno scorso: 140 bottiglie Nicola ha confezionato con sacchetti di iuta originale cucite con filo rosso o giallo (in base al vino –rosso o bianco- contenente) e corredato con una mini brochure contenente i pensieri dei partecipanti dell’edizione precedente, capirò a seguito a quali pensieri si riferisce.

È mezzanotte e decidiamo che la serata è finita dato che abbiamo sveglia alle 4,00 per la vendemmia notturna! E così è stato: prima delle 5,00 eravamo in vigna. Nicola, da rito, accende i riflettori e tutti noi già armati di guanti, forbici, grembiuli e bandane siamo seguiti dai collaboratori attenti di Nicola. Iniziamo con le uve bianche e dopo averle portate in cantina per vedere con i nostri occhi come viene avviata la produzione procediamo con le uve rosse e, ancora una volta, avviamo insieme il procedimento. L’entusiasmo è notevole, non mancano battute e osservazioni sulle uve che hanno sofferto di più in questa annata difficile, forse l’Aglianico? Siamo in un vigneto didattico, le somme Nicola le tirerà nei prossimi giorni.

in cantina

in cantina

Intorno alle 7,00 siamo pronti con la colazione ma quella “del contadino” e si parte così con salumi, formaggi, insalate e gli immancabili vini. A questo punto Nicola ci fornisce di carta intestata per lasciare le nostre impressioni mentre a turno leggiamo quelle degli anni precedenti.

Tutto è curato nel dettaglio, tutto ha un filo, la professionalità lascia spazio al divertimento, il gioco diventa istruttivo. Ma Nicola non è solo, ci sono la moglie Donna Lorenza che oltre ad essere chef, è un’artista  e non a caso autrice delle etichette dei vini. E poi i figli Andrea e Serena che -d’altra parte- fanno parte, anche loro, del nome dei nuovi vini insieme ai genitori (Andrea SSerena Enza Nicola ZA: la fine di del nome Lorenza).

A game to learn about white wines (La caccia al vino intruso di Oppida Aminea)

(ENG version   —   segue versione ITA)

A game to find the intruder wine: such a fun and challenging idea. This is the annual meeting of the winery “Oppida Aminea” belonging to Archipelago Muratori a group that produces some of the well-known Italian wines in each region of origin: the reds in Tuscany, sparkling wine in Franciacorta, sweet wine on Ischia island and whites, ops the … “yellow wines ” -as they used to define them- in Benevento, Campania region – south of Italy.

So this is a communication game invented by the young Michela who, regardless of age, is young for the freshness of her ideas!

historical building

historical building

This time we are in a historic building in the city of Benevento, we are divided into teams and we are ready to taste blindly (i.e.the bottles are covered- read what it means here); there are 4 batteries of white wines from Campania wine region: Falanghina, Fiano, Greco, Coda di Volpe. Each battery consists of 3 wines from 3 different companies, 2 are produced in Benevento area where we are, the other one … is the intruder!
Even if we know the territories and their differences, at the table we are incredulous, we realize the difficulties, despite the help of the various producers Michela has engaged in this edition. I am at the table with some other friends who work in the wine industry and we discuss with light tone despite the need to vote in a couple of occasions.

But we made it! We won, we could not believe it: 4 of 4! Wonderful. The awards are wines of course! An opportunity like few others,it is nice to meet people like that, congratulations to Michela, her wines and the Archipelago Muratori.

 

me and the trophy

me and the trophy

(versione ITA)

Una caccia al tesoro per scovare il vino intruso: quale idea più divertente e stimolante. Semplicemente questo per stare insieme ogni anno con l’azienda beneventana Oppida Aminea dell’Arcipelago Muratori che produce alcuni dei più noti vini italiani ciascuno nella sua regione d’origine: i rossi in Toscana, lo spumante in Franciacorta, il passito a Ischia ed i bianchi, ops… i “gialli” -come usano definirli in azienda- a Benevento in Campania.

Ed è questo ormai il gioco di comunicazione inventato dalla giovane Michela la quale, al di là dell’età, è giovane per la freschezza delle idee!

ready to taste

ready to taste

Quest’anno siamo in un palazzo storico a Benevento, siamo divisi in squadre e siamo pronti a degustare alla cieca (cioè a bottiglie coperte – cos’è una degustazione alla cieca?) 4 batterie di vini bianchi campani: Falanghina, Fiano, Greco, Coda di Volpe. Ciascuna batteria è composta da 3 vini di 3 aziende diverse, 2 sono sanniti uno… è l’intruso!

Al tavolo ci guardiamo increduli, ci rendiamo conto della difficoltà, nonostante gli aiuti dei diversi produttori che Michela ha pensato di coinvolgere in questa edizione. Sono al tavolo con Gianluca De Cicco, Maurizio Allaria, Gianpaolo Schettino e Betty Colella, siamo tutti del settore chi per passione, chi per lavoro (ristorazione, commercio, etc) e ci confrontiamo con tono leggero nonostante la necessità di mettere ai voti la scelta dell’intruso in un paio di occasioni.

Ma ce l’abbiamo fatta! Abbiamo vinto, non potevamo crederci: 4 su 4, che squadra. A dire il vero gli organizzatori ci comunicano con sorpresa che hanno vinto 3 squadre a pari merito e riconosco in una anche una collega, la sommelier Serena De Vita, complimenti anche alle altre 2 squadre.

the producers

the producers

I premi sono i nostri amati vini per cui niente di meglio.

Un’occasione come poche, che bello incontrare persone così, complimenti a Michela e all’Arcipelago Muratori e i loro ottimi vini.

Is it possibile to find sparkling wine in southern Italy? (L’azienda pugliese che produce solo Spumante Metodo Classico)

(ENG version   —   segue versione ITA)

How many know that a company in Puglia region – south of Italy (the heel of the boots, to be more effective), produces exclusively Spumante Metodo Classico (method of second fermentation in the bottle)? And not even from yesterday morning basing on the fact that nowadays the so-called “bubbles” live a very positive trend also thanks the communication which is promoting the consume of sparkling wines even daily. “d’Araprì” winery produces ONLY Spumante Metodo Classico (in San Severo city) since 30 years ago, more specifically since the 1979 when 3 friends, whose union of their surnames named the company too, they decide to challenge the beliefs and produce sparkling wine in the southern area. It is not just a way to complete the lines then!

It is unusual as the most important production of sparkling wine in Italy are concentrated in the north: Franciacorta (read some curiosities here), Prosecco, Trento DOC like the famous “Ferrari” brand; in the south of Italy this kind of produciotn is less diffused, except some wineries, the others are, lately, producing some sparkling wines to diversify and experimenting, with good results in some cases but with a long way to be driven still.

d'Araprì winery with its sparkling wine "Riserva Nobile"

This case is different, it is original.

The protection of the surrounding mountains prevent freezing, ventilation ensures health, rich soil composition and the day-night temperature fluctuations determine a perfect ripening of the grapes. These are all territorial elements that convinced Girolamo D’Amico, Louis Rapini and Ulrico Priore to believe and to combine their passion for jazz with the one for wine.

Bombino Bianco (a typical white grape from Puglia);

  • Pinot Noir, red grapes well known in the world of bubble;

These are the 2 main varieties chosen for their wines processed and stored in underground tunnels dating back to the 1700 century, those caves stretch for about 1000 meters and are easily accessible because they are situated in the historical center of the city.

The line is composed by the 2 classic ‘Brut’ Spumante, white and rosé, by the ‘Pas-Dose’, the driest one of the range; then by “Riserva Nobile”, single-vintage made only of white grapes, the “Gran Cuvée” for lovers, aged and complex; finally, “Dama Forestiera” producted only in Magnum and aged for at least 5 years, the gem of the winery.

This summer, I have had the pleasure to taste the 2 classic ‘Brut’ ones: the white with hints of yeast and soft citrus notes, medium complexity, good as aperitif and hot summer days; the pink one, with slightly fruity notes. I was intrigued and also by the pride of the owners!

A nice surprise to share, an interesting and historical tour, a great curiosity that challenge local belief.

the winery, the stairs

 

(versione ITA)

Quanti sanno che un’azienda pugliese, a sud Italia, produce solo ed esclusivamente Spumante Metodo Classico (metodo della rifermentazione in bottiglia)? Ma non da oggi, era in cui le cosiddette “bollicine” vivono un trend più che positivo e si sta lavorando tanto sulla comunicazione di un prodotto da tutto pasto e non solo aperitivo o peggio ancora da dessert (a meno che non sia della tipologia ‘dolce’).

“d’Arapri” produce SOLO Spumante Metodo Classico a San Severo (provincia di Foggia) in Puglia e lo fa da 30 anni, esattamente dal 1979 quando 3 amici, la cui unione -anche dei cognomi- ha dato .. nome all’azienda (mi scuso per la ripetizione), decidono di sfidare le convinzioni e produrre in zona -meridionale- spumante! Non è, quindi, un completamento di gamma o una diversificazione! Mi spiego meglio: la produzione di bollicine di qualità è concentrata al Nord, basti pensare al Franciacorta in Lombardia (leggi qualche curiosità qui), al Prosecco del nord-est italiano e a Trento DOC con la nota azienda Ferrari, per dirne una. Il Sud, tranne alcune eccezioni, ha iniziato da poco a produrre bollicine spesso per completare la gamma, con risultati interessanti in molti casi ma anche con tanta strada da fare ancora avendo altre eccellenze ben note anche all’estero.

the building

 

Il caso d’Arapri è diverso. La protezione dei monti circostanti che impediscono gelate, la ventilazione che previene le muffe e quindi garantisce sanità, la ricca composizione del terreno e le escursioni termiche giorno-notte che determinano una perfetta maturazione delle uve. Ecco gli elementi territoriali che hanno convinto Girolamo D’Amico, Louis Rapini e Ulrico Priore a crederci e ad abbinare alla passione per il jazz quella per il vino.

 

  • Bombino Bianco, tipica uva bianca pugliese;
  • Pinot Nero, uva rossa ben nota nel mondo delle bollicine;

Queste sono le 2 varietà principali prescelte per i vini lavorati e custoditi in gallerie sotterranee risalenti al 1700. I sotterranei si estendono per circa 1000 metri e sono facilmente raggiungibili perché situati nel centro storico della città.

La linea è composta dal Brut più classico, sia bianco sia rosato, dal Pas-Dose, il più secco della gamma; poi dalla “Riserva Nobile”, millesimato e di sole uve bianche, la “Gran Cuvée” per gli appassionati: invecchiato e complesso; infine la “Dama Forestiera” prodotto solo in Magnum e affinato per almeno 5 anni, la chicca aziendale. cantina

Ho degustato questa estate i 2 Brut classici, il bianco con note di lieviti e agrumi, di media complessità per aperitivi e calde giornate estive; il rosato con note leggermente fruttate. Sono rimasta colpita anche dall’orgoglio dei titolari!

Una bella sorpresa da condividere, un tour interessante, una grossa curiosità che sfida le convinzioni territoriali.

 

 

1

What really is a blind tasting? (Il fascino della degustazione alla cieca: capiamoci di più)

(ENG version   —   segue versione ITA)

What does blind tasting mean and which role it assumes for experts and those who work in the wine industry?

bagged bottle

covered bottle

A blind tasting, for the less experienced, means to taste wine from bagged bottles (covered) so you do not have any information about the producer in particular and therefore the design of the label. It is the practice used throughout the world for the most important competitions: judges assess the quality of the wine without being affected by the name of the winery, price or whatever. The judges are generally provided with informative sheets including info depending on the competition: alcohol, grapes, production area, in some cases, price range, and so on.

The experts would probably agree when I say that I personally find that the blind tasting has a crucial value and that the conditioning exists: one can approach a wine tasting with the best of intentions but somehow the visual impact of packaging as well as the name of the producer can certainly influence us in positive or negative. Exactly what should not happen in a contest! The blind tasting allows you to measure yourself, measure your beliefs and often holds surprises or confirmations!

But what’s the opinion of some other wine experts with different backgrounds?

Giacomo Manzo, Winemaker responsible at the Regional wine and oil Institute in the region of Sicily (south of Italy), confess to be extremist, according to him wine experts should not be even told the production area in order to freely identify the real characteristics of the wine resulting from the terroir. Giacomo believes that blind tasting is a fundamental training but which requires an excellent knowledge of the territories.

Alberto Lupini, director of the populat italian magazine “Italia a tavola” (meaning: Italy at the Table) claims “generally I prefer the competitions which foreseen monovarietals tastings because they allow to investigate more upon technical nuances”

Finally, Maurizio Valeriani, journalist, lecturer at the national wine association ONAV, clearly states “for me blind tastings are almost a religion, I wrap the bottle myself at home, leave them somewhere and make blind tasting even alone; it is not necessarily the best method, but certainly the most honest one”.

See you soon with the next curiosities at Chiara’s Food & wine discovery!

wine info

wine info

 

(versione ITA)

Fare una degustazione alla cieca, per i meno esperti, significa degustare dei vini da bottiglie coperte in modo da non avere alcuna informazione in particolare riguardo il produttore e di conseguenza la grafica dell’etichetta. È la pratica utilizzata in tutto il mondo per i concorsi più importanti.

Ma che ruolo assume per gli esperti e coloro che per lavoro la praticano con molta frequenza.

Leggi tutto l’articolo qui: http://www.wineverse.it/blog/fascino-degustazione-cieca-capiamoci/

oppure scarica il PDF qui: Degustazione alla cieca -pdf da wlog

 

 

 

Women in the wine business (La prima edizione del premio alle donne del vino in campania “Erminia Di Meo”)

(ENG version   —   segue versione ITA)

‘Women in the the wine world’ is a recurring theme, especially in Italy. But, yesterday (sept the 11th) at the first edition of the competition “Pink Companies for Erminia Di Meo” has been special! Erminia Di Meo (who died in 2012), has been one of the first women in the wine business in Campania wine region; she worked to create value and not only wine. And this is the theme that emerged last night along with with the success of “pink”: women are now numerous as enologist, agronomist and also sommelier. Yesterday there were so many who all agreed about the fact that the competition, in this case, has been just an excuse, the has been to promote a territory, do synergy and remember Erminia and her example.

milena pepe one of the winners

milena pepe one of the winners

By the way, we are in Campania (the region of Napoli), and more specifically in the renowed wine area in the distric of Avellino city where, among the others, the whites Fiano di Avellino, Greco di Tufo and the reds Aglianico and Taurasi are now products of excellence on a global scale.

But only 2 categories had been foreseen to enter the competition: the white Fiano and the red Taurasi; producers could choose whether to participate in one or both categories. Please find here the winners, anyway:

 

 

 

  • “Taurasi” Category: Milena Pepe of “Tenuta Cavalier Pepe” winery with her “Opera mia”
  • “Fiano di Avellino” Category: Laura Di Marzio for “Quintodecimo” winery with their “Exultet”
  • Category “best combination Fiano + Taurasi”: Milena Pepe again

They both are well-known companies here in Italy and on the international wine scene I can state with determination, this is because of the quality they guarantee year by year, for the elegance of their wines, the research work, to be ambassadors of values! I love both companies -if still not clear- and I will write in more details about each one soon.

The women have been awarded by a local artist Maria Rachele Branca with her very nice creations.

the congress

the congress

Luciano Pignataro, notorious wine&food journalist, ended the event saying that maybe we miss more women who can tell about wine, women who write about wine are still few… here is my contributions!

 

(versione ITA)

Le donne del vino, un tema ricorrente. Ma così come trattato nella I edizione del concorso “Imprese in rosa – Erminia Di Meo” ha un non so che di speciale! Erminia e Di Meo (scomparsa nel 2012 – leggi un articolo qui), è stata punto di riferimento, una delle prime donne del vino in Campania la quale senza volerlo “creava valore” e non si limitava a produrre un bene. E’ questo il tema emerso ieri sera (11 Settembre 2014) insieme al successo del… “rosa”: le donne sono ormai numerose, enologhe, agronome, sommelier e ieri ce ne erano tante tutte d’accordo però: il concorso in questo caso non è prioritario, l’obiettivo è un altro, è promuovere un territorio, è fare sinergia, è ricordare Erminia e continuare i suoi progetti su questa terra e per questa terra eccezionale.

quintodecimo, one of the winners

quintodecimo, one of the winners

Siamo in Campania, nella provincia di Avellino dove, tra gli altri, i bianchi Fiano di Avellino, Greco di Tufo e i rossi Aglianico e Taurasi sono ormai prodotti di eccellenza su scala mondiale.

Ma sono solo 2 le categorie con le quali partecipare al concorso: Fiano e Taurasi, le donne produttrici potevano scegliere se partecipare con un solo vino o con entrambi e per curiosità ecco le vincitrici:

  • Categoria Taurasi: Milena Pepe – tenuta Cavalier Pepe con il suo “Opera mia”
  • Categoria Fiano di Avellino: Laura Di Marzio per Quintodecimo con il loro “Exultet”
  • categoria MIgliore combinazione Fiano+taurasi: ancora Milena Pepe

Si tratta di aziende ben note nel panorama vitivinicolo locale ed internazionale affermo con decisione, per la costanza nel tempo, per l’eleganza dei vini, per il lavoro di ricerca continuo, per essere ambasciatrici di valore! Amo entrambe le aziende se ancora non fosse chiaro e scriverò più approfonditamente di entrambe a breve per fare emergere il diverso carattere di ciascuna.

Le vincitrici sono state omaggiate di un’opera di maria Rachele Branca, nota artista locale!

Luciano Pignataro, noto giornalista enogastronomico di origine campane, conclude dicendo che forse l’unico campo in cui le donne sono ancora poche è quello giornalistico, allora… ecco il mio contributo.

the wines

some of the wines

 

Food you cannot pair with wine (il cibo che non puoi abbinare al vino)

(ENG version   —   segue versione ITA)

If you love eating raw fish with an aged red, do it! The taste is subjective and everyone should be free to eat what he/she likes and make the combinations he/she prefers.

artichoke (carciofo)

artichoke (carciofo)

It ‘s true, however, that there are criteria which help in food and wine pairings so that the aromas of the wine does not prevail over food’s one and vice-versa. And there are some foods really difficult to match with wine.

Here are some examples:

 

  • Chocolate: maybe you could try with certain kinds of very aged reds, with toasty and spicy notes or, better,  liqueur reds like Porto;
  • Liqueur Cakes: the presence of liquor makes difficult the combination of any wine;
  • Artichokes: especially if raw, because they make the wine sweet or metallic;
  • Fennel: because of their aromatic persistence with which the wine is not always able to compete;
  • Spices and chilli then: they “burn the palate“, you can hazard a wine with high acidity and low in alcohol;
  • Food with vinegar: vinegar ‘s aroma does not fit easily with wine.
spices (spezie)

spices (spezie)

(versione ITA)

Se ami mangiare il pesce crudo con un rosso invecchiato, fallo! Il gusto è soggettivo e ciascuno deve essere libero di mangiare ciò che preferisce e con gli abbinamenti che preferisce.

E’ vero, tuttavia, che esistono dei criteri che aiutano negli abbinamenti cibo-vino affinché gli aromi del vino non prevalgano -coprendo o distorcendo- quelli del cibo e viceversa. Ed esistono alcuni cibi spesso oggetto di discussioni, davvero difficili da abbinare al vino.

chocolate

chocolate

Ecco alcuni esempi:

  • Cioccolato: forse si potrebbe tentare con qualche rosso molto invecchiato con note tostate e speziate o, meglio, un rosso liquoroso tipo Porto;
  • Torte liquorose: la presenza di liquore rende difficile l’abbinamento di qualsiasi vino;
  • Carciofi: soprattutto se crudi perché rendono il vino metallico oppure dolciastro;
  • Finocchi: data la persistenza aromatica con cui quella del vino non sempre riesce a competere;
  • Spezie e quindi peperoncino: questi “bruciano il palato”, si possono azzardare vini con un’alta acidità e comunque poco alcolici
  • Cibi Acetosi: l’aceto non si accorda facilmente col vino

Ca’ del Bosco winery and its top wine: Annamaria Clementi (il top di gamma di Ca’ del Bosco)

(ENG version   —   segue versione ITA)

I do not think I need to write again about quality of a wine like that.  Or maybe, while tasting, we should forget about big names and big bottles, because, as we know, the wine lives, the vineyard is subject to weather conditions and the level of production and quality may change. Even if, it is also true that the producer can guarantee for us.

As promised in a previous article about Ca’ del Bosco, one of the most notorious Italian producer of sparkling wine in Franciacorta (Lombardia region, north of Italy) , where I wrote about some curiosities (read the article here) I would write, now, about their top wine, directly.

annamaria clementi, the tasting at ca' del bosco

annamaria clementi, the tasting at ca’ del bosco

The cuvée “Annamaria Clementi” is a Franciacorta Riserva, I tasted the latest vintage available, the 2005 one (55% Chardonnay, 25% Pinot Blanc, Pinot Noir 20%). Yes, I confirm, bubble 8 years old that debunks the myth that sparkling wines are made to be drunk young only. It remains true, the effervescence would be lost otherwise, we do not want to get super technical, but- in some cases- following a certain kind of production, basing on the moment in which disgorgement happens, the eventual use of wood for the aging for instance, and so on, it is possible to produce bottles which express themselves after a while. And this is a perfect example, in fact, the company continues to make vertical tastings starting from the vintage 1979 (first year of production) with enormous satisfaction.

At the sight the liquid has a strong yellow tonality showing a certain age somehow. The nose has light notes of yeast, toast and a hint of citrus but pushed to the grapefruit mixed with jam and candied fruit even better. Explodes on the palate: balanced, harmonious, evolves in the glass becoming softer, there are not excesses. The back is long, nice flavor of caramelized fruits and leaves your mouth fresh and clean.

Annamaria Clementi, the mother of Maurizio Zanella (founder of Ca’ del Bosco) has certainly been honored in the best way.

(versione ITA)

Non credo ci sia bisogno di ripetere la qualità di un vino del genere. O forse si? O forse non va bene dimenticarsi dei grandi nomi e delle grandi bottiglie, anche perché, come sappiamo, il vino vive, la vigna è soggetta alle condizioni climatiche e il livello produttivo e qualitativo può cambiare così come, in alcuni casi, lo stile dell’azienda produttrice che -ad ogni modo- è garanzia di anno in anno, ecco perchè molte aziende in annate cattiva tralasciano alcuni prodotti o intere linee/varietà.

ca' del bosco, the show room

ca’ del bosco, the show room

E allora mi lancio con orgoglio nella descrizione del vino top dell’azienda Ca’ del Bosco, una delle più note in Franciacorta per le sue bollicine di qualità prodotte dal 1969. Dopo aver parlato di altri aspetti più curiosi dell’azienda (leggi l’articolo qui) mi fermerei, oggi, al vino, al prodotto finale, ciò che a molti interessa maggiormente senza perdersi in chiacchiere.

La cuvée “Annamaria Clementi” è un Franciacorta Riserva, io ho degustato l’ultima disponibile, l’annata 2005. Chardonnay 55%, Pinot Bianco 25%, Pinot Nero 20%. Si, confermo, una bollicina di circa 8 anni che sfata il mito secondo cui questi sono prodotti da bere giovani. Resta tutto vero in linea di principio, l’effervescenza si perderebbe diversamente, non ci vogliono dei super tecnici per arrivarci ma in alcuni casi, seguendo una certa modalità di produzione, in base al momento in cui a quando avviene la sboccatura, all’uso del legno e ancora altro, è possibile produrre bottiglie che si esprimono meglio dopo un po’. E questo è un esempio perfetto, anzi, l’azienda continua a fare verticali a partire dall’annata 1979 (primo anno di produzione) con enormi soddisfazioni.

Alla vista il liquido ha colori di tonalità leggermente più cariche data l’età chiaramente. Al naso ha note leggere di lieviti, tostatura ed una nota agrumata ma spinta verso il pompelmo mista a confettura e ancora meglio frutti canditi. In bocca esplode: bilanciato, armonioso, evolve nel bicchiere divenendo sempre più morbido, non ci sono eccessi ed è vivace. Il retro è lungo, piacevole, con note di frutti caramellati e lascia la bocca fresca e pulita senza alcun rimando all’amarostico.

Annamaria Clementi, madre di Zanella Maurizio (fondatore di Ca del Bosco il quale ha trasformato “una casa in un bosco di castagni in una delle più moderne e avanzate cantine”, recita il sito stesso) è stata certamente onorata nel migliore dei modi.

The power of walnuts! (Il potere delle noci)

(ENG version   —   segue versione ITA)

I love dried fruits and its great in salads.
Moreover they have wonderful nutrition properties: walnuts contain phosphorus, calcium, iron and potassium,they are rich in zinc; and this is why walnuts are particularly suited to a vegetarian diet.
They contain oily and consequently are rich in nutrients; so, their calorific value is high, consider that every 100 grams of walnuts provides about 580 kilocalories. Among the vitamins are A, B1, B6, F, C, and D; Finally, walnuts are very rich in fatty acids that help fight cholesterol, better known as “bad” cholesterol.

 

walnuts

(Versione ITA)

Ecco, l’ho sempre detto di aggiungere noci e frutta secca in genere all’insalata, dona un tocco di gusto e… di salute.

ricche di vitamine, nutrienti e indicate per combattere il cosiddetto “colesterolo cattivo”, ecco perché consigliate in diete vegetariane.

Qualche altro dettaglio è sul blog dello chef Dormicchi sempre pieno di curiosità: http://www.trigliadibosco.it/2014/06/noci/